Sta per partire Milano Arch Week, dal 12 al 18 giugno 2017

Milano Arch Week

Sta per decollare la settimana di architettura promossa da Comune, Politecnico e Triennale

Dal 12 al 18 giugno 2017

Milano, 6 giugno 2017 - Milano Arch Week, la settimana di eventi dedicati all’ARCHITETTURA E AL FUTURO DELLE CITTÀ, con la direzione artistica di Stefano Boeri, si aprirà lunedì 12 giugno con una festa alla Fondazione Catella e si svolgerà in due luoghi: martedì 13 giugno nel Patio della Scuola di Architettura del Politecnico di Milano - con la partecipazione del Rettore Ferruccio Resta e del VicePresidente della Triennale Clarice Pecori Girardi - e da mercoledì 14 a sabato 17 giugno nelle sale e nel giardino della Triennale di viale Alemagna.

Milano Arch Week sarà caratterizzata dalla presenza di grandi protagonisti della scena internazionale come i catalani RCR, vincitori del Premio Pritzker 2017 (il Nobel dell’architettura) e il grande Maestro nordamericano Peter Eisenman.

Una lista che continua con Elizabeth Diller, progettista della celeberrima High Line di New York e con Francis Kéré, architetto del Burkina Faso e progettista del prossimo Serpentine Gallery Pavilion di Londra. Ad essi si aggiungeranno altri noti architetti internazionali come Winy Maas (MVRDV), Giancarlo Mazzanti, Philippe Rahm, Sam Jacob, Martin Videgård, Petra Blaisse (autrice del nuovo Parco di Porta Nuova), e l’urbanista cinese Lee Xianing.

Non mancherà la voce di architetti italiani che lavorano nel mondo come Alessandro Mendini, Cino Zucchi, Michele De Lucchi, Benedetta Tagliabue, Italo Rota, Fabrizio Barozzi, Carlo Ratti, Patricia Urquiola, Mario Bellini, oltre a Archea, TAM associati, Aoumm, Baukuh, Piuarch, 5+1 aa, OBR, Metrogramma, Startt, LAN, Ippolito Pestellini Laparelli di OMA e molti altri ancora.

Una sezione di Milano Arch Week, nel giardino della Triennale, sarà dedicata ai giovani gruppi emergenti italiani ed internazionali, è il caso - tra gli altri - dei Parasite 2.0, dei Raumplan, Small, Fosbury Architecture e dei Waiting Posthuman Studio.

Ci saranno momenti di riflessione dedicati ai grandi Maestri dell’architettura e della cultura italiana, come Aldo Rossi (letto in rapporto a Giovanni Testori) ed Ettore Sottsass (un’anticipazione della grande mostra che si aprirà in Triennale in autunno).

Una mostra curata da Emilia Giorgi dedicata all’architetto fiorentino Vittorio Giorgini, precursore dell’architettura zoomorfica, sarà allestita nelle sale della Quadreria.

Una grande festa-tributo, nel Salone d’Onore della Triennale, sarà dedicata venerdì 16 alle 18.30 ai 107 anni di Gillo Dorfles, alla presenza di rappresentanti dell'Amministrazione comunale.

La settimana di Milano Arch Week si concluderà domenica mattina con una visita in anteprima alla nuova Palazzina delle piscine realizzate nel perimetro del Teatro Franco Parenti.

Molti altri luoghi della città si accenderanno durante la settimana dell’Architettura.

Le mattinate di Milano Arch Week saranno dedicate a passeggiate, incursioni in scooter VespArch e visite guidate alle architetture milanesi e alla città.

Tra queste il Polimibus del 13 giugno che prevede due tappe: la prima a Sesto San Giovanni, dove l’Architetto Susanna Scarabicchi illustrerà il progetto MILANOSESTO, una delle più grandi riqualificazioni di aree industriali dismesse in Europa. La seconda a Palazzo Mondadori, con lectio magistralis di Roberto Dulio sull'opera realizzata dall'architetto brasiliano Oscar Niemeyer.

Milano Arch Week proporrà anche una serie di visite con guide d’autore (Belgiojoso, De Giorgi, Albini, Mendini, Chigiotti, Boeri, Zucchi) alle Case Museo dei designer storici milanesi (tra gli altri Castiglioni, Albini, Magistretti) e ad alcune architetture mirabili (Villa Necchi Campiglio, Museo Poldi Pezzoli, Casa Boschi Di Stefano, Studio Francesco Messina).

Milano Arch Week proporrà anche itinerari e interventi nel vivo di alcuni luoghi sensibili della città: nei nuovi luoghi della cultura, negli scali merci dismessi e nelle periferie urbane.

Inoltre, attraverso due maratone ospitate al Teatro dell’Arte, verranno indagate le numerose occasioni di recupero di spazi e edifici milanesi attraverso le tesi di Laurea degli studenti della Scuola di Architettura del Politecnico di Milano.

A questi vanno aggiunti gli itinerari di Architettura e le numerose iniziative organizzate dall’Ordine degli Architetti di Milano (che cura anche l’apertura venerdì e sabato degli studi professionali di Milano) e altri eventi satellite diffusi per la città promossi da altre istituzioni milanesi come Assab One (con l’intera giornata di domenica dedicata al tema del colore), Lualdi, SpazioFMG per l'Architettura, IRA.C, URBANFILE, Open House Milano, Valorizzazioni culturali, Turné Eventi,  AIM Associazione Interessi Metropolitani, e tanti altri.

Particolare attenzione verrà rivolta al rapporto fra l’architettura e le altre arti.
Al cinema, grazie ai contributi di Amos Gitai, Paolo Vari e Davide Rapp; alla fotografia, con la presenza di un protagonista quale Oliviero Toscani e di Paolo Rosselli e Antonio Ottomanelli.

All’arte, con la partecipazione, tra gli altri, dell’artista albanese Adrian Paci e al teatro grazie ad un evento speciale dedicato a Luca Ronconi, al Teatro dell’Arte - curato da Margherita Palli e Giovanni Agosti - e una programmazione speciale curata da Umberto Angelini.

E alla musica, che oltre al concerto di sabato sera, vedrà la partecipazione Max Casacci (Subsonica) e Daniele Mana e del loro nuovo progetto di campionatura e mix sonoro dei rumori della città di Torino.

A Milano Arch Week si discuteranno i grandi temi delle città contemporanee - le periferie, le disuguaglianze sociali, le trasformazioni urbane e la grande sfida della ricostruzione del Centro Italia - con la presenza tra gli altri del Commissario Vasco Errani. Non mancheranno approfondimenti sugli spazi del conflitto internazionale, grazie alla presenza dell’architetto israeliano Eyal Weizman, a una sessione dedicata al rapporto tra Architettura e Geopolitica e a una riflessione sullo sviluppo delle città africane.

Di sera il giardino della Triennale si accenderà per dar vita a momenti di riflessione intrecciati con l’intrattenimento e lo spettacolo.

Mercoledì 14 una serata verrà dedicata al rapporto tra Architettura e Natura con la partecipazione del neurobiologo vegetale Stefano Mancuso e Deproducers che presenteranno una special edition dello spettacolo “Botanica”.

Giovedì 15 una sessione dedicata all’Architettura e la Notte curata da Zero.

Venerdì 16 una Maratona Radicals (con gli architetti radicali della scena fiorentina e milanese) e a seguire la proiezione di un montaggio dei film su Milano di Renato Pozzetto commentati dal loro autore.

Sabato 17, infine, il giardino della Triennale ospiterà una grande serata dedicata alla cultura delle periferie, con filmati, testimonianze di scrittori e uno showcase curato da Marta Donà, dove si esibirà il meglio della musica trap italiana con IZI e LAIOUNG e FABRI FIBRA, reduce dal successo del suo ultimo disco di inediti “Fenomeno”.

I partecipanti alla Milano Arch Week avranno diritto ad uno sconto sul biglietto della mostra “La Terra Inquieta” (5,50 €) presentando il programma alla biglietteria della Triennale.

Sponsor: Coima, DBA Group, FS Sistemi Urbani, H3, HP, Lualdi, Mansutti e Milanosesto.

Media Partner: Abitare, Area, Arketipo, DDN, Design boom, Domus, E-flux, Icon, Icon Design, Interni, Made Expo, Of Arch, Radio Popolare, The Plan, Zero.

Per info: www.milanoarchweek.eu
www.facebook.com/milanoarchweek

#MilanoArchWeek

Come da Comune di Milano.


Milano: inaugurata mostra dedicata all'architetto Renzo Mongiardino

Cultura

In occasione del centenario dalla nascita, si inaugura al Castello Sforzesco la mostra dedicata all'architetto Renzo Mongiardino

renzo_mongiardino_lavoro_630-jpg

Milano, 26 settembre 2016 - Alle ore 18 di martedì 27 settembre, presso la sala del Tesoro al Castello Sforzesco, si apre al pubblico con un'inaugurazione aperta alla stampa la mostra 'Omaggio a Renzo Mongiardino. (1916-1998) Architetto e scenografo', che sarà allestita nella Sala del Tesoro del Castello Sforzesco dal 28 settembre all’11 dicembre 2016.

L'esposizione, promossa e realizzata dal Comune di Milano (Direzione Centrale Cultura – Soprintendenza Castello, Musei Archeologici e Musei Storici), è stata pensata per celebrare il centenario dalla nascita di uno dei più celebri architetti d'interni del secondo Novecento, Renzo Mongiardino, di cui le Raccolte Civiche conservano un consistente nucleo di documenti. Gran parte del materiale presentato in mostra proviene infatti dal Fondo Mongiardino conservato presso la Civica Raccolta delle Stampe 'Achille Bertarelli' dal 2002 grazie alla donazione di Maria Mongiardino, figlia dell’architetto; a questo ricchissimo lascito si aggiungono alcune opere ancora conservate dalla famiglia.

Leggere di più


Venezia: prorogata l'installazione di Joseph Kosuth all'Università Ca' Foscari

PROROGATA SINO AL 30 SETTEMBRE L’INSTALLAZIONE SITE SPECIFIC DI JOSEPH KOSUTH PER L’AULA BARATTO DELL’UNIVERSITÀ CA’ FOSCARI

“TO INVENT RELATIONS (FOR CARLO SCARPA) 2016”

Cà_Foscari_from_San_Toma'
 
Dopo il grande successo di pubblico registrato nelle giornate di inaugurazione della 15. Biennale di Architettura di Venezia, To Invent Relations (for Carlo Scarpa) 2016,l’installazione site specifc realizzata da Joseph Kosuth per l’Aula Mario Baratto dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, sarà prorogata sino al 30 settembre 2016. 
Leggere di più


Taking care, Progettare per il bene comune: Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2016

TAKING CARE, Progettare per il bene comune / Designing for the common good
è il titolo del Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2016.

1459762020398_Cattura

“TAKING CARE, Progettare per il bene comune / Designing for the common good”è il titolo del Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2016. Architettura come servizio alla comunità, cura degli individui, degli spazi, dei luoghi, dei principi e delle risorse. Per un’architettura che faccia la differenza, secondo il proposito di TAMassociati, il team curatoriale di questa edizione del Padiglione,  composto da Massimo Lepore, Raul Pantaleo, Simone Sfriso.
Un’architettura partecipata e intelligente, in grado di scardinare gli status quo e di immaginare un futuro migliore. Un progetto proposto alla Biennale Architettura 2016 con l’intenzione di radicarsi e riprodursi al di fuori di essa, per generare una nuova consapevolezza civica. Un’architettura al servizio del bene comune sociale, baluardo contro le frontiere create da marginalità ed esclusione. “Le periferie sono la vera sfida del XXI secolo, luoghi in cui vive, lavora e sogna la grande maggioranza degli abitanti delle nostre città. Organizzare questi spazi, connetterli ai grandi flussi metropolitani rispettandone le identità, restituire loro bellezza e armonia è il grande ruolo che gioca l’architettura in questo contesto” dichiara Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Il tema della 15. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia - scelto dal Direttore artistico Alejandro Aravena - indaga la necessità di coniugare l’architettura con la qualità della vita delle persone. Questo è avvalorato da Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia, che dice: “Abbiamo temuto che l’architettura rischiasse di non avere altre alternative, oltre a quella della realizzazione di interventi spettacolari o di bricolage. Questa Biennale vuol dirci che l’architettura è partecipe di una grande finalità: dar forma allo spazio comune.”
Le periferie, territori in continua trasformazione e aperti alla sperimentazione, affrontano i cambiamenti della contemporaneità. Ma la cultura può fare molto per le periferie, in particolare nella missione della DGAAP, che vede tra i suoi compiti proprio la promozione di politiche culturali volte a sostenere processi virtuosi di riqualificazione. Federica Galloni, a capo della Direzione generale Arte, Architettura contemporanee e Periferie urbane, sottolinea: "Al di là degli interventi specificatamente urbanistici o di politica sociale sulle periferie, l'architettura può e deve fare molto: è questa la principale missione della Direzione generale che vede tra le sue azioni la promozione della qualità del progetto di architettura e di politiche culturali volte a sostenere processi virtuosi di riqualificazione".
Un tema – quello dell’“avere cura” - che vuole essere una prova tangibile di come l’architettura possa contribuire a diffondere e rendere efficaci i principi di cultura, socialità, partecipazione, salute, integrazione, legalità in qualsiasi luogo e a qualsiasi scala.
All’interno del Padiglione Italia, 20 progetti di studi italiani in cui si evidenziano molteplici approcci, varietà di attori, pluralità di obiettivi dei lavori svolti. La selezione spazia in campi come l’abitare, il lavoro, la salute, l’istruzione, la cultura e valorizza il rapporto tra una committenza variegata (pubblica, privata, associativa, civica) e un’architettura parte attiva nel processo di partecipazione e condivisione. Quindi, il percorso espositivo si apre a una rassegna di scatti fotografici che diano forma visibile all’idea di bene comune in Italia. Infine si sviluppa in una sperimentazione sul campo e in un esplicito invito all’azione. Nel Padiglione verranno presentati 5 progetti inediti di realizzazioni assegnate ad altrettante associazioni nazionali impegnate nel contrasto alla marginalità in aree periferiche del nostro Paese, 5 artefatti personalizzati in un lavoro congiunto tra progettisti e associazioni, che porteranno - in un progetto complessivo di sussidiarietà sociale -, qualità, bellezza e diritti laddove manchino o risultino limitati.
“Desideriamo un’architettura che sia motore di nuove visioni, potente mezzo comunicante, strumento attraverso cui le tante periferie dell’abitare possano rivendicare diritti, progresso, opportunità, inclusione”, spiega il team di TAMassociati. Progetti come strumenti per agire nelle periferie e nelle zone di degrado, ausili per azioni di impatto sociale, presidi per l’appropriazione dello spazio collettivo, modelli per la cura e lo sviluppo delle risorse umane e ambientali, supporti alle politiche pubbliche di riqualificazione. Per rendere efficaci queste azioni, gli oggetti saranno finanziati con una raccolta di sponsorizzazioni private e una campagna di crowdfunding lanciata in occasione dell’inaugurazione della mostra.
L’allestimento di TAKING CARE avviene all’insegna del ‘low-cost’, privilegiando la riduzione del superfluo e la creazione di valore aggiunto, ottimizzando costi, efficienza e riuso.
Anche quest’anno la DGAAP curerà, grazie di nuovo all’ospitalità del Parco tecnologico di Vega a Marghera, un programma d’iniziative ideate d’intesa con TAMassociati che coinvolgeranno i neoiscritti di alcune Facoltà di Ingegneria e Architettura italiane (Padova, Reggio Calabria, Siracusa ed altre). In linea con il tema della 15.Mostra Internazionale di Architettura, saranno realizzati 3 workshop di   formazione sul tema dell’architettura sociale.
PADIGLIONE ITALIA
Biennale Architettura 2016
28.5 – 27.11/2016
Tese delle Vergini, Arsenale
30122 Venezia, Italia
Il Sito Web del Padiglione è Italia www.takingcare.it

 

Documentazione: Cartella StampaLink: Servizio Fotografico
Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone

L'architettura maya influenzò quella coloniale religiosa spagnola

31 Marzo 2016

La chiesa coloniale da Dzibilchaltún
La chiesa coloniale da Dzibilchaltún

L'architettura Maya avrebbe influenzato quella religiosa dei coloni spagnoli. Questi i risultati della tesi di dottorato in archeologia di Teobaldo Ramirez Barbosa, che ha confrontato le chiese coloniali spagnole e gli edifici maya nella penisola dello Yucatán, in Messico e Belize.
Sarebbe insomma possibile verificare una ibridizzazione, per cui le materie da costruzione e le forme utilizzate in epoca preispanica continuavano ad essere impiegate anche dopo.
La tesi "Churches, chapels, and Maya dwellings of Colonial Yucatán and Belize. A Postcolonial Approach", di Teobaldo Ramirez Barbosa, è disponibile presso la Göteborgs Universitetsbibliotek.
Link: Göteborgs UniversitetsbibliotekAlphaGalileo via University of Gothenburg


Roma, incontro "Mostrare il Museo - L'allestimento della Centrale Montemartini"

Incontro nell’ambito del programma della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Educare alle mostre educare alla città

MOSTRARE IL MUSEO

L'allestimento della Centrale Montemartini

Incontro e visita guidata a cura di Francesco Stefanori

Lunedì 1 marzo, ore 16.00

MUSEI CAPITOLINI - CENTRALE MONTEMARTINI

image002 (15)

Ad aprire il ricco e variegato calendario del mese di marzo di Educare alle mostre educare alla città, iniziativa di Roma Capitale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, sarà l’incontro MOSTRARE IL MUSEO: L'ALLESTIMENTO DELLA CENTRALE MONTEMARTINI, il prossimo lunedì 1 marzo 2016, ore 16.00, a cura di Francesco Stefanori, cui seguirà una visita guidata attraverso le sale del Museo.

Tra gli allestimenti museografici più recenti, il caso della Centrale Montemartini è esemplare sotto diversi  aspetti, specialmente per la valorizzazione di uno spazio di archeologia industriale e la trasformazione di un’esposizione provvisoria in collezione permanente.

Nel 1997, in occasione della ristrutturazione di ampi settori dei Musei Capitolini, si decise il trasferimento temporaneo nell’ex  Centrale termoelettrica di numerosi capolavori della scultura antica e di preziosi manufatti rinvenuti negli scavi della fine dell'Ottocento e degli anni Trenta del 1900. Venne così allestita una mostra dal titolo "Le macchine e gli dei", accostando due mondi diametralmente opposti come l’archeologia classica e l’archeologia industriale. Lo splendido spazio museale, inizialmente concepito come temporaneo, in occasione del rientro di una parte delle sculture in Campidoglio nel 2005, alla conclusione dei lavori di ristrutturazione, è stato confermato come sede permanente delle collezioni di più recente acquisizione dei Musei Capitolini. Nei suoi spazi continua il lavoro di sperimentazione di nuove soluzioni espositive collegato alla ricerca scientifica sui reperti; l'accostamento di opere provenienti da uno stesso contesto consente anche di ripristinare il vincolo tra il museo e il tessuto urbano antico. 

FRANCESCO STEFANORI

architetto, dal 1981 al 2012 ha lavorato presso la Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, dove è stato responsabile dell’Ufficio Allestimenti Museali e ha realizzato  numerosi allestimenti di mostre sia archeologiche che di arte contemporanea, oltre a  ristrutturazioni e allestimenti museali, tra cui il Museo di Sculture Antiche all’ex Centrale Elettrica G. Montemartini, la Galleria Lapidaria nella Galleria di Congiunzione dei Musei Capitolini, il Museo Bilotti nell’Aranciera di Villa Borghese, le Sale della scultura romana  nei Musei Capitolini, il primo lotto lavori del MACRO, il nuovo basamento per il monumento equestre del Marco Aurelio in Campidoglio, i Musei di Villa Torlonia (Casina delle Civette, Casino Nobile, Casino dei Principi), la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Roma Capitale in via Francesco Crispi.
Ha svolto incarichi di docenza presso la Luiss Business School, l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Dipartimento Architettura e Progetto, Facoltà di Architettura a Valle Giulia,  l’Italian Academy della Columbia University di New York. Ha collaborato con i Musei Vaticani per allestimenti di mostre. Ha inoltre partecipato a convegni sul tema degli Allestimenti museali. Ha al suo attivo circa 200 progetti di allestimento di mostre e 12 progetti di allestimenti museali, di cui ha curato anche la Direzione Lavori. 

Leggere di più


Roma, incontro "Le due anime. Musei e allestimenti in Italia dal dopoguerra ad oggi"

Incontro nell’ambito del programma della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Educare alle mostre educare alla città

LE DUE ANIME.

MUSEI E ALLESTIMENTI IN ITALIA DAL DOPOGUERRA AD OGGI

a cura di Francesco Moschini

Martedì 23 febbraio ore 16.00

MUSEI CAPITOLINI, SALA PIETRO DA CORTONA

Piazza del Campidoglio

Costantino-Dardi-galleria Pace 1984

Per l’ultimo appuntamento del mese di febbraio di Educare alle mostre educare alla città, iniziativa della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, la Sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini ospiterà il 23 febbraio 2016 l’incontro LE DUE ANIME. MUSEI E ALLESTIMENTI IN ITALIA DAL DOPOGUERRA AD OGGI, a cura di Francesco Moschini.

Una serie di importanti allestimenti caratterizza la storia artistica e architettonica del XX secolo.

Lucernaio Pala Expo Dardi

L'arte e l'architettura moderna hanno trovato in questo campo, a partire dagli esempi delle avanguardie storiche, un terreno fertile di sperimentazioni in cui far dialogare discipline e linguaggi diversi, definendo modalità varie di comunicazione per la trasmissione di dati e concetti, capaci di arrivare al grande pubblico, sia nello spazio del museo che nell’ambito effimero delle esposizioni. In particolare dagli anni Trenta in Italia si è affermata una cultura progettuale d’eccellenza che si è felicemente sviluppata nel secondo Dopoguerra sul versante della sperimentazione dei nuovi linguaggi della comunicazione, operando nei due campi dell’effimero e del permanente.

La vicenda della museografia italiana, a partire dagli allestimenti di Franco Albini, realizzati a Genova per Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e per il Tesoro di San Lorenzo (1949-1962) fino ai lavori esemplari di Scarpa per Castelvecchio a Verona (1957-64), si intreccia con la storia delle mostre allestite nei musei e non solo: una sorta di seconda anima che segna l'evolversi di progetti e realizzazioni che mettono al centro l’esperienza dello spettatore e le sue relazioni emotive ed estetiche con lo spazio.

Leggere di più


Parzialmente crollato il ponte di Tadcaster sul fiume Wharfe

30 Dicembre 2015 - 1 Gennaio 2016
Partially_collapsed_Tadcaster_Bridge_(30th_December_2015)_002
A seguito delle inondazioni che hanno interessato l'Inghilterra settentrionale la scorsa settimana (la tempesta è stata chiamata Eva), il ponte di Tadcaster sul fiume Wharfe ha cominciato a crollare, a partire dal 29 Agosto. Dopo la provvidenziale evacuazione, un'ampia sezione dello stesso ponte è crollata.
800px-Tadcaster_Bridge
Durante la Guerra civile inglese, il ponte fu centro di un incidente noto come battaglia di Tadcaster (in data 7 Dicembre 1642), vedendo lo scontro dei puritani parlamentaristi (roundhead) di Sir Thomas Fairfax contro i realisti (cavalier) di Sir Thomas Glemham. Il ponte (noto anche come ponte sul Wharfe) fu quindi parzialmente ricostruito agli inizi del Settecento.

Link: The Guardian 1, 2; Tri-County Sun TimesThe History Blog; Yorkpress.co.ukHistoric England.
Il Ponte di Tadcaster, il giorno dopo il crollo (30 Dicembre). Foto da WikipediaCC BY-SA 4.0, caricata da e di Mtaylor848.
 
Il Ponte di Tadcaster nel 2011, foto di Tim Green (Flickr: Tadcaster Bridge), da WikipediaCC BY 2.0, caricata da Slick-o-bot
 


Grecia: restauri per il Santuario di Asclepio sull'Acropoli di Atene

1 Gennaio 2016
800px-AcropolisatathensSitePlan
L'Asklepieion (o Santuario di Asclepio) presso l'Acropoli di Atene data al 420-419 a. C. circa, e fu poi ricostruito nel primo secolo a. C. (ed è per questa seconda fase che sono in corso i restauri).
Grazie ai ritrovamenti di un totale di 450 parti del monumento, a partire dal 1993, questo monumento può contribuire a ricostruire il pendio meridionale dell'Acropoli.
800px-Asclepieion_of_Athens_from_the_Acropolis
Link: Greek Reporter
L'Acropoli di Atene. L'Asklepieion è al numero 17. Da Wikipedia, CC BY-SA 2.0, caricato da e di Madmedea.
L'Asklepieion, vista dall'alto (2008). Foto da Wikipedia, CC BY-SA 4.0, caricata da e di DerHexer.
 
 


L'allineamento dei templi di Agrigento allo spazio e agli astri

30 Novembre - 7 Dicembre 2015
800px-Agrigento-Tempio_della_Concordia01
È dalla fine del diciannovesimo secolo che l'orientamento dei Templi Greci costituisce oggetto di dibattito. Pur verificando una tendenza all'orientamento rispetto all'arco del "sole nascente", significati e schemi rimangono ancora oscuri.
Un nuovo studio ha preso in esame i templi dalla città di Agrigento, relazionandone l'orientamento alla rete cittadina, e ai punti cardinali. In particolare, il tempio della Concordia e quello di Eracle sarebbero ben orientati sulla base dei punti cardinali. Per due templi in particolare, poi, l'orientamento anomalo ha determinato due proposte, una di carattere lunare e l'altra stellare.
La prima riguarda il tempio di Demetra e Persefone, sul quale sorge oggi la chiesa medievale (tredicesimo secolo) di San Biagio, in stile arabo-normanno. Demetra e Persefone erano figure centrali nei misteri eleusini. La proposta vorrebbe il tempio allineato alla luna piena più prossima al solstizio d'inverno. Il carattere acquatico del culto si sposa poi con la dedicazione della Chiesa  a San Biagio, che benediceva animali e acque.
800px-Agrigent_BW_2012-10-07_12-24-45
La seconda proposta riguarderebbe invece il tempio di Giunone (anche noto come tempio di Era Lacinia), da correlarsi con la flebile costellazione del Delfino, a sua volta da vedersi in connessione con Apollo e i pellegrinaggi a Delfi.
Leggere di più