27 Novembre 2014

Chiesa abbaziale florense di San Giovanni in Fiore (CS) – Sarà ripristinato il collegamento tra la chiesa e le cappelle sopraelevate.

E’ prevista per lunedì 1 dicembre la consegna dei lavori per collegare la navata della chiesa abbaziale alle antiche cappelle sopraelevate, che conformano gli spazi più originali dell’architettura florense. L’intervento di Euro 90.000,00, finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e attuato dalla Soprintendenza BAP di Cosenza, si inserisce all’interno di un programma di valorizzazione dei luoghi di Gioacchino da Fiore, cui fanno capo importanti palinsesti architettonici calabresi.
L’aula a navata unica della chiesa, casa madre dei florensi, era in origine collegata alle cappelle superiori attraverso due percorsi distinti. La distruzione dei collegamenti, avvenuta da oltre due secoli, ha finora impedito la completa fruizione e valorizzazione di tutti gli spazi dell’area sacra, attualmente confinata al piano terreno per l’inaccessibilità degli spazi del livello superiore, attraverso cui si accede alla torre campanaria.
Per sopperire a questa grave anomalia distributiva la Soprintendenza BAP di Cosenza procederà all’attuazione di una serie di lavori, progettati e diretti dall’arch. Pasquale Lopetrone, mirati alla creazione del collegamento tra la chiesa e le cappelle superiori, ripristinando il percorso un tempo esistente tra gli ambiti della navatella nord e la cappella superiore settentrionale, in origine destinata all’Abate di Fiore.

Come da MIBACT, Redattrice Enrichetta Salerno