17 Marzo 2015
Un nuovo metodo per identificare la malaria a partire dal midollo delle antiche ossa. Il parassita dietro la malattia, infatti, produce il polimero emozoina, e la sua rilevazione costituisce un metodo più efficace di altri, come l’estrazione dell’aDNA patogeno. I test sono importanti perché la malattia è in perenne mutamento e sarebbe così possibile conoscere una progressione temporale della malattia.
Link: Yale News; Past Horizons

Write A Comment

Pin It