4 Maggio 2016
Serafim_and_a_bear
Cultures of Solitude” (Culture della solitudine) è il nuovo progetto di ricerca della dott.ssa Ina Bergmann, prof.ssa associata in studi americani all’Università Julius-Maximilians di Würzburg. Il progetto si sofferma su solitudine e isolamento come espressione estrema dei valori americani di libertà e individualismo.
In particolare, la dott.ssa Bergmann si è occupata della rappresentazione di eremiti e reclusi nella letteratura e nella cultura. Particolarmente interessante il caso di tale Robert, eremita del Massachussets, la cui storia è raccontata in rari scritti del diciottesimo e diciannovesimo secolo. Dopo aver perso la propria libertà con l’inganno, Robert divenne schiavo e fu separato dalla famiglia. La disperazione e la sofferenza lo spinsero quindi a scegliere la solitudine, e Robert divenne un eremita.
La dott.ssa intende ora incorporare storie come questa in un nuovo libro, A Cultural History of Solitude in the USA, coprendo anche altri aspetti come la critica della società e dei consumi, e il desiderio di libertà, di un nuovo stile di vita e di rapporto con l’ambiente.
Link: EurekAlert! via Julius-Maximilians-Universität Würzburg, JMU.
San Serafino di Sarov (1754/9-1833), uno dei più noti monaci russi della Chiesa Ortodossa, mentre divide il suo pasto con un orso. Da WikipediaPubblico Dominio (Fragment of a lythography Way to Sarov. 1903. From http://days.pravoslavie.ru/Images/ii1968&16.htm).