Romania: un antico umano con un recente antenato Neanderthal

22 Giugno 2015
800px-Caras-Severin_in_Romania.svg
Proseguono gli studi sulla mandibola umana, datata tra i 37 e i 42 mila anni fa e ritrovata nel 2002 a Peştera cu Oase, in Romania. L'importanza del reperto risiede nel fatto che una percentuale compresa tra il 6 e il 9% del suo genoma proviene dai Neanderthal: è la più alta mai ritrovata in un moderno umano.
Essa dimostra quindi che i primi moderni umani ad arrivare in Europa si mescolarono ai Neanderthal, come già in Medio Oriente. L'individuo di Peştera cu Oase aveva perciò un antenato Neanderthal tra le quattro e le sei generazioni. Pare però che la popolazione locale non contribuì ai moderni Europei, non trovando discendenti diretti oggi. Questa prima migrazione in Europa interagì maggiormente con i Neanderthal ma finì probabilmente estinta. I Neanderthal si estinsero attorno ai 35 - 40 mila anni fa, vi furono 5 - 10 mila anni durante i quali coesistettero in Europa coi moderni umani.
Leggere di più


Mandibola proverebbe accoppiamenti tra moderni umani e Neanderthal in Europa

14 - 26 Maggio 2015
Una mandibola umana, risalente a 40 mila anni fa e ritrovata a Peştera cu Oase in Romania, ha rivelato un genoma con DNA di Neanderthal compreso tra il 4,8 e l'11,3. Questo indicherebbe il proseguire degli accoppiamenti tra le due specie in Europa dopo quelli nel Vicino Oriente.
Lo studio "An early modern human from the Peştera cu Oase, Romania", di Erik Trinkaus,Oana Moldovanştefan MilotaAdrian BîlgărLaurenţiu SarcinaSheela AthreyaShara E. BaileyRicardo RodrigoGherase MirceaThomas HighamChristopher Bronk Ramsey, e Johannes van der Plicht, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.

Link: PNASNaturePhys.org; The Conversation