TUTELA PATRIMONIO CULTURALE: ECCEZIONALE RECUPERO DI OLTRE 250 PASTORI DEL PRESEPE, REALIZZATI A NAPOLI NEL ‘700

Sono stati presentati, presso la sede del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, i risultati dell’operazione START UP, che ha consentito di recuperare oltre 250 pastori del ‘700, di inestimabile valore artistico e culturale.
A illustrare l’eccezionale traguardo investigativo, il Procuratore della Repubblica di Isernia, Paolo Albano, e il Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC), Generale di Brigata Fabrizio Parrulli.
Il recupero dei pastori, realizzati secondo le antiche tradizioni dell’arte presepiale napoletana, è il risultato di un’indagine su furti commessi a danno di luoghi di culto e istituti religiosi, avvenuti in Comuni ubicati tra l’alto casertano e la provincia di Isernia.
I sequestri dei preziosi manufatti sono avvenuti a carico di oltre 20 persone, residenti sull’intero territorio nazionale: Bergamo, Salerno, Brescia, Reggio Calabria, nonché diversi comuni dell’hinterland napoletano.
Roma, 12 gennaio 2018

Come da MiBACT, redattore Renzo De Simone