Roma: Macbeth al Silvano Toti Globe Theatre

Silvano Toti Globe Theatre

Direzione artistica Gigi Proietti

  

MACBETH

Regia di Daniele Salvo

 

Prodotto da Politeama Srl

 15 settembre – 1 ottobre ore 21.00. La domenica ore 18.00

 
Il Silvano Toti Globe Theatre si prepara ad accogliere sul proprio palcoscenico MACBETH, una delle tragedie più famose scritte dal drammaturgo inglese William Shakespeare. Da venerdì 15 settembre a domenica 1 ottobre (con le eccezioni del 18 settembre e del 25 settembre) la versione tradotta, adattata e diretta da Daniele Salvo condurrà lo spettatore nei cupi territori di Scozia per conoscere da vicino la bramosia di potere dei protagonisti principali e le cruente vicende da essa scatenate.
Durante le soste di lunedì 18 settembre e lunedì 25 settembre tornerà in scena lo spettacolo diretto da Loredana Scaramella PLAYING SHAKESPEARE, un viaggio alla scoperta dei segreti del teatro ovale di impronta elisabettiana arricchito dalla rievocazione delle atmosfere dell’epoca e dall’accompagnamento musicale del Trio William Kemp.

Leggere di più


Milano: consegnato il nuovo Teatro per l'infanzia e l'adolescenza

Cultura

Consegnato da Generali il nuovo Teatro per l’infanzia e l’adolescenza progettato da Italo Rota

Il programma della stagione sarà presentato dal Teatro del Buratto il 20/21 ottobre durante un weekend di presentazione del Teatro alla città.

Milano, 27 luglio 2017 – È stato consegnato oggi al Comune di Milano il nuovo Teatro per l'Infanzia e l'Adolescenza, progettato dall'architetto Italo Rota e realizzato a cura di Generali Real Estate.

Nel corso della cerimonia svoltasi oggi presso il Teatro, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha ricevuto in consegna l’edificio da Gabriele Galateri di Genola, Presidente di Assicurazioni Generali, ed Aldo Mazzocco, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Generali Real Estate, gestore di asset immobiliari del Gruppo.

Presenti l’architetto Italo Rota, progettista del Teatro e direttore artistico dei lavori di costruzione, l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, l’Assessore all'Urbanistica Pierfrancesco Maran, l'Assessore ai Lavori pubblici Gabriele Rabaiotti e Alberto Agazzi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Generali Real Estate SGR SpA.

Edificato a partire dal 2015, il Teatro fa parte del Maciachini Business Park. Generali Real Estate SGR SpA, proprietaria di larga parte del Maciachini Business Park tramite il fondo Mascagni, ha voluto adempiere agli impegni sottoscritti in convenzione con il Comune realizzando a scomputo oneri un’opera destinata ad arricchire il patrimonio culturale e artistico della città.

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, ha affermato: "Con il Teatro Maciachini, l'offerta culturale dedicata alle famiglie e ai più giovani di Milano si farà sempre più ricca e coinvolgente. Ringrazio Italo Rota per l'ottimo lavoro svolto e Generali per l'impegno messo nel progetto".

Gabriele Galateri di Genola, Presidente di Assicurazioni Generali, ha dichiarato: “La consegna di questo edificio alla città di Milano rappresenta un particolare motivo di orgoglio per Generali, che è da sempre in prima linea per la promozione della cultura e dell’arte. Il teatro Maciachini è un esempio di virtuosa collaborazione fra pubblico e privato, a vantaggio della comunità.”

Aldo Mazzocco, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Generali Real Estate, ha aggiunto: “La consegna alla città del nuovo teatro completa la trasformazione urbana dell'area Maciachini, di cui il Business Park ed il teatro fanno parte. Generali Real Estate è stata tra i principali operatori di questa importante ristrutturazione, una delle prime a dare avvio al più ampio processo di rinnovamento di Milano.”

L’architetto Italo Rota ha commentato: “Il Teatro è una costruzione che si configura come la crescita di un ‘cristallo’, con geometrie di volumi puri aggregati intorno al corpo del grande volume teatrale. Una macro grafica è segno distintivo di un edificio pubblico aperto a tutti i cittadini, che vive in simbiosi con lo spazio esterno del parco che lo accoglie.”

Il Teatro presenta caratteristiche uniche ed originali dal punto di vista architettonico. Esternamente si presenta come un parallelepipedo alto 14,50 metri, con una grafica decorativa esterna d’impatto. Si sviluppa su tre piani, per una superficie coperta di circa 2.000 mq e si presta a molteplici usi, grazie all’ampia metratura ed alla presenza di spazi articolati, differenziati e flessibili.

La sala spettacoli è dotata di un innovativo sistema di tribune sollevabili e spostabili meccanicamente per permettere tre diverse configurazioni. Inoltre, per permettere una flessibilità d'uso notevole, il pavimento del teatro presenta due grandi piattaforme sollevabili mediante sistemi meccanici. L’altezza della sala ed il sistema scenico flessibile consentono quindi un uso creativo di scenografie e quinte.

La sala spettacoli - circa 600 mq di superficie, 11 metri d’altezza – è costituita da due sistemi di tribune per una capienza complessiva di 384 posti a sedere; la sala prove (65 mq), collegata alla sala spettacoli tramite un portone a scorrimento verticale; i camerini, direttamente collegati con la sala spettacoli mediante un’area di retropalco; e due sale regia.

Gli altri spazi polifunzionali del teatro comprendono: un ampio foyer dal quale si accede ai diversi spazi del teatro, con due ingressi contrapposti (uno da via Giovanni Bovio e uno che si affaccia sul parco pubblico); una sala conferenze da circa 80 posti, accessibile direttamente dal foyer ma da questo separabile tramite pareti mobili; quattro sale polifunzionali per attività didattiche e ludiche; un locale ristoro con doppio accesso (sia dall’interno della struttura che dal parco pubblico adiacente).

Gli spazi del teatro sono pensati per permettere diversi utilizzi, anche in contemporanea agli spettacoli teatrali senza disturbarne lo svolgimento. Per lo stesso motivo, gli impianti sono stati progettati e realizzati in moduli di servizio, perché possano funzionare in modo indipendente ed efficiente.

L’edificio dialoga con gli spazi esterni tramite aperture verso il giardino interno e verso il parco all'esterno, che favoriscono l’ingresso di luce naturale.

Il programma della prima stagione sarà comunicato dal Teatro del Buratto, soggetto gestore della struttura individuato dal Comune per 12 anni in seguito a un bando pubblico, ai primi di ottobre alla stampa e il 20/21 ottobre a tutta la città, in una due giorni di apertura del Teatro alla città con visite guidate, assaggi di teatro, laboratori.

Come da Comune di Milano.


Roma: appuntamenti del 3-5 Marzo al Teatro di Villa Torlonia

APPUNTAMENTI DEL FINE SETTIMANA AL

TEATRO DI VILLA TORLONIA


Venerdì 3 marzo, ore 18.00 | “I Bemolli son blu”
Primo di tre appuntamenti con la musica di Debussy | Ingresso 5 €
 

Sabato 4 marzo, ore 19.00 | “Caffè Trilussa” |
Spettacolo con testi in romanesco | Ingresso 5 €
 

Domenica 5 marzo, ore 11.00 | “Giusto per dire”
Conferenza spettacolo sulla lingua italiana scritta e parlata | Ingresso libero
 
Domenica 5 marzo, ore 17.00 | “Pierino e il lupo”
Favola in musica | Ingresso 5 €
Leggere di più


Il Teatro dell'Opera in scena ai Musei Capitolini

Il Teatro dell'Opera in scena ai Musei Capitolini:

sabato sera apertura straordinaria con biglietto di un euro

Nel weekend iniziative ad ingresso gratuito nei piccoli musei
con Roma Tre Orchestra e MuSa Classica

® Yasuko Kageyama

Sabato 18 febbraio una nuova apertura serale straordinaria animerà i Musei Capitolini con l’esibizione dei giovani artisti di "Fabbrica" Young Artist Program, progetto di avviamento professionale del Teatro dell'Opera di Roma.
Il pubblico potrà accedere alle sale dei Musei Capitolini dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23), visitarne mostre e collezioni permanenti e partecipare alle attività con il biglietto simbolico di un euro. In programma anche un test sensoriale con i salumi tradizionali dei Castelli Romani realizzato in collaborazione con Agro Camera (dalle ore 20 fino ad esaurimento disponibilità).
Fino a domenica 26 marzo, continuano anche gli appuntamenti di animazione del week-end nei piccoli musei a ingresso gratuito negli orari di apertura ordinaria.
Sabato 18 febbraio alle ore 11.30 il Museo delle Mura ospiterà il concerto “Mozart e i francesi” di Roma Tre Orchestra, mentre domenica 19 febbraio alle 11.30  sono in programma i concerti “Dimitri Shostakovich: continuità nella musica, responsabilità nella tirannide” con una introduzione di Valerio Vicari al Museo Carlo Bilotti e “A tutto Bach” con MuSa Classica (Sapienza Università di Roma) ​ alMuseo Barracco.
Leggere di più


Venezia: La banalità del male a Teatro Ca' Foscari

Torna Teatro Ca’ Foscari con il nuovo anno

La banalità del male a TEATRO CA’FOSCARI

il 25 e 26 gennaio

Paola Bigatto giovedì 26 gennaio incontra gli studenti

 
25, 26 Gennaio
La banalità del male
di Hannah Arendt
riduzione e adattamento Paola Bigatto
con Paola Bigatto
Doppio appuntamento a Teatro Ca’ Foscari per 'La banalità del male' in scena mercoledì 25 gennaio alle 20.30 e in replica giovedì 26 gennaio alle ore 17.30. 

Giovedì  26 gennaio 2017, alle 11, al Teatro Ca’ Foscari, Paola Bigatto incontra gli studenti. Partecipano Bruna Bianchi e Isabella Adinolfi. Coordina l’incontro Maria Ida Biggi. L’incontro è a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti a disposizione.
Gli spettacoli  e l’incontro del giorno 26 gennaio, sono proposti in occasione delle iniziative per la Giornata della memoria organizzate a Ca' Foscari.
Leggere di più


Teatro del Lido di Ostia: appuntamenti da gennaio a marzo

Prosegue la stagione del

Teatro del Lido di Ostia

In programma tanti appuntamenti con mostre, teatro ragazzi, musica, danza, laboratori e prosa

Dopo il grande riscontro di pubblico dei primi mesi di programmazione, il Teatro del Lido di Ostia si prepara ad ospitare tanti nuovi appuntamenti con mostre, musica, spettacoli e laboratori per tutti.

Venerdì 6 gennaio dalle ore 16.30 sarà l’Allegra Banderuola ad aprire il nuovo anno regalando un pomeriggio di festa con la XIII edizione de La Befana vien di notte: un evento di teatro, musica e narrazione per le famiglie e i bambini di tutte le età, un villaggio fatato con tanti personaggi immaginari, buffi e stralunati.

Tra i numerosi appuntamenti con il teatro si segnalano sabato 14 gennaio Giuditta Cambieri in Nel silenzio basta un segno, un cabaret ‘diversamente comico’. Utilizzando la parola, la LIS (lingua dei segni italiana) e il linguaggio del corpo, l’artista supera la barriera della comunicazione tra non udenti e udenti e fa arrivare le sue riflessioni comiche a tutti contemporaneamente. Sabato 18 e domenica 19 febbraio in programma La Lettera di Paolo Nani, spettacolo che vanta più di 1.200 repliche in tutto il mondo.

Tornano sul palco gli spettacoli di danza: domenica 26 febbraio l’anteprima di R.OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi (regia, drammaturgia e coreografia di Silvia Gribaudi) e sabato 25 marzo ALDES con Trattato di Economia. (progetto, drammaturgia, regia Roberto Castello e Andrea Cosentino).

Il foyer continuerà ad ospitare mostre visitabili gratuitamente dal venerdì alla domenica dalle 16 alle 20. Da non perdere, dal 10 al 29 gennaio, Sei il mio nemico e ti faccio “Cuori”
videoinstallazione a cura di Alan Bianchi (BeeAnkee) su format di Betta Cianchini e VitainGrata mostra fotografica a cura di Pino Rampolla il cui tema comune è il Cuore, l’Amore e l’Odio, la Reclusione e la Libertà.

Ancora tanta musica dal NeoFolk d’autore con Trase di Sancto Ianne, alla musica classica a cura del Conservatorio O. Respighi di Latina e del Coro Femminile EOS.

In programma anche laboratori di teatro e arti visive, L’Attore e il suo doppio a cura di Teatrino Giullare incentrato sui rapporti teatrali tra parola, umano e artificiale (9 e 10 febbraio) e Come si illustra un libro a cura di Rita Petruccioli incentrato sull’illustrazione per l’editoria (venerdì 17 marzo).
Leggere di più


Roma: Oscar W al Teatro di Villa Torlonia

Oscar W

al Teatro di Villa Torlonia

domenica 18 dicembre ore 19

Domenica 18 dicembre torna in scena a Roma lo spettacolo Oscar W. prodotto dalla compagnia Virgolatreperiodico. Un monologo femminile interpretato da Mariagrazia Torbidoni e diretto da Andrea Onori, con allestimento scenico e luci di Valeria Giannone. L'evento è inserito nel cartellone del Teatro di Villa Torlonia, gioiello architettonico della seconda metà del XIX secolo che rappresenta una cornice ideale per l'ambientazione della piéce.

La vita di Oscar Wilde è stata una parabola incredibile che lo ha visto in un primo tempo indossare gli eleganti panni del conferenziere e dello scrittore di successo e poi gli stracci infamanti del condannato in carcere. Attraverso l'intreccio e la sovrapposizione di storie, parole e personaggi appartenenti tanto alle opere quanto agli episodi più significativi della sua biografia, la piéce accompagna lo spettatore all'interno della galleria di temi e figure presenti nella produzione artistica dell'autore, delineando la sua traiettoria esistenziale dai momenti di esaltazione e di fama a quelli più tragici e bui.

Partire da Wilde per mettere in scena Wilde, il tutto nelle mani di una sola attrice che, in un susseguirsi di scambi tra persona e personaggio, dà vita ad una scena spesso fatta di ribaltamenti e trasformazioni, dove anche il tempo e lo spazio non seguono necessariamente le regole della logica, affidandosi piuttosto al fascino dell'immaginazione e del gioco teatrale.

Leggere di più


Roma: Donne Perse(phone)

TEATRO DI VILLA TORLONIA

Donne Perse(phone) – Voci di donne contro la violenza sulle donne

Venerdì 25 novembre 2016 ore 19.30

In occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne

drammaturgia di Annalisa Venditti

regia di Paola Sarcina

musiche di Bellini, Händel, Mozart, Purcel, Verdi, Vivaldi

image002-25

Donne Perse(phone) è un dramma moderno sulla violenza alle donne che si ricollega al mito classico: alla vicenda della dea greca Demetra e di sua figlia Persefone. Ispirato dalle cronache dei nostri giorni, alle storie di ragazze e donne uccise o abusate da un marito, un fidanzato o un compagno violento, questo recital dà voce alle vittime. Le figlie ritornano e lo fanno per raccontare alla madre gli ultimi momenti della loro vita e per ricucire quello strappo che – nonostante tutto - non potrà mai recidere un legame tanto forte e profondo. A differenza del mito antico, dove Demetra ottiene di poter riavere da Ade per sei mesi l’anno la figlia, nella tragedia dei nostri giorni questo non può accadere. La Persefone di oggi è morta, ma con lei sarà sempre sua madre. Il recital rappresenta un dialogo intimo tra madre e figlia, tra vita e morte, tra amore e violenza. Il linguaggio segreto e arcaico del mito si confonde con le atmosfere metropolitane evocate e con le parole della cronaca nera, in una parabola di emozioni che si infrange contro il fatale enigma dell’esistenza.

Tredici donne in scena, tutte non professioniste, tranne una. Hanno lavorato dallo scorso aprile, insieme alla regista Paola Sarcina e all’autrice Annalisa Venditti. Hanno costruito insieme lo spettacolo, attraverso un laboratorio, che ha previsto anche due incontri di approfondimento con la psicologa Marinella Linardos. 

Leggere di più


Roma: A Porte Chiuse di Sartre al Teatro Stanze Segrete

A PORTE CHIUSE

(HUIS CLOS)

Jean – Paul SARTRE

Con Ennio Coltorti, Anna Clemente Silvera, Adriana Ortolani

e con

Gianfranco Salemi

Adattamento e Regia Ennio Coltorti

Costumi Rita Forzano

Scene Ennio Coltorti

Luci Iuraj Saleri

Foto Tommaso Le Pera

Aiuto Regia Matteo Fasanella

Realizzazione scenografica Lorenzo Zapelloni

Dal 28 Novembre al 22 Dicembre 2016

da martedì a sabato ore 21; domenica ore 19

Teatro Stanze Segrete

Via della Penitenza, 3 (Roma - Trastevere)

a-porte-chiuse-locandina-web

A PORTE CHIUSE (HUIS CLOS), in scena al Teatro Stanze Segrete dal 28 Novembre al 22 Dicembre, è un intramontabile classico che ha ispirato decine di successi nella drammaturgia e cinematografia del secondo Novecento fino ai giorni nostri.

Ambiente unico e claustrofobico. Tre personaggi: Garcin, Estelle e Inès. Un quarto, misterioso, che ha funzione di “Introduttore”. Lasciati soli in un ambiente inquietante, i tre personaggi, in apparenza assolutamente diversi, daranno vita a un graduale e terribile incontro/scontro che li costringerà a un vicendevole e imprevisto dilaniarsi. L’inferno sono gli altri, lucida quanto drammatica constatazione che esistiamo solo attraverso gli altri, sono i loro giudizi e la percezione che hanno di noi a definirci. Questa è la vera condanna, l’inferno sartriano: essere condizionati dal giudizio altrui. La storia è la formidabile narrazione di tre anime che piano piano si rivelano agli altri, ma soprattutto a se stesse: gioco al massacro, tra rivelazioni e dipendenza reciproca.

Leggere di più


Incontri con i protagonisti stagione 2016-7 del Teatro Goldoni

Università Ca’ Foscari e Teatro Stabile del Veneto organizzano un programma di incontri aperti a tutti sugli spettacoli della stagione teatrale 2016/2017 del Teatro Goldoni
IL 21 OTTOBRE A ‘TU PER TU’ CON JONATHAN PRYCE E LA COMPAGNIA DELLO SHAKESPEARE’S GLOBE THEATRE

Cà_Foscari_from_San_Toma'

VENEZIA – Parte il prossimo venerdì 21 ottobre il fitto programma di incontri con i protagonisti della stagione teatrale 2016/2017 del Teatro Goldoni condotti da docenti di Ca’ Foscari. Ogni incontro – aperto a studenti e cittadinanza - proporrà una full immersion nell’opera teatrale. I partecipanti potranno dialogare con ad attori e registi, discutendo sui temi dello spettacolo con gli studiosi cafoscarini. Gli appuntamenti si svolgeranno al Teatro Goldoni, all’Auditorium Santa Margherita e al CFZ – Ca’ Foscari Zattere.

Il primo appuntamento sarà con la compagnia dello Shakespeare’s Globe Theatre in scena con The Merchant of Venice di William Shakespeare. Venerdì 21 ottobre alle ore 18.30 al Teatro Goldoni, prima dello spettacolo in programma alle 20.30, è previsto l’incontro con gli attori, tra cui il celebre Jonathan Pryce. Conducono Loretta Innocenti e Laura Tosi. Quest’ultima, docente cafoscarina di Letteratura Inglese, ha realizzato un adattamento per bambini de ‘Il Mercante di Venezia’ di cui il Globe Theatre ha recentemente messo in scena una lettura drammatica nell'ambito delle celebrazioni dei 400 anni della morte del Bardo.

Leggere di più