Palazzina Liberty in musica

Gli appuntamenti dal 15 al 18 marzo 2018

Milano, 14 marzo 2018 – La Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame alle ore 20:45 di domani, giovedi 15 marzo, ospiterà “Concertante. Musica da camera di J.S. Bach e D. Buxtehude”, quinto appuntamento dalla stagione 2017/18 de La Risonanza, con Carlo Lazzaroni al violino, Fabio Bonizzoni al clavicembalo e Caterina Dell’Agnello al violoncello. Al suo terzo anno di residenza in Largo Marinai d’Italia, La Risonanza prosegue così quel percorso di esecuzione dell’opera strumentale di Johann Sebastian Bach, intrapreso nel 2016, attraverso un ambizioso confronto tra la produzione del compositore di Eisenach e quella del suo maestro, Dietrich Buxtehude.

Dal ciclo “Viaggio nell’Europa musicale tra Ottocento e Novecento” a cura del Conservatorio di Musica G. Verdi di Milano, partner di Milano Classica, sabato 17 marzo, ore 17:00, Francesco Melis al violino e Mattia Mistrangelo al pianoforte eseguiranno la Sonata per pianoforte e violino in Sol maggiore op. 78 di Johannes Brahms, l’opera Mazurek op. 49 di  Antonín Dvořàk e la Sonata per violino e pianoforte di Claude Debussy.

Un ospite d’eccezione come Bruno Canino è il solista del concerto “Con molte teste, molti cuori, molte anime. Riletture con orchestra d’archi” di domenica 18 marzo, ore 10:45, con l’Orchestra da camera Milano Classica e il Quartetto Indaco. In programma il Concerto per pianoforte e orchestra di Ludwig van Beethoven nella trascrizione di Vinzenz Lachner. A ispirare il titolo del concerto è la celebre esclamazione che Franz Joseph Haydn avrebbe rivolto al giovane allievo Beethoven: “[…] Voi mi avete dato l’impressione di essere un uomo con molte teste, molti cuori, molte anime”.

Secondo appuntamento della rassegna “Contemporanea-mente” a cura della Rete Culturale Cantosospeso, sempre domenica 18 marzo, ore 16:00 con replica alle 19:00, Martinho Galati de Oliveira dirigerà il Coro Cantosospeso, il Coro Didone e l’Ensemble Prometeo nel concerto “Convivenze musicali nel Brasile di Oggi. Dalle musiche degli Indios dell’Amazzonia a Tom Jobim, da Heitor Villa Lobos a Mozart Camargo Guarnieri”. Al cuore del programma la musica colta brasiliana del ‘900 nell’opera dei due grandi compositori Heitor Villa-Lobos (1887-1959) e Mozart Camargo Guarneri (1907-1993). Nel ruolo di primo violino per l’esecuzione della Missa Diligite di Camargo Guarnieri si esibirà la figlia Tania Camargo Guarnieri, invitata a suonare per la prima volta quest’opera del padre.

Completano il programma il brano dodecafonico Madrigal, scritto da Edino Krieger (1928-) su un poema di Carlos Drummond de Andrade, la Suite dos Pescadores di Dorival Caymmi (1914-2008) sulla vita e le storie dei pescatori del nordest e la Suite Amazonica, canti tradizionali dei popoli dell’Amazzonia, raccolti e arrangiati da Marlui Miranda e H. Villa-Lobos nell’adattamento e collage di Martinho Lutero Galati de Oliveira.

Come da Comune di Milano.

Write A Comment

Pin It