Apertura straordinaria dei luoghi della cultura della Soprintendenza Palazzo Patrizi Clementi di Roma e Mitreo di Marino (RM)

26-27 novembre 2022

Roma, Palazzo Patrizi Clementi, via Cavalletti 2 – Sabato 26 novembre 2022

Sede della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti

Apertura straordinaria dei luoghi della cultura della Soprintendenza Palazzo Patrizi Clementi di Roma e Mitreo di Marino (RM) 26-27 novembre 2022
Apertura straordinaria dei luoghi della cultura della Soprintendenza Palazzo Patrizi Clementi di Roma e Mitreo di Marino (RM) 26-27 novembre 2022

Il seicentesco Palazzo Patrizi Clementi, sede della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti, apre nuovamente le sue sale al pubblico nella giornata di sabato 26 novembre 2022, dalle ore 16 alle ore 20 con visite guidate gratuite curate dai funzionari della Soprintendenza. L’evento eccezionale permetterà di approfondire la storia del luogo, a due passi dal Ghetto, e visitare gli ambienti di un palazzo nobiliare delle Roma secentesca.

Il palazzo fu acquistato dal nobile Francesco Patrizi nel 1626 che lo abitò fino alla morte insieme alla moglie Caterina Spinelli. Le sale del piano nobile furono interamente decorate con temi sacri e profani: particolarmente interessanti il grande fregio del salone con storie di Abramo attribuite a Giovanni da San Giovanni, e la piccola, ma bella biblioteca, con la volta ornata da un affresco di fine ‘600 raffigurante le Arti Liberali.

Palazzo Patrizi Clementi di Roma e Mitreo di Marino 26-27 novembre 2022

Le visite guidate gratuite si svolgeranno con i seguenti orari:

Sabato 26 novembre 2022: ore 16.30, ore 17.30, ore 18.15, ore 19.00

Non è prevista la prenotazione, ingresso libero fino a esaurimento posti. Gruppi di max 25 persone

Marino (RM), Mitreo di Marino, via Borgo Stazione 12 – Domenica 27 novembre 2022

Nella giornata di domenica 27 novembre 2022 sarà possibile visitare eccezionalmente il mitreo di Marino (RM) con visite guidate gratuite dei funzionari della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti, che illustreranno la storia di un luogo suggestivo e pieno di mistero, recentemente restaurato e riaperto al pubblico nel 2021.

Le pitture del Mitreo di Marino, individuato casualmente nel corso di lavori edilizi nel Secondo Dopoguerra, rappresentano sicuramente uno degli episodi più rilevanti e suggestivi della pittura romana di epoca imperiale. L’ottimo stato di conservazione, miracoloso date le condizioni ambientali dell’edificio, ricavato in una cisterna scavata nel banco tufaceo al piede del rilievo su cui sorge il paese, consente di apprezzare in tutto il suo sviluppo il ciclo iconografico caratteristico del racconto salvifico della religione di origine persiana incentrata su Mitra, in cui il giovinetto, ispirato dal Sole compie il rito, allusivo alla fecondità, del sacrificio del toro (tauroctonia), alla presenza dei suoi alfieri Cautes e Cautopates e della Luna che pare ritrarsi di fronte alla rivelazione divina, mentre sui lati una serie di quadretti illustranti la teologia del Mitraismo, nonché di apprezzare l’altro livello artistico della pittura antica ancora a fine II secolo d.C., pure in un episodio senza dubbio secondario e marginale sia per dislocazione che per committenza. Proprio questo ultimo aspetto è illustrato dalle iscrizioni con i nomi dei donatori della decorazione e di altre sistemazioni dell’edificio, personaggi di modesta condizione sociale ma evidentemente facoltosi al punto di finanziare i lavori. Sulla pertinenza del monumento sono state avanzate diverse ipotesi, la più suggestiva quella secondo cui si doveva trattare del luogo di culto riservato agli operai e al personale delle vicine cave di peperino (lapis Albanus).

 

Le visite guidate gratuite si svolgeranno con i seguenti orari:

Domenica 27 novembre 2022: ore 10.00, 11.00, 12.00, 14.00, 15.00, 16.00

Ingresso consentito a un massimo di 15 persone per volta. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Per informazioni per entrambi gli eventi[email protected]cultura.gov.it

Testo e foto dall’Ufficio Promozione e Comunicazione Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo

Write A Comment

Pin It