pixabay

Santi numi! Riscoperti gli scritti perduti del monaco Jacopone da Masini

Santi numi! Nei recenti scavi archeologici tenutosi a settembre presso il sito di Exòrma (antica località monastica, dispersa nel grande nulla agricolo padano) sono stati rivenuti gli scritti (ritenuti perduti) del monaco Jacopone da Masini. Ma, rubando le parole a Don Abbondio, chi era costui?

Gli stralci biografici di Jacopone da Masini sono alquanto scarni, ma incrociando i vari riferimenti che troviamo nelle cronache medievali possiamo scoprire qualcosa. L'attività monastica non si limitava allo studio dei classici e alla copiatura degli antichi trattati, bensì Jacopone coltivava in parallelo altre arti del trivio. Scrittura creativa travestita da inedito resoconto agiografico. A quanto pare il suo libello Santi numi è un unicum nel panorama letterario delle arti liberali dell'Età di Mezzo, un vero Novellino ricontestualizzato con sardonica ironia nel dipingere l'umanità attraverso le sue bassezze e contraddizioni, nel loro scarno splendore (divino).

A quanto pare Jacopone da Masini rielabora alcuna trattatistica ellenistica come i Caratteri di Teofrasto o le meno recenti Vite Parallele di Plutarco, fino a contemplare una irridente emulazione delle vite dei santi. In sintesi, Santi numi è una ritrattazione demistificante della martirologia cristiana e delle sue agiografie o è un biografema degli ultimi che vanno innalzati ai cieli? Dubbio evangelico o raffinata eresia?

Santi numi Jacopo Masini Exòrma Edizioni
La copertina dell'antologia di racconti Santi numi di Jacopo Masini, pubblicata da Exòrma Edizioni (2021) nella collana quisiscrivemale

Ma passiamo a sciogliere l'arcano. Il tutto sembra un clickbait, eppure non lo è. Almeno in parte. Il libro esiste davvero e si chiama sul serio Santi numi, lo ha scritto Jacopo Masini e pubblicato Exòrma Edizioni, notevole realtà indipendente che merita davvero molta attenzione.

Masini, in questo antologico di racconti più o meno brevi, riscrive il materiale biblico calandolo in un contesto bizzarro, con protagonisti che conquistano senza alcuna ragione la somma beatitudine. Una agiografia anomala, magica, burlesca e del tutto umana, una contro-solennità che diverte il lettore e lo conquista. La dissacrazione divina viene via via stemperata da un'ironia paesana e scanzonata con alcuni micro-racconti (in cui Masini eccelle), che ritraggono i beati minori nelle loro surreali esistenze. Masini oscilla come un funambolo della narrativa, con la sua voce canzonatoria e sberleffa e a tratti più intima e edificante, senza mai patinare i suoi scritti di un moralismo inutile e forzato.

In definitiva, i lettori che amano Celati, Malerba e Cavazzoni troveranno un autore da scoprire con gusto, grazie a Santi numi.

 

https://www.classicult.it/polpette-e-altre-storie-brevissime-jacopo-masini/

pixabay
Foto di pasja1000

polpette e altre storie brevissime Jacopo Masini

I miracoli dell'editoria indipendente: Polpette e altre storie brevissime di Jacopo Masini

Per strane combinazioni del destino un libro stupendo, Polpette e altre storie brevissime si è incuneato nella mia libreria, ma prima di farlo si è ritagliato un posto singolare tra i ventricoli palpitanti del mio cuore. Jacopo Masini lo conoscevo come uno dei responsabili di Saldapress, squisita casa editrice di fumetti, ma non ero certo pronto al suo lato di scrittore (e divulgatore, insegnante, comunicatore).

polpette e altre storie brevissime Jacopo Masini
Copertina di Polpette e altre storie brevissime, di Jacopo Masini, pubblicato da Del Vecchio Editore (2020), con illustrazioni di Rossana Capasso e progetto grafico di Maurizio Ceccato

Polpette e altre storie brevissime, edito da Del Vecchio Editore, è stata una scoperta a dir poco straordinaria. Prendendo in prestito dalla tradizione favolistica italiana, dai racconti di Malerba, dagli apologhi o le massime di grandi moralisti, Masini instaura uno storytelling del tutto personale e inedito, una contro-narrazione del minimalismo. Serpeggia il cinismo delle agre centurie manganelliane, ma anche le stoccate satiriche e sprezzanti dei grandi aforisti; ma questi sono soltanto echi, tributi, rimaneggiamenti di un patrimonio letterario grande quanto la storia umana stessa. Il titolo alimentare non fa che evidenziare la struttura gastro-consequenziale del libro, una volta ingerita una polpetta di Masini non si può far a meno di concludere il libro. E come tutte le polpette riservano sorprese, da quelle piccanti e speziate a quelle bianche sfumate col vino, per poi finire a quelle spadellate col burro e salvia. Storie brevi, lapidarie, laconiche a volte, legate da un etereo nesso di meraviglia e follia.

 

Masini racconta amore, separazioni, struggimento emotivo, ma anche un mondo allucinato e allucinante, onirico e spiazzante. Un fantastico conturbante e sfumato prende piede in micro-racconti pindarici e a volte oscuri, una delizia per il palato del lettore che rifugge il realismo pragmatico.  Masini spintona il lettore in pozzanghere di affanni linguistici, lo stimola e lo sfida alla comprensione del più sottile significato, lo estrania con la sinteticità di quelle cinque o sei righe che nascondono un macro-cosmo travestito da mini costruzioni narrative. Un po' appare la Commedia umana di Balzac che nasconde al suo interno un campionario di individui, maschere e archetipi umani che vanno irrisi o compatiti; Masini costruisce la sua personale galleria di personaggi, vicini all'Assurdo di Beckett, proponendo un tagliere di generi letterari che spaziano dal weird all'orrore fiabesco, dal fantastico fino al no-sense postmoderno.  Le polpette sono acrobazie di semplicità narrante, afferrano il cuore e lo legano al senso profondo della parola, del lemma, del campo semantico. Non si sfugge alla metodica coercizione di Masini, le sue storie hanno echi lontani, ctoni e arcaici che ci intrappolano in dedali senza fine.

 

Polpette e altre storie brevissime è in definitiva una prova di scrittura capace di stupire, innamorare e far cambiare idea a coloro che non amano gli scrittori italiani. Invito tutti a sfogliare questo campionario di bellezze esplosive, a conoscere Del Vecchio Editore, che confeziona libri meravigliosi nel contenuto e nella resa materiale, e consiglio a chiunque di esplorare l'editoria indipendente, per non lasciarsi schiacciare dal peso nevrotico delle massicce campagne pubblicitarie. Proprio tra i tanti "best seller", "libri dell'anno", ecc. troverete chi nella scrittura ci crede davvero. Uno di loro è Jacopo Masini.

polpette e altre storie brevissime
Jacopo Masini, autore, sceneggiatore di fumetti, insegnante di scrittura creativa. Credits: Jacopo Masini