India: arte rupestre dalle foreste di Pooyamkutty

15 Febbraio 2016
640px-India_Kerala_locator_map.svg
Un nuovo sito di arte rupestre è stato scoperto nelle foreste di Pooyamkutty, alla periferia del distretto di Ernakulam dello stato indiano di Kerala. Si tratta di petroglifi, e iscrizioni che sembrerebbero essere in Tamil-Brahmi.
Link: The Hindu
Lo stato indiano di Kerala, da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata da e di Planemad.
 


Kirghizistan: diecimila manufatti e petroglifi dall'area del lago Issyk-Kul

13 Agosto 2015
800px-Issyk_Kul_at_sundown
Oltre diecimila manufatti e petroglifi che avevano il compito di segnare confini, sono stati scoperti presso il villaggio di Tuura-Suu e nell'area del lago Issyk-Kul, nella regione omonima del Kirghizistan. Si estenderebbe così l'area del principato kirghizo durante il Medio Evo, confermando l'esistenza di un importante insediamento nel periodo dei Karakhanidi.
Link: Archaeology News Network via '24.kg' News Agency
Il lago di Issyk-Kul (2002), foto di en:User:Msoos, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Er Komandante.
 


Russia: petroglifi dalle Miniere di Kalgutinsky

3 Agosto 2015
800px-Ukok_Plateau
Petroglifi sono stati ritrovati presso il sito di Kalgutinsky Rudnik (Miniere di Kalgutinsky), sull'altopiano di Ukok, l'area della Russia siberiana sui monti Altai che confina con la Mongolia, la Cina e il Kazakhstan.
I disegni sono datati tra gli 8 e i 10 mila anni fa, ma al momento sussistono problemi di datazione: lo stile pare quello della tradizione paleolitica e gli studiosi sono convinti che prima o poi un grande sito del Paleolitico potrà essere scoperto nell'area.
Link: The Siberian Times
Il Plateau di Ukok, foto da WikipediaCC BY 2.5, caricata da Hardscarf (The original uploader was Kobsev at Russian Wikipedia - Transferred from ru.wikipedia to Commons).
 


Australia: i petroglifi da Pilbara, precedenti l'Era Glaciale

10 Giugno 2015
800px-Burrupmap
Gli aborigeni australiani abitano nella regione di Pilbara da almeno 42 mila anni, e nella Penisola di Burrup da 40 mila. Di quest'ultima sono celebri i petroglifi che ritraggono animali. A seguito dell'Era Glaciale e dell'innalzamento dei mari, però, sono cambiate le prede e quindi anche quelle ritratte sulle rocce: in principio canguri ed emu, pesci e tartarughe in seguito.
Si spera che l'area possa essere dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità, di modo da portare turisti e permettere che i siti vengano preservati dall'espansione industriale.
Link: ABC News
Arcipelago Dampier e Penisola di Burrup, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Leptictidium.