A vent’anni dalla conclusione dei lavori di consolidamento e restauro della Torre di Pisa, il Ministro per i beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, ha lanciato la proposta di istituire un premio internazionale da destinare a coloro che hanno compiuto esemplari interventi preventivi a tutela e conservazione del patrimonio culturale, adottando anche soluzioni tecnicamente e metodologicamente innovative, e ha annunciato la sua presenza in autunno all’Opera Pisana della Primaziale, in occasione di un convegno di studi che celebrerà l’anniversario della straordinaria impresa del comitato scientifico diretto dal prof Michele Jamiolkowski.

Nel corso della visita istituzionale a Pisa, Bonisoli è stato ospite dell’Opera della Primaziale Pisana, il gruppo di monitoraggio sulla Torre, composto da alcuni dei più importanti professionisti e studiosi del panorama nazionale.

“Poter ricordare nei dettagli dieci anni di interventi di restauro e consolidamento su uno dei monumenti italiani più noti, – ha dichiarato il Ministro- ci è utile per ribadire l’importanza del concorso di competenze multidisciplinari, pronte a sperimentare tecniche e metodologie di avanguardia per la tutela. Il Comitato, allora, era osservato in mondovisione, col fiato sospeso, e ha salvato un bene che è patrimonio dell’umanità”.

Per rinnovare l’attenzione su quello che è stato realizzato a Pisa, Bonisoli ha proposto all’Opera della Primaziale Pisana di realizzare un Premio: “Il lavoro di prevenzione del rischio non viene sufficientemente valorizzato e reso visibile, mentre il disastro lo è. Ci stiamo ancora pensando, ma penso che Pisa sia il luogo più adatto dove questo riconoscimento dovrà essere consegnato”. Una proposta che è stata accolta con interesse.

Nel corso della giornata il Ministro ha visitato, sempre a Pisa, il Museo Nazionale di San Matteo e il Museo delle Antiche Navi Romane. Per quest’ultimo il Ministero ha stanziato 17 milioni di euro circa, e dovrebbe essere inaugurato prima dell’estate.