“Friuli Venezia Giulia. Viaggio nella terra dell’oro”

abc18e78f710a668faed856a473a31db8937c8

Si intitola “Friuli Venezia Giulia. Viaggio nella terra dell’oro” il progetto espositivo di immagini e documentari che sarà inaugurato martedì 31 maggio 2016 alle 17 a Villa Manin di Passariano di Codroipo (Ud) in cui l’originale e inedito sguardo del photoreporer e regista Luigi Vitale sui luoghi e sulle genti del Friuli Venezia Giulia verrà raccontato attraverso un percorso espositivo nelle 8 sale dell’Esedra di Levante di Villa Manin. In mostra 35 immagini a colori per raccontare il Friuli Venezia Giulia e 5 documentari-ritratti di artisti della regione: la fiber artist Attiliana Argentieri Zanetti, il pittore Giorgio Celiberti e Serse, lo scultore del vetro Toni Zuccheri e il maestro organaro Gustavo Zanin. Ogni documentario ha caratteristiche uniche, per quanto riguarda la regia, la sceneggiatura, spesso scritti girando, e la durata. L’esposizione multimediale, curata da Moreno Gentili, studioso di comunicazione del territorio e cultura d’impresa, è un prezioso lavoro di documentazione fotografica e video su luoghi e mestieri,  una viva e originale testimonianza di artisti che nel catalogo sono ritratti nei testi della giornalista Margherita Reguitti.
Arricchiscono il catalogo testi di Mauro Pascolini geografo e docente all’Università di Udine e itinerari alla scoperta della regione di Chiara Aglialoro. Nelle fotografie come nei video il filo conduttore del lavoro di Luigi Vitale è stato creare un rapporto diretto, quasi una conversazione intima, priva di interferenze o mediazioni esterne, fra protagonista e pubblico. Un itinerario emozionale di immagini e storie, in presa diretta dalla realtà della vita, approfondita e proposta in termini unici attraverso la sensibilità di un artista.
L’artista ha cercato e posto al centro del suo lavoro, durato oltre 10 anni, la bellezza e l’unicità di paesaggi e persone. Ha indagato le origini, le tradizioni culturali, approfondendo in chiave di narrazione la produzione nei settori dell’industria, dell’agricoltura e dell’artigianato, oltre che dell’arte. La visione di imprenditore-artista ha dato vita a un progetto ricco di molteplici letture: testimonianza, memoria, valorizzazione e promozione di una terra dalla storia e dal presente unici.
La mostra, realizzata con il patrocinio, tra gli altri, della Biblioteca statale isontina, resterà aperta fino al 16 luglio 2016, orari da martedì a venerdì dalle 15 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 19, info tel. +39 0432 821211 www.villamanin.it, [email protected]

Come da MiBACT, Redattrice Margherita Reguitti