Norvegia: una spada da Setesdal

14 Luglio 2015
800px-Setesdal_map
Nel 2011 a Langeid presso Bygland nella valle norvegese di Setesdal fu ritrovata una spada. L'arma era in una tomba che spiccava tra le altre venti presenti nel luogo di sepoltura. E pure la spada è fuori dal comune, per le iscrizioni e le decorazioni in oro.
L'arma è oggi visibile nell'ambito della mostra "Take it personally" al Museo Storico di Oslo.
Link: Science Daily via Alphagalileo via Museum of Cultural History, University of Oslo; Past Horizons; The History Blog
La valle norvegese di Setesdal, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Thomas Blomberg (Made with Pixelmator, using existing map only as background layer).
 


Fino alla Morte

13 Luglio 2015

Fino alla Morte

150713-duelling-durand1874

Il dott. John Leigh ha scritto il primo libro esclusivamente dedicato al duello in letteratura. In Touché, offre un'immagine convincente dei modi coi quali romanzieri, drammaturghi e poeti hanno utilizzato il duello come tropo per rivelare l'estensione del valore maschile, del raggiro e della pura stupidità.

Due dei più celebri duelli nella letteratura inglese hanno luogo all'inizio e alla fine di quel gigante tra i romanzi che è Clarissa di Samuel Richardson.
Nel primo incontro, Robert Lovelace, spasimante di Clarissa, è sfidato a duello dal fratello di lei, James Harlowe. La loro antipatia data ai tempi di un battibecco “cominciato al College” ed è stato infiammato dall'interesse di Lovelace per Clarissa e le sue sorelle. Durante il loro scontro, Lovelace ha la possibilità di uccidere Harlow ma “gli rende la sua vita”.  L'incidente contribuisce a stabilire Lovelace, “un libertino finito”, come un uomo che vive la sua vita come una sorta di duello esteso, una continua sfida allo stesso fato.
Leggere di più

Tecniche di analisi per la metallurgia e per le antiche spade

10 - 11 Febbraio 2015
Arms_and_Armor
È spesso necessario effettuare campionamenti sui manufatti provenienti dal passato, al fine di effettuare analisi e ottenere informazioni. Uno studio guidato dall'italiana Elisa Barzagli, mette a confronto tecniche distruttive e tecniche non distruttive nella metallurgia, che permettono di non danneggiare i preziosi e scarsi oggetti a noi pervenuti.
[Dall'Abstract:] L'evoluzione della metallurgia è uno dei temi più interessanti in Archeometria. La produzione dell'acciaio e i metodi per forgiare, per produrre armi e utensili, sono tra gli argomenti più interessanti della storia della metallurgia. Nella produzione di armi, troviamo quasi sempre il più alto livello di tecnologia. Queste sono di solito prodotte da abili artigiani che utilizzavano i materiali della miglior qualità disponibile. Le spade indiane sono un esempio straordinario in questo campo e una delle classi di oggetti più interessanti per lo studio dell'evoluzione della metallurgia. [...] Lo studio presenta le analisi effettuate su una Shamsheer resa disponibile dalla collezione Wallace a Londra, per determinare composizione, microstruttura, livello e distribuzione della tensione residua sulla lama.  Per far ciò, si è utilizzata una tecnica classica (la metallografia) e una innovativa e non distruttiva (diffrazione neutronica), mostrando le differenze e i vantaggi delle due tecniche.
Lo studio "Characterization of an Indian sword: classic and noninvasive methods of investigation in comparison", di E. Barzagli, F. Grazzi, A. Williams, D. Edge, A. Scherillo, J. Kelleher, M. Zoppi, è stato pubblicato su Applied Physics A.
Link: Applied Physics A – Materials Science & Processing; Past Horizons
Una spada shamsheer, dal Metropolitan Museum of Art, inazakira (originally posted to Flickr as Arms and Armor)CC BY-SA 2.0, caricata da Johnbod