Fin dalla sua scoperta e prima edizione scientifica nel 1995, dovuta agli studi di Francesco Maria Cifarelli il Ninfeo di Q. Mutius è stato riconosciuto come una delle più importanti testimonianze dell’architettura romana del tardo ellenismo. La fontana monumentale, databile al tardo II – primi anni del I secolo a.C., è quasi perfettamente conservata.

Grazie a un finanziamento proveniente dal Piano Restauri 2001-2003 dell’allora Provincia di Roma, il Comune di Segni ha portato a termine il progetto di acquisto, recupero e valorizzazione del prezioso ninfeo che sarà inaugurato sabato 20 ottobre: un’operazione assolutamente eccezionale, di rilevanza nazionale, che assicura alla proprietà pubblica un monumento di valore altissimo.

Il Ninfeo, all’interno di un’area di circa 3.800 mq posta attorno ad esso, dopo l’acquisto del 2013 è stato sottoposto ad una sequenza di operazioni che, dallo scavo e dal primo restauro, attraverso la delicatissima fase dello smontaggio della costruzione che lo imprigionava, si è conclusa con la realizzazione, attorno al monumento, del padiglione in legno lamellare e con la sistemazione dell’intera area circostante. Questa, attrezzata con spazi dedicati alla didattica e collegata al percorso delle mura, si inserisce nel più vasto itinerario archeologico della Città di Segni.

Il progetto, realizzato dagli architetti Michelangelo Bedini e Fulvio Balzani, è pensato come un volume dalle forme primarie ed equilibrate, che segnalano la presenza del monumento sul fianco della collina senza alterarne le caratteristiche paesaggistiche. L’area archeologica del Ninfeo di Q. Mutius regala alla Città di Segni, e non solo, un importantissimo nucleo museale che permetterà l’apertura al pubblico di uno dei monumenti più importanti per la conoscenza dell’architettura romana della tarda repubblica.

La giornata inaugurale è ricchissima di appuntamenti: dalle ore 10.30 è prevista una conferenza di presentazione nella quale, dopo i saluti di Piero Cascioli, Sindaco Città di Segni, di Laura Onorati, Dirigente Città Metropolitana, di Quirino Briganti, Presidente Compagnia dei Lepini, di  Margherita Eichberg, Soprintendente ABAP Città Metropolitana Roma, Provincia di Viterbo e Etruria Meridionale e di Stephen Milner, Direttore British School at Rome, intervengono Michelangelo Bedini, Fulvio Balzani, Francesco Maria Cifarelli -Il progetto di recupero, studio e valorizzazione del Ninfeo; Federica Colaiacomo, Stephen Kay – Lo scavo; Francesco Maria Cifarelli – Il ninfeo di Q. Mutius: architettura e storia di un monumento nel Lazio della tarda repubblica.

Conclude Enrica Onorati, Assessore Regione Lazio all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali; modera Sandra Gatti, già Funzionario Archeologo della Soprintendenza. Dopo il vero e proprio momento inaugurale dell’area archeologica, previsto alle 12.30, seguiranno visite guidate, dalle ore 15.00 alle ore 18.00 (ultima partenza), a cura dell’Associazione Culturale “Amici del Museo di Segni”.