Nell’ambito dell’Art Week bolognese, che si è svolta dal 17 al 26 gennaio 2020 e che ha visto anche l’ottava edizione di ART CITY Bologna, incontriamo pure la 44° edizione di ArteFiera Bologna. Diretta per la seconda volta da Simone Menegoi, si è presentata ricca di novità.

Le gallerie partecipanti – sia italiane che straniere – sono state 155. La maggior parte degli stand si trovavano nella Main Section; non bisogna tuttavia sminuire l’importanza delle altre tre sezioni, curate su invito come ogni anno: si tratta di Fotografia e immagini in movimento a cui si aggiungono, in questo nuovo format di Menegoi Focus e Pittura XXI.

ArteFiera Bologna

Prima fiera in tutto il mondo ad avere una sezione interamente dedicata alla pittura contemporanea, sostiene l’importanza che viene data in quest’edizione al medium pittura. Menegoi afferma: “Mi sembra che ArteFiera sia il luogo ideale per un tentativo del genere, è una fiera che ha un forte radicamento nell’arte del dopoguerra e dove i media tradizionali (soprattutto la pittura) sono di casa.” La Pittura è l’unico medium ad aver conservato un’ identità specifica e al tempo stesso è stata capace di affrontare tutti i temi del nostro tempo, continuando a dimostrarsi parte integrante del DNA dell’artista italiano.

ArteFiera Bologna

Anche la sezione Pittura XXI – curata da Davide Ferri – appoggia quest’idea, indagando e esplorando il panorama contemporaneo di questo medium.

Mentre la sezione Focus – curata da Laura Cherubini – dimostra una volta per tutte il costante rapporto – seppur non sempre visibile – che l’arte italiana ha sempre avuto col medium pittura. L’idea è stata raccontare quel periodo dell’arte che dagli anni Cinquanta fino ai Settanta, nonostante sia stato particolarmente variegato, fertile e sperimentale, ci ha dimostrato che in Italia la pittura c’è sempre stata.

Come afferma l’artista Giulio de Dominicis: “La pittura è una storia italiana”.

Anche quest’anno si è riconfermata la sezione Fotografia e immagini in movimento, curata dal collettivo FANTOM. Attraverso un percorso tra i vari stand realizza un vero e proprio osservatorio di ricerche sul nostro rapporto con la fotografia e i video, che sono diventati strumenti essenziali della nostra quotidianità, ma che continuano a trasformare la percezione che abbiamo del mondo e dello spazio che ci circonda.

Una nota positiva diffusa tra un pubblico più attento e curioso è l’area destinata all’editoria. Sempre più apprezzata dal pubblico, testimonia l’aumento della comunicazione sul mondo dell’arte tramite riviste e libri d’autore.

Ma in un momento in cui il calendario dell’arte è saturo tra fiere, eventi e quant’altro, riusciranno i collezionisti e gli addetti ai lavori a cogliere lo spunto di riflessione lanciato prima dal direttore Simone Menegoi poi dai curatori Davide Ferri e Laura Cherubini, di rivalutare l’importanza e il rapporto che noi italiani abbiamo con la pittura?

Lo capiremo solamente restando aggiornati sui prossimi appuntamenti del mondo dell’arte.

Foto e video relativi ad ArteFiera Bologna sono opera di Sarah Campisi