Prosegue a Napoli il “sogno” di Manunzio

3a47653e2bc1dee2b684e41df7f448c984d07c9d
L’apertura al pubblico della mostra “Il sogno di Aldo. Umanesimo e stampa nell’officina di Manuzio” è prorogata fino al 31 marzo 2015. La proroga è stata decisa per accogliere le numerose richieste del pubblico e per consentire a studiosi ed appassionati di ammirare la splendida  mostra bibliografica ed iconografica che  la Biblioteca Nazionale di Napoli ha dedicato ad Aldo Manuzio, nato a Bassiano, nel Lazio, alla metà del XV secolo e morto a Venezia nel 1515.
In esposizione compaiono gran parte delle numerose edizioni (circa 131)   stampate da Aldo Manuzio. La collezione di aldine possedute dalla Nazionale di Napoli è, infatti, una delle più ricche fra quelle conservate dalle biblioteche italiane;  alcune sono presenti anche  in più copie, dagli Erotemata di Costantino Lascaris usciti il 28 febbraio del 1495, al De rerum natura di Lucrezio la cui edizione fu completata nel gennaio del 1515, pochi giorni prima della morte del grande editore, avvenuta il 6 febbraio del 1515.
Manuzio condusse al massimo splendore l’arte della tipografia mantenendo altissima la qualità delle sue edizioni. Tra le  pubblicazioni  più significative in mostra ricordiamo l’Hypnerotomachia Poliphili stampata da Aldo Manuzio nel 1499, un romanzo allegorico, il cui  titolo può essere tradotto in  “La battaglia amorosa di Polifilo in sogno”. Con le sue 172 xilografie è considerato il più bel libro illustrato del Rinascimento. Manuzio comprese le potenzialità insite nell’invenzione della stampa a caratteri mobili e con  l’impiego del carattere corsivo e con i libri di piccolo formato – libelli portatiles in formam enchiridii – che racchiudono sia i classici latini e greci che le edizioni in lingua italiana, traghetta  la stampa nel nuovo secolo con criteri di modernità ed efficienza divenendo un modello a cui si sono ispirati i tipografi dei secoli seguenti. A Manuzio si deve lo studio e la diffusione della cultura greca nei suoi testi in lingua originale e la trasformazione del libro a stampa in principale mezzo della trasmissione e della comunicazione della conoscenza umana.
 
ll sogno di Aldo. Umanesimo e stampa nell’officina di Manuzio.
Mostra bibliografica e iconografica aperta fino al 31 marzo   2016
apertura: lunedì-venerdi, ore 9-18.00; sabato ore 9-13.00
ingresso libero – visite guidate all’esposizione su prenotazione (081 7819231-325)
Come da MiBACT, Redattrice Lidia Tarsitano