La vita non era semplice 1,8 milioni di anni fa

10 Marzo 2016

Resa artistica dell'habitat umano in Africa Orientale, 1,8 milioni di anni fa. Credit: M.Lopez-Herrera via The Olduvai Paleoanthropology and Paleoecology Project ed Enrique Baquedano.
Resa artistica dell'habitat umano in Africa Orientale, 1,8 milioni di anni fa. Credit: M.Lopez-Herrera via The Olduvai Paleoanthropology and Paleoecology Project ed Enrique Baquedano

La disponibilità di piante e acqua dolce modella la dieta e i comportamenti sociali degli scimpanzé, i nostri parenti più prossimi. Similmente, l'evoluzione umana avvenne in risposta alla disponibilità di risorse vegetali e idriche: la loro influenza rimane però dibattuta, rimanendo scarse le testimonianze della loro distribuzione spaziale nei luoghi dove i primi ominidi vivevano.
Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, per la prima volta ha ricostruito l'habitat umano di 1,8 milioni di anni fa in Africa Orientale, a partire dagli elementi raccolti. La ricostruzione del paesaggio aiuterà i paleoantropologi a sviluppare idee e modelli sull'apparenza di quei primi umani (che dovevano sembrare a metà tra quelli moderni e le grandi scimmie), su come vivevano e su come si procacciavano il cibo (e specialmente le proteine), sul loro comportamento.
I nostri antenati presso un sito nella Gola di Olduvai, in Tanzania, disponevano di strumenti litici e avevano accesso a cibo, acqua e a rifugi all'ombra. La vita non doveva essere semplice, allora, poiché erano in continua competizione con i carnivori (leoni, leopardi, iene), per ottenere il cibo di cui si nutrivano. Il sito (FLK Zinj) fu scoperto nel 1959 da Mary Leakey: furono ritrovate migliaia di ossa animali e strumenti litici. Negli anni si sono raccolti anche campioni del terreno per le analisi. Le due specie di ominidi ritrovati sono il Paranthropus boisei, robusto e dal cervello piccolo, e l'Homo habilis, con ossa più leggere, ma un cervello più grande. Entrambi avevano un'altezza compresa tra circa 1,40 e 1,60 cm, e vivevano tra 30 e 40 anni. Gli ominidi forse utilizzarono il sito per decine (o centinaia) di migliaia di anni, approfittando della sorgente d'acqua dolce, ma probabilmente non vissero qui.
Il paesaggio era caratterizzato da una sorgente d'acqua dolce, aree paludose e boschive, oltre che da praterie. Le ombrose foreste presentavano palme e acacie: gli ominidi venivano qui a mangiare la carne (testimoniata dall'alta concentrazione di ossa) che probabilmente si procuravano altrove. Il tutto è risultato coperto da uno strato di ceneri vulcaniche - risultato di un'eruzione simile a quella di Pompei  - che in questi millenni hanno preservato la materia organica.
Il fatto che questi ominidi mangiassero carne è un elemento molto importante nelle ricerche che li riguardano, perché si ritiene che la dimensione del cervello e l'evoluzione umana siano legate a un incremento delle proteine.
Gail M. Ashley, a professoressa al Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie alla Rutgers University. Credit: Courtesy of Gail M. Ashley
Gail M. Ashley, professoressa al Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie alla Rutgers University. Credit: Courtesy of Gail M. Ashley

Leggere di più


Credenze religiose e cooperazione nelle società umane

10 Febbraio 2016
Durga_idol
Un nuovo studio, pubblicato su Nature, sottolinea come le credenze relative a divinità onniscienti e castigatrici possano aver giocato un ruolo chiave nella cooperazione tra popolazioni distanti e nello sviluppo dei moderni stati.
La ricerca, che ha visto una collaborazione tra antropologi e psicologi, ha guardato alle modalità con cui la religione influenza la volontà di cooperare, al di là della propria cerchia sociale. Si sono effettuati colloqui ed esperimenti in molti paesi: Vanuatu, Fiji, Brasile, Mauritius, Siberia e Tanzania. Le credenze religiose in queste nazioni sono varie e comprendono quelle del Cristianesimo, dell'Induismo, dell'animismo e della venerazione degli antenati.
Certe tipologie di credenze, come quelle che implicano divinità che sono coscienti delle interazioni umane, possono influenzare la volontà di cooperazione. Se si è convinti di essere osservati, e di essere puniti da una divinità - ad esempio per avarizia o per furto - si può essere meno inclini a simili comportamenti antisociali. Coloro che hanno simili credenze possono anche essere più inclini a comportamenti più corretti nei confronti degli appartenenti alla stessa religione, sebbene distanti.
Secondo gli autori, questo genere di comportamenti può dunque contribuire a sostenere strutture che sono alla base della società moderna: istituzioni, mercati, collaborazioni. Le religioni avrebbero dunque svolto un ruolo importante nello sviluppo e per la stabilità di organizzazioni statali complesse, come gli stati.
Leggere di più


Nelle società preindustriali non si dorme di più

15 - 16 Ottobre 2015
800px-Hadzabe1
Probabilmente ci piacerà pensare che il dormire poco sia connesso ai ritmi frenetici della società moderna. Un nuovo studio, pubblicato su Current Biology, dimostra invece che anche nelle società preindustriali di Bolivia, Namibia e Tanzania il numero di ore di sonno giornaliere si attesta sulle 5,7-7,1, con una media di 6,4.
Non sarebbero dunque le nostre televisioni, i cellulari, le radio e il caffè a farci dormire meno. I cacciatori raccoglitori dormono un'ora in più in inverno, e in media rimangono svegli per circa tre ore dopo il tramonto, svegliandosi prima dell'alba. Sarebbe invece la temperatura a svolgere un'importante funzione di regolazione del sonno, per quanto riguarda durata e tempo. Si va a dormire quando calano le temperature, e ci si sveglia quando sono al minimo. Non vi sarebbe invece un legame stretto con i livelli di luce.
I gruppi di cacciatori-raccoglitori e cacciatori-orticoltori considerati nello studio sono gli Hadza della Tanzania settentrionale, i Kalahari San della Namibia nord orientale, e gli Tsimane che vivono presso il fiume Maniqui in Bolivia. Tra questi, solo i secondi non sono nomadi e vivono in villaggi come cacciatori-raccoglitori. Sono state registrate le abitudini relativamente a 94 individui per un totale di 1165 giorni. Nonostante le differenze genetiche, storiche e ambientali, i tre gruppi mostrano pattern simili per l'organizzazione del sonno, probabilmente risalenti a un'epoca precedente l'Homo Sapiens.
Leggere di più


Come si pensa ai colori nel mondo

10 Settembre 2015
800px-Hadzabe1
Se avesse un altro nome, penseremmo a un colore allo stesso modo, a prescindere dal linguaggio utilizzato?
Una nuova ricerca, pubblicata su Current Biology, ha affrontato la domanda, rivolgendosi alle popolazioni di cacciatori raccoglitori Hadza in Tanzania. Il gruppo possiede poche parole per i colori, e quando si è chiesto di dare un nome, la risposta più comune era "non lo so".
Nonostante questo, gli intervistati raggruppavano comunque i colori in un modo che coincideva con le convenzioni degli immigrati somali e dei nativi Inglesi. Chiaramente sussistono delle costrizioni da parte della nostra mente, nel raggruppare i colori, ma esiste un compromesso tra cultura e biologia.
Leggere di più


L'ipotesi della nonna e i legami di coppia

7 Settembre 2015
800px-Hadzabe1
I legami di coppia sono universali nelle società umane e ci distinguono dai nostri parenti prossimi. Ma come si sono determinati?
L'antropologa Kristen Hawkes è colei che ha proposto la cosiddetta "ipotesi della nonna", sulla base della quale dovremmo ringraziare le nonne preistoriche per la lunga durata della vita umana. Il suo nuovo studio collega ora questi elementi a quello dei legami di coppia.
I legami di coppia producono, tipicamente, pretese di proprietà da parte dell'uomo sulla donna e difesa della compagna: si tratta di fenomeni che negli animali si ritrovano più di frequente quando il rapporto numerico tra i sessi per l'età fertile vede una prevalenza maschile. L'antropologa ha dunque effettuato una simulazione al computer, sempre con le ipotesi della nonna e un campione di primati e cacciatori raccoglitori umani. L'antropologa ha collegato dunque l'eccesso di uomini più vecchi e fertili alla tendenza maschile a difendere la compagna dalla competizione e a formare con lei legami di coppia.
Tradizionalmente, si riteneva che questi derivassero dai cacciatori umani che nutrono le femmine e la progenie, in cambio della paternità di quei bambini, di modo da avere discendenti ai quali passare i propri geni. L'ipotesi della nonna ritiene invece che l'elemento chiave, per il quale le mamme possono avere prima il prossimo bambino, non risieda nel fatto che i papà portino a casa il cibo, ma nella nonna che contribuisce a nutrire i bambini svezzati. Questo favorì un'aumentata longevità e nonne più longeve a sua volta contribuivano di più.
Leggere di più


Archeologia vivente in Tanzania

19 Agosto 2015

Archeologia vivente in Tanzania

Rappresentazione di un leone. Foto di M. Grzelczyk
Rappresentazione di un leone. Foto di M. Grzelczyk
Pitture rupestri fino ad oggi sconosciute, che coprono rifugi rocciosi nel Distretto di Kondoa nella Tanzania centrale, sono state scoperte da Maciej Grzelczyck, vincitore del programma "Diamond Grant"del Ministero della Scienza. Allo stesso tempo, il ricercatore ha cominciato un progetto di ricerca etnologica intensivo, attraverso il quale spera di comprendere l'importanza delle pitture scoperte.
Il distretto di Kondoa è famoso per il gran numero di pitture rupestri prodotte su migliaia di anni. Ad ogni modo, solo un'area selezionata è sulla lista dei Beni Patrimonio dell'Umanità UNESCO. La riserva di Kondoa fu istituita sulla base della ricerca di Mary Leakey, condotta negli anni cinquanta. La ricercatrice e la sua famiglia sono noti principalmente per aver cercato i primi ominidi nella vicina Gola di Olduvai.
Leggere di più

Tanzania: il mignolo della prima mano "moderna"

18 Agosto 2015
1280px-Olduvai_Gorge_or_Oldupai_Gorge
Una morfologia specializzata della mano rappresenta uno degli elementi caratteristici dei moderni umani. Essa è dunque un argomento centrale nello studio dell'evoluzione della nostra specie, in quanto oggetto di dibattito circa la relazione tra la moderna anatomia, le capacità di presa associate e l'utilizzo di strumenti litici da parte dei primi ominidi.
Un osso fossile di un mignolo di più di 1,84 milioni di anni fa, oggetto di uno studio pubblicato su Nature Communications, rappresenterebbe un importante tassello nella più antica mano "moderna" finora rinvenuta.
ncomms8987-f1
Si tratta di una falange della mano appartenuta all'Ominide di Olduvai (OH) 86, dal sito recentemente scoperto e di >1.84 milioni di anni fa di Philip Tobias Korongo (PTK), presso la celebre e importantissima Gola di Olduvai, in Tanzania. OH 86 rappresenta la più antica mano fossile registrata, di forma e dimensione che differisce non solo da tutti gli australopitechi, ma anche dalle ossa delle falangi della mano parziale di OH 7 (parte dell'olotipo Homo habilis), geograficamente prossimo e relativo al periodo immediatamente dopo la deposizione dello strato. La scoperta di OH 86 suggerisce perciò che un ominide con uno scheletro postcraniale più simile a quella dei moderni umani coesistette con  Paranthropus boisei e Homo habilis presso la Gola di Olduvai ai tempi del Letto I (NdT: Bed I).
Leggere di più