Stati Uniti: reperti emergono con lo scioglimento delle nevi nella Foresta Nazionale Shoshone

5 Gennaio 2016
Wyoming_in_United_States.svg
Lo scioglimento delle nevi nella Foresta Nazionale Shoshone in Wyoming sta facendo emergere reperti che erano rimasti conservati per secoli: in particolare, si segnalano un arco di 625 anni fa e una mascella di bisonte di 660 anni fa. Il lavoro principale degli archeologi in questo momento è però quello di registrare il contesto per i reperti.
Link: Powell Tribune
Il Wyoming, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Wereldburger758 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug)).
 


Una strada dell'epoca della Guerra Civile Americana dalla Contea di Fairfax

23 Dicembre 2015
Virginia_in_United_States.svg
I resti di una strada principale dei tempi della Guerra Civile Americana, creata da tronchi di cedro, sono stati ritrovati presso Ox Road, nella Contea di Fairfax in Virginia.
La scoperta contribuirà a ricostruire virtualmente il paesaggio dell'epoca: la strada è stata registrata, misurata per ogni elemento e nuovamente sotterrata. Questo genere di strade è noto anche come "corduroy road", con riferimento al velluto a coste, per la somiglianza al tessuto.
Link: Washington PostChicago Tribune; The History Blog
Lo stato della Virginia, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Wereldburger758 (TUBS - Own work This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug)).
 


Agricoltura o no, le popolazioni crebbero allo stesso modo

21 Dicembre 2015
Bighorn_Mountain_(Banner_Co,_NE)_from_SE_1
Le popolazioni di cacciatori raccoglitori preistorici che vissero nell'area corrispondente agli odierni stati di Wyoming e Colorado, tra seimila e tredicimila anni fa, crebbero allo stesso modo degli agricoltori europei.
Questi i risultati di un nuovo studio che quindi confuterebbe l'assunto che l'agricoltura (il cui avvento si ebbe tra i dieci e i dodicimila anni fa) avrebbe accelerato la crescita della popolazione umana. In generale, tassi simili di crescita (attorno allo 0,04%) si sarebbero misurati per le popolazioni preistoriche a livello globale.
A determinare la crescita a lungo termine sarebbero perciò state altre ragioni, di carattere biologico o legate al clima, e non l'adattabilità all'ambiente locale o pratiche di sussistenza.
Leggere di più


Il legno delle Grandi Case a Chaco Canyon

7 Dicembre 2015
Chaco_Canyon_Pueblo_Bonito_doorways_NPS
Il legno delle grandi case dei popoli Pueblo a Chaco Canyon, costruite tra l'850 e il 1140 d. C., proveniva da due catene montuose. Pur trattandosi di un paesaggio privo di alberi, le costruzioni in questione ne fecero larghissimo uso: oltre 240 mila alberi furono utilizzati, ed è ancora possibile vederne il legno negli edifici.
A partire dall'850 e fino al 1020, la maggior parte del legno proveniva dalle Montagne Zuni, 75 km a sud. Attorno al 1060, la maggiore fonte di legno si spostò 75 km più ad ovest, presso le Montagne Chuska. È possibile anche notare dei cambiamenti nell'architettura, in quel periodo, oltre a un'espansione della Cultura Chaco. Oltre il 70% dei 170 legni considerati proveniva dalle due catene suddette.
Leggere di più


Lo scioglimento dei ghiacci della Fennoscandia e il Dryas recente

17 Novembre 2015

Il lago svedese alla base della ricerca. Credits: Barbara Wohlfarth, Università di Stoccolma
Il lago svedese alla base della ricerca. Credits: Barbara Wohlfarth, Università di Stoccolma

Uno degli enigmi dell'Era Glaciale sarebbe stato risolto: gli studiosi finora si chiedevano come conciliare i modelli climatici terrestri di 13 mila anni fa con la teoria prevalente di un'inondazione catastrofica di acqua dolce dalle calotte dei ghiacci nordamericani.
Studiando i sedimenti di un lago svedese, si è scoperto che la risposta al problema risiederebbe nelle calotte dei ghiacci scandinavi.
Il progressivo scioglimento della calotta dei ghiacci della Fennoscandia, avvenuta 13.100–12.880 anni fa, generò un dipolo idroclimatico con condizioni più asciutte e fredde nel Nord Europa e più umide e calde in Groenlandia. Il fenomeno culminò al termine del periodo. Lo studio suggerisce che la sensibilità idroclimatica nordamericana all'acqua dolce derivante dal suddetto scioglimento in Fennoscandia può spiegare il passo e il segno delle transizioni registrate in Groenlandia durante la transizione climatica del Dryas recente.
Leggere di più


Due neonati, stazionamento in Beringia e popolamento delle Americhe

26 Ottobre 2015
Beringia_land_bridge-noaagov
La Beringia, il ponte di terra che univa Siberia e Alaska, diede vita ai primi coloni dell'Emisfero Occidentale, anche se la caratterizzazione genetica di quelle popolazioni è sempre rimasta oscura. Ora si è decifrato il materiale genetico da due neonati di 11.500 anni fa, seppelliti insieme nel campo di Upward Sun River in Alaska. Questi sono successivi la fine della colonizzazione di pochi millenni appena.
I dati rilevati nello studio suggeriscono una maggiore diversità genetica nella prima Beringia rispetto ad oggi, e supporterebbero il modello della fermata in Beringia (Beringian standstill model), per il quale i Nativi Americani discenderebbero da popolazioni asiatiche che si sarebbero fermate in Beringia per un massimo di diecimila anni, per poi spostarsi rapidamente nelle Americhe attorno ai 15 mila anni fa almeno.
In otto siti esaminati si sono ritrovate poi tutte le principali discendenze di Nativi Americani, che indicano la presenza di questi nella prima popolazione in Beringia.
Leggere di più


USA: il relitto della nave a vapore Bay State

20 Ottobre 2015
Wave_in_Lake_Ontario
Il relitto della Bay State (una nave a vapore affondata durante una tempesta, il 4 Novembre del 1862), è stato individuato nel Lago Ontario, vicino Fair Haven nella Contea americana di Cayuga, Stato di New York. Morirono allora sette passeggeri e 9-11 membri dell'equipaggio.
La nave, costruita a Buffalo nel 1852, era una delle prime navi a vapore ad elica a navigare nei Grandi Laghi: si stima vi siano ancora duecento relitti lì.

Link: The New York Times; ABC via AP; Syracuse.comThe Guardian; The Telegraph; Science Daily via AP
Vista del Lago Ontario, verso Toronto, foto di SYSS Mouseda WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Magnolia677.
 


Caccia, svezzamento ed estinzione dei mammuth siberiani

15 - 21 Ottobre 2015
1024px-Woolly_mammoth
Indizi chimici ricavati dall'analisi di 15 zanne di giovani mammuth lanosi siberiani dimostrerebbero uno spostamento di tre anni nell'età dello svezzamento, per un arco di tempo di 30 mila anni. Il fenomeno spinge perciò gli studiosi che hanno effettuato questa scoperta a  ritenere che sia stata la caccia, e non il cambiamento climatico, ad essere la principale causa di estinzione dell'animale. I mammuth lanosi sparirono da Siberia e America del Nord attorno a diecimila anni fa.
Uno stress nutrizionale dovuto al cambiamento climatico sarebbe infatti normalmente associato a uno svezzamento ritardato, mentre la pressione dovuta alla caccia determinerebbe una maturazione accelerata negli animali.
La scoperta si colloca nell'ambito della discussione sulle estinzioni relative alla megafauna nel Tardo Pleistocene, con il cambiamento climatico e l’impatto umano ad essere i fattori più spesso citati, anche in concorrenza. In particolare, è il caso dei mammuth, estinti alla fine dell’Era Glaciale.

Link: University of Michigan News; Society of Vertebrate PaleontologyDaily Mail; The Examiner
Mammut lanoso, modello dal Royal BC Museum, a Victoria (Canada), foto di Flying Puffinda WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da FunkMonk.


I Paleoindiani pescavano salmone già 11.500 anni fa in Alaska

21 Settembre 2015
800px-Becharof_Wilderness_Salmon
Nel Nord America gli umani avrebbero cominciato a pescare salmone già nell'Era Glaciale. Queste le conclusioni alle quali è giunto uno studio che ha preso in esame il sito dell'Upward Sun River in Alaska, dove si sono ritrovate ossa di salmone keta (Oncorhynchus keta) datate a 11.500 anni fa. Il salmone è stato ritrovato anche in un focolare all'interno di una struttura abitativa.
Si tratta di una scoperta importante, perché si ritiene che i Paleoindiani praticassero soprattutto caccia grossa. Inoltre lo sfruttamento del salmone, quando questo risale la corrente per riprodursi, sarebbe avvenuto già verso la fine dell'Era Glaciale. Le ossa di pesce si presentano come una sfida per gli studiosi, perché a causa della loro dimensione e fragilità non si conservano bene e sono poco rappresentate negli studi.
La ricerca in questione è importante anche per comprendere le economie paleoindiane dell'epoca. Lo sfruttamento del salmone rimane importante, culturalmente ed economicamente, per i foraggiatori preistorici del Pacific Rim Settentrionale, con implicazioni riguardanti anche l'utilizzo del territorio e le espansioni. Tuttavia le origini di queste attività non sono note. Sulla base dei risultati ottenuti nello studio, si ritiene queste siano cominciate almeno nella fase terminale del Pleistocene.
Leggere di più


Ossa di merluzzo dalla Mary Rose rivelano commercio globalizzato del pesce nell'Inghilterra dei Tudor

9 Settembre 2015

Ossa di merluzzo dalla Mary Rose rivelano commercio globalizzato del pesce nell'Inghilterra dei Tudor

Nuove analisi mostrano che le provviste di pesce essiccato erano reperite in luoghi distanti come le acque islandesi e possibilmente persino transatlantiche. I Ricercatori dimostrano come il boom nel commercio del pesce contribuì ad alimentare la crescita della Marina Inglese, e viceversa.

800px-AnthonyRoll-2_Mary_Rose

Una nuova analisi degli isotopi stabili e del DNA antico delle ossa delle provviste dal magazzino, recuperate dal relitto della Mary Rose, nave da battaglia di epoca Tudor, che affondò al largo della costa dell'Inghilterra meridionale nel 1545, ha rivelato che il pesce conservato nei depositi fu pescato in acque sorprendentemente distanti: la parte settentrionale del Mare del Nord e le zone di pesca dell'Islanda – nonostante il fatto che l'Inghilterra avesse industrie ittiche ben sviluppate nel sedicesimo secolo.

Leggere di più