Il demone del classico ovvero custodire il fuoco

Recensione del saggio Segui il tuo demone di Ivano Dionigi, latinista che ha fatto degli studi sulla permanenza del classico la ragione del suo andare


0 Commenti10 Minuti

Eredi o inventori? Noi e i greci, sul filo delle parole

Giorgio Ieranò, nel volume "Le parole della nostra storia. Perché il greco ci riguarda" propone un’immersione avventurosa tra tradizione e modernità, nel magma ribollente del


0 Commenti9 Minuti

Autobiografia del contemporaneo: un cortocircuito con il mito

Il romanzo in versi della canadese Anne Carson, Autobiografia del Rosso, folgorante riscrittura della Gerioneide di Stesicoro


0 Commenti10 Minuti

Ammaliati dalle Sirene: le parole alate dei Greci

Ben vengano saggi come "La voce delle Sirene. I Greci e l’arte della persuasione" di Laura Pepe, per mettere a fuoco il potere che ha il linguaggio di plasmare la realtà


0 Commenti9 Minuti

Speciali perché differenti: gli antichi romani e noi

Giusto Traina, docente a Sorbonne Université, è autore del recente La storia speciale: perché non possiamo fare a meno degli antichi romani


0 Commenti7 Minuti

Perennemente umani: la vita senza fine dei classici

Il recente saggio di Enrico Terrinoni, Chi ha paura dei classici?, edito da Cronopio, si apre sotto il segno di un silenzio che è al tempo stesso vitale e sacro, perché fa da


0 Commenti7 Minuti

Il risonante richiamo del mito

Poesia e teatro custodiscono da sempre il cuore fragile del mito: a questo principio pare ispirarsi il libro I nomi e le voci di Roberto Mussapi


0 Commenti11 Minuti

Il nostro Enea

L'Enea di Giorgio Caproni è lontanissimo dalla retorica dei ricordi scolastici e da quella delle celebrazioni imperialistiche


0 Commenti11 Minuti

Effimeri costruttori d’eterno

Restiamo irrimediabilmente creature di un sol giorno, come ricorda l’immaginifico titolo di questo saggio di Mauro Bonazzi, mutuato da un verso di Pindaro


0 Commenti6 Minuti

Esercizi di umanità, tra le lacrime delle cose

In questi giorni sospesi, virgilianamente segnati dalle lacrime delle cose, accostarsi alle pagine degli antichi innesca un singolare cortocircuito


0 Commenti10 Minuti