La seconda campagna di scavi sull’Acropoli di Selinunte diretta dall’Università Statale di Milano in collaborazione con la New York University  ha portato interessanti sorprese. Clemente Marconi, archeologo della New York University ha annunciato durante la conferenza stampa di fine lavori che nel cantiere del Tempio C sono stati ritrovati preziosi reperti in oro, avorio e argento. Inoltre, di particolare interesse, anche un falchetto egittizzante in faience di cui vi sono solamente altre due attestazioni in Sicilia. Angela Bellia, archeomusicologa dello scavo, ha invece annunciato il ritrovamento della parte interna di un plettro di lira in osso databile al VII-VI secolo a.C. Nel 2012, sempre il team capitanato da Marconi, aveva rinvenuto un aulos del VI secolo a.C. in un deposito votivo sotto il Tempio R, uno dei più antichi della polis greca in Occidente, probabilmente dedicato a Demetra, la dea della fertilità umana e della natura. Il luogo sacro si trovava in prossimità di un edificio rettangolare, il South Building, che poteva accogliere numeroso pubblico seduto e in piedi: si tratterebbe di un “cultic theatre” dove venivano “messi in scena” i racconti mitici legati alle divinità e si poteva assistere ad esecuzioni musicali e a concorsi ginnici nel corso delle feste.

Altare cavo del Tempio R. Foto: Università Statale di Milano

La campagna di scavo si è svolta tra il 7 giugno e il 5 luglio 2019 e ha incluso numerosi studiosi provenienti da ben 8 paesi. Lo scavo si è incentrato sulle due trincee aperte lo scorso anno lungo il lato sud del tempio R  e il lato sud del tempio C e ha apportato dati interessanti per quanto riguarda lo sviluppo della polis durante la fase pre-greca. In particolare, lo scavo sull’acropoli ha portato alla luce i resti di un edificio di culto lungo 4.5 m, con fondazione in schegge di calcare ed elevato in mattoni crudi, testimonianza della prima occupazione greca del santuario. Databile nell’ultimo quarto del VII secolo a.C., la struttura è stata rasata con cura in occasione della successiva costruzione del Tempio R nel primo quarto del VI secolo a.C.

“Particolarmente notevole – aggiunge il professor Marconi – è stato il rinvenimento, nello strato di preparazione dell’area, della deposizione di un palco di cervo rosso appartenuto a un animale adulto”.

Altri rinvenimenti della massima importanza relativi alle fasi di costruzione e uso del Tempio R, invece, sono stati quelli di due buche di palo, utili al sollevamento dei blocchi della cella, e di un altare cavo per libagioni posizionato presso l’angolo sud-est del tempio. Nel livello di costruzione sono state inoltre riportate alla luce due corna di un toro adulto di grandi dimensioni, la prima evidenza archeologica del sacrificio di tori nel grande santuario urbano.

Palco di cervo rosso. Foto: Università Statale di Milano

A proposito del Tempio C, invece, il saggio tra questo e il Tempio R ha messo in luce le fondazioni del Tempio C, rivelando come la pendenza attuale di questo settore dell’acropoli sia stata realizzata artificialmente in occasione della costruzione di questo grande tempio monumentale. “I livelli associati alla realizzazione del Tempio C – conclude Clemente Marconi – sono perfettamente conservati e offrono documentazione preziosa per la definizione del processo di costruzione. A questo va aggiunto, infine, il rinvenimento di materiali anche in oro e argento da un eccezionale deposito votivo legato al cantiere del Tempio C”.

Gli scavi, condiretti da Rosalia Pumo sempre della NY University riprenderanno il prossimo anno e si indagherà a partire dalle due trincee venute alla luce proprio in questi giorni. Gli studiosi ipotizzano la presenza di altri edifici sacri tra i templi R e C antecedenti lo stesso tempio R. Numerosi sono gli indizi che portano a culti femminili e in modo particolare a quelli dedicati ad Artemide.

“Abbiamo appena concluso la 13ª campagna della missione sull’acropoli di Selinunte e siamo estremamente soddisfatti dei risultati raggiunti e del carattere interdisciplinare e internazionale dello scavo che ha coinvolto, solo nel 2019, oltre 50 membri, tra studenti e studiosi, provenienti da otto Paesi diversi”, commenta Clemente Marconi.