SISMA 24 AGOSTO: RECUPERATE LE OPERE PRESENTI NEL PALAZZETTO DEL PODESTÀ E NELLA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA DI ACCUMOLI

31431111d77cb1c45fb7a19a164204b7c991943

I tecnici delle squadre rilevamento danni del MiBACT insieme ai restauratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro e dell’Opificio delle Pietre Dure, con la collaborazione dei vigili del fuoco e i carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, hanno portato a compimento il recupero delle opere conservate presso il Palazzetto del Podestà, sede del Comune di Accumoli: un trittico del XIV e XVII secolo raffigurante la Madonna del Latte, dipinto di ambito abruzzese con cuspide centrale della prima metà del Trecento e sportelli laterali ridipinti nel Seicento, un gruppo ligneo policromo con la Madonna in trono con Bambino risalente al XIV secolo e proveniente dalla frazione di Poggio d’Api, due sculture lignee policrome e dorate con angeli reggi cortina del XVIII secolo e una teca con gli ex voto della statua della Madonna Addolorata. Sempre a Accumoli è stato poi condotto a termine il recupero delle opere d’arte della chiesa di Santa Maria della Misericordia, con il prelievo in sicurezza del ritratto di Filippo Pasqualoni, olio su rame del XVII prelevato dal monumento funebre marmoreo in opera sul lato sinistro della controfacciata, della tela con la Madonna con Bambino sul fastigio dell’altare sulla testata sinistra della navata del XVII secolo, della grande tela con la Madonna del Carmelo del XVII secolo, della statua lignea di Sant’Emidio del XIX secolo e di alcuni frammenti di decorazione plastica del controsoffitto crollato della navata centrale. Nella frazione di Sant’Angelo di Amatrice infine sono stati messi in sicurezza i frammenti della campana bronzea della chiesa di San Giovanni in Monte, risalente al 1734.

“I professionisti della tutela – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – sono presenti ogni giorno sul campo, mettendo a disposizione talento, passione e spirito di sacrificio per il recupero del patrimonio culturale nelle aree colpite dal sisma. Esprimo sincero apprezzamento per il loro lavoro che permette di preservare l’anima stessa di queste comunità”.
Roma, 28 settembre 2016
Ufficio Stampa MiBACT

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone