Il Polo Museale della Sardegna acquisisce il dipinto su tavola “Il seppellimento di Cristo” di Pietro Cavaro

96737e70e188e0a193ebaad42a53ac1e5ea92f4

La Direttrice del Polo Museale della Sardegna, Giovanna Damiani, il Direttore del Segretariato Regionale del MIBACT, Fausto Martino e Maura Picciau, Soprintendente alle Belle Arti e Paesaggio  di Sassari, hanno presentato al pubblico la tavola raffigurante “Il seppellimento di Cristo”, dipinto su tavola opera di Pietro Cavaro,  databile dopo il 1520.
L’opera fu acquistata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo alla fine del 2014, a seguito della proposta formulata dalla Soprintendenza SBAPSAE di Cagliari sulla base della segnalazione di uno studioso e soprattutto grazie alla tenace volontà di Maria Assunta Lorrai,  allora Direttore Regionale per i Beni Culturali della Sardegna, e di Maura Picciau, che per molto tempo cercarono di non perdere le tracce del dipinto, dopo che era andato in asta a Parigi presso la casa d’aste Boisgirard&Associes nel luglio 2012. Il dipinto riaffiorò poi in Italia, a Napoli, nel 2013,  dopo essere passato da Londra e forse New York. Nel 2014, il MiBACT ne deliberò l’acquisto a trattativa privata, dalla Galleria Porcini di Napoli: un’opera di altissima qualità formale e testimonianza della migliore pittura sarda del Cinquecento. Il dipinto rappresenta un importante tassello per  la ricostruzione del Retablo della “Madonna dei sette dolori” di Pietro Cavaro, retablo andato disperso alla fine del XIX secolo, e si ricongiunge alla superstite “Deposizione” che fa parte della collezione della Pinacoteca Nazionale dal 1955, quando Raffaello Delogu la recuperò dalla collezione Antico a Tangeri, assicurandola alle collezioni statali.

Come da MiBACT, Redattore Maurizio Bistrusso