ANNIE ERNAUX – I MIEI ANNI SUPER 8

di Annie Ernaux e David Ernaux-Briot (Francia – 2022 – 61’)

AL CINEMA DAL 6 DICEMBRE

Annie Ernaux – i miei anni Super 8
La locandina del documentario Annie Ernaux – i miei anni Super 8

Arriverà nelle sale italiane dal 6 dicembre con I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection, dopo esser stato presentato con grande successo di pubblico e critica all’ultimo Festival di Cannes e alla Festa del Cinema di Roma, Annie Ernaux – i miei anni Super 8, diretto da Annie Ernaux e David Ernaux- Briot.

Il film diretto dal Premio Nobel per la letteratura 2022 insieme a suo figlio è un documentario composto da una serie di video girati dalla scrittrice francese e dalla sua famiglia con una cinepresa super 8, tra il 1972 e il 1981, accompagnati dalla voce narrante della Ernaux. Un vero e proprio baule di ricordi dal quale è stato ricavato un film intimo, che segue cronologicamente gli eventi, incorporando in sé lo scorrere del tempo, intercettando quelli che sono stati i tumultuosi cambiamenti avvenuti non solo in Francia, ma anche nel resto del mondo durante quel decennio.

Le riprese in Super8 sono silenziose: passano sul muro, o su un lenzuolo bianco, e a commentarle c’è solo il crepitio del proiettore. Annie Ernaux, premio Nobel per la Letteratura 2022, dà voce a quei silenzi sovrapponendo le proprie parole a una raccolta di filmini familiari girati da lei e suo marito tra il 1972 e il 1981. Davanti e dietro la macchina da presa, la scrittrice racconta una storia intima che, come nei suoi libri, si intreccia con la Storia collettiva. I viaggi in giro per il mondo (dal Cile di Allende all’esotico Marocco, dall’Unione Sovietica alla misteriosa Albania), la quotidianità casalinga, le fughe in campagna e le crisi della famiglia Ernaux riflettono le emozioni e le insicurezze di un’intera classe sociale nei decenni successivi al Sessantotto. E offrono una testimonianza e un punto di vista unici e insostituibili su un momento storico in cui il nostro presente affonda saldamente le sue radici.

ANNIE ERNAUX – BIOGRAFIA
Autrice di una ventina di libri di finzione e autobiografici, Annie Ernaux è considerata da molti la voce letteraria più importante di Francia. Ha vinto il premio Renaudot per Il posto e il premio Marguerite Yourcenar per la sua opera completa. Di recente ha vinto il premio Strega, il premio Formentor, il French-American Translation Prize e il Warwick Prize for Women in Translation con Gli anni, nominato anche al Man Booker International Prize. Altre sue opere includono: Diario dalla periferia, Memoria di ragazza, L’Occupation, Passione semplice, L’evento, Non sono più uscita dalla mia notte, La vergogna, La donna gelata e Il posto.
Di recente, due suoi libri sono stati adattati in film che hanno ottenuto vari riconoscimenti: L’amante russo di Danielle Abrid (Cannes Label 2020) e La scelta di Anne – L’Événement di Audrey Diwan (Leone d’oro al Festival di Venezia 2021).

DAVID ERNAUX-BRIOT – BIOGRAFIA
David Ernaux-Briot, figlio di Annie e Philippe Ernaux, è nato nel 1968. È cresciuto ad Annecy e poi a Cergy-Pontoise. Dopo aver studiato Scienze, ha deciso di dedicarsi al giornalismo scientifico e ha lavorato a diversi programmi TV del settore come E=M6 e C’est pas Sorcier. Ha scritto e diretto le mini-serie Théâtre des Machines, Corpus, Art et Sport per le piattaforme Universcience e CANOPE. Annie Ernaux -I miei anni Super 8 è il suo primo lungometraggio documentario.

Produzione
David Thion, Philippe Martin
Regia
David Ernaux-Briot
Storia scritta e narrata da
Annie Ernaux
Direttore della fotografia
Philippe Ernaux
Montaggio
Clement Pinteaux
Musiche
Florencia Di Concilio
Tecnico audio
Rym Debbarh Mounir
Missaggio suoni
Melissa Petitjean
Supervisione post-produzione
Juliette Mallon
Color-grading
Alexandre Pocquet
In associazione con
Arte France-La Lucarne
Con la partecipazione di
CNC
Con il sostegno di
Sacem
Distribuzione internazionale
Totem Films
Distribuzione nazionale
New Story

Testo, video e foto dall’Ufficio Stampa Echo Group, I Wonder Pictures. Aggiornato il 5 Dicembre 2022.

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo

Write A Comment

Pin It