YANNICK – LA RIVINCITA DELLO SPETTATORE, di Quentin Dupieux

con Raphaël Quenard, Pio Marmaï, Blanche Gardin, Sébastien Chassagne, Agnès Hurstel

DAL 18 GENNAIO 2024 AL CINEMA

Recensione a cura di Alice Fiorini e Giuseppe Fraccalvieri

“Potevo farlo anch’io questo!” O in ogni caso, sicuramente meglio.
Quante volte abbiamo letto questa accusa nei confronti dell’arte? In un’epoca nella quale in tanti ci si sente dei critici, Yannick – La rivincita dello spettatore mette in azione questa accusa, con una guardia giurata che compie il gesto folle di prendere in ostaggio un’intera platea e gli attori, colpevoli di una performance insoddisfacente.

Yannick non è però l’antipatico e saccente commentatore dei social, ma è un puro, una figura candida, quasi uscita dalla penna di Rousseau o Voltaire, in grado di far emergere e canzonare i lati oscuri di ciascun membro della società.

La pièce ricorda sicuramente il teatro dell’assurdo e ovviamente potrebbe ben essere rappresentata a teatro, al punto che ci si potrebbe chiedere, dopo aver visto il film, se si è davvero passata una serata al cinema. Nel finale si ha invece quasi la sensazione di un moderno film muto.

Il lungometraggio di Quentin Dupieux è un film conciso, ma che nella sua semplicità da una parte mostra alcuni lampi di genio, dall’altra lascia aperta la porta a molte interpretazioni.

Yannick – La rivincita dello spettatore è un lavoro con diversi profili di originalità, in grado di strappare più di un sorriso e di una risata, e al contempo di far riflettere.

Yannick - La rivincita dello spettatore, di Quentin Dupieux
il poster del film

———————————————————————————————————————————————————-

Informazioni ufficiali: I Wonder Pictures è lieta di portare nelle sale italiane dal 18 gennaio YANNICK – LA RIVINCITA DELLO SPETTATORE, la nuova follia cinematografica del regista di culto Quentin Dupieux (alias Mr. Oizo).

Scritto, diretto e montato dallo stesso regista, il film è stato presentato in anteprima mondiale al 76esimo Locarno Film Festival, dove ha ricevuto il Premio Europa Cinemas Label come Miglior film europeo, e in anteprima italiana Fuori Concorso al 41esimo Torino Film Festival.

Dupiex (Due uomini e una mosca, Incredibile ma vero) commenta così la sua ultima opera:

“Il 99% dei film è noioso. Questo non lo è”.

Siamo in un teatro parigino, dove va in scena una pièce mediocre intitolata Le Cocu (Il cornuto): tre soli attori sul palcoscenico, una donna (Blanche Gardine) due uomini (Pio Marmaï e Sébastien Chassagne) che se la contendono, dentro una cucina dimessa. All’improvviso lo spettatore Yannick, interpretato dall’astro nascente del cinema francese Raphaël Quenard, guardiano notturno con un evidente esaurimento nervoso in corso ferma lo spettacolo. Dopo aver fatto di tutto per potervi assistere, adesso non è per niente soddisfatto della performance e si sta annoiando. Con un vero colpo di scena teatrale, Yannick “prende il controllo” della situazione, intenzionato a creare una pièce davvero divertente.

YANNICK – LA RIVINCITA DELLO SPETTATORE sarà nei cinema dal 18 gennaio 2024 con I Wonder Pictures.

SINOSSI: In un teatrino di periferia, tre attori mettono in scena una maldestra tragicommedia degli equivoci. Finché Yannick si alza dalla sua poltrona e interrompe lo spettacolo. Non è disposto a subire ancora questa tortura, adesso le cose si faranno a modo suo. A costo di prendere in ostaggio l’intera platea…

Dal folle genio di Quentin Dupieux (Due uomini e una mosca, Incredibile ma vero), una storia di quotidiana ribellione appassionante quanto divertente, un gioco delizioso capace di sorprendere e arrivare a profondità umane inaspettate.

CAST ARTISTICO

Raphaël Quenard, Pio Marmaï, Blanche Gardin, Sébastien Chassagne, Agnès Hurstel

CAST TECNICO

Regia, Fotografia, Montaggio, Sceneggiatura Quentin Dupieux

Direzione Artistica Joan Le Boru

Suono Guillaume Le Braz

Alexis Place

Costumi Elfie Carlier

Scenografia Bruno Hadjadj

Ass. Regia Alexandra Denni

Casting Marine Albert

Supervisione Post-Prod. Camille Cariou

Produttori Esecutivi Hugo Sélignac

Thomas Verhaeghe Mathieu Verhaeghe

Produttore Associato Antoine Lafon

Comunicazioni ufficiali, video e immagini dall’Ufficio Comunicazione I Wonder Pictures e dall’Ufficio Stampa Echo Group. Aggiornato il 5 e il 12 gennaio 2024.

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo. Gli articoli a nome di ClassiCult possono essere 1) articoli a più mani (in tal caso, i diversi autori sono indicati subito dopo il titolo); 2) comunicati stampa (in tal caso se ne indica provenienza e autore a fine articolo).

Write A Comment

Pin It