5 Giugno 2015
640px-Blessingon_lunulaDSCF6555
Un nuovo studio avrebbe evidenziato l’esistenza di un’antica via commerciale tra la Cornovaglia e l’Irlanda, nel Calcolitico e nell’Età del Bronzo.
Le nuove analisi tendono infatti a spiegare i reperti irlandesi in oro del periodo con una fonte esterna, collocata probabilmente nel Sud Ovest dell’Inghilterra.  La scoperta è per certi versi sorprendente, perché depositi di oro esistevano in Irlanda. Probabilmente il metallo lasciava l’Inghilterra in quanto i possessori preferivano scambiarlo con altre merci desiderabili.
Questo perciò implicherebbe un diverso valore attribuito alla merce nelle aree suddette. In molte società si attribuiscono al metallo proprietà magiche, sovrannaturali o in qualche modo collegate alle divinità. È anche probabile che molto di quell’oro della Cornovaglia sia ancora in circolazione oggi.

Lo studio “A Non-local Source of Irish Chalcolithic and Early Bronze Age Gold”, di Christopher D. Standish, Bruno Dhuime, Chris J. Hawkesworth e Alistair W. G. Pike, è stato pubblicato su Proceedings of the Prehistoric Society.
Link: Proceedings of the Prehistoric SocietyAlphagalileo via University of Southampton; IndependentDaily MailPast Horizons 
Lunula in oro da Blessington, in Irlanda, Tardo Neolitico/Prima Età del Bronzo, 2400 – 2000 a. C. circa, dal British Museum. Foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Johnbod.
 

Write A Comment

Pin It