17 Settembre 2015

Il Grande Museo Egizio riceve 1025 reperti
———————————————————————

12038150_425040117701138_6472714481792804640_n
Il grande Museo Egizio ha ricevuto lo scorso martedì 15 Settembre 1025 reperti archeologici provenienti dai magazzini di Tabyet al Nahaseen e Marina-Alessandria, per essere esibiti all’apertura del GEM. Così ha affermato il dott. Eldamaty, Ministro delle Antichità.
12033206_425040097701140_8049280644200958472_n

Il Ministero ha preso tutte le necessarie misure di sicurezza durante il processo di trasporto, con la presenza di un gruppo di curatori, restauratori, membri del team di trasporto e imballaggio del GEM. Così ha spiegato Eldamaty, aggiungendo che le ultime tecniche di trasporto sono state utilizzate per garantire la sicurezza degli reperti trasportati.
12038252_425040124367804_3326282562937649882_n
Un enorme numero di reperti archeologici è stato recentemente trasferito al GEM e al NMEC (Museo Nazionale della Civiltà Egizia) da diversi magazzini ed aree archeoogiche. Una procedura che rientra tra quelle programmate dal Ministero per proteggere questi reperti, specialmente in assenza di appropriate misure di sicurezza.
12004900_425040141034469_6251021501696948652_n
D’altra parte, il Supervisore al Progetto GEM, dott. Tarek Tawfiq, ha spiegato che non appena i reperti raggiungeranno il museo, saranno depositati presso i laboratori di restauro per ottenere il trattamento necessario, un processo abituale effettuato per tutti i reperti trasformati.
Tawfiq ha aggiunto infine che 766 reperti sono stati trasportati dalla Marina, tra questi sono comprese figurine di Tanagra, idrie, colonne e corone dell’epoca greco-romana, in aggiunta a una parte di sarcofago e un gran numero di lampade ad olio e vasi. I reperti trasportati da Tabyet al Nahaseen comprendono monete, lampade ad olio e cosmetici.
Link: Ministry of Antiquities – Egypt
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities, Ufficio Stampa: scritto da Asmaa Mostafa, tradotto da Eman Hossni. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto del Ministero delle Antichità Egizie.