22 Luglio 2016

Esperimenti per dimostrare l'utilizzo del manufatto in avorio al fine di produrre funi. Photo: Copyright University of Liège
Esperimenti per dimostrare l’utilizzo del manufatto in avorio al fine di produrre funi. Photo: Copyright University of Liège

Le funi erano componenti di estrema importanza per i cacciatori raccoglitori del Paleolitico. In casi eccezionali, si è riusciti a trovare i segni lasciati dalle stesse su ceramiche, oppure li si è visti nell’arte dell’Era Glaciale.

Avorio di mammuth di 40 mila anni fa da Hohle Fels. Photo: Copyright University of Tübingen
Avorio di mammuth di 40 mila anni fa da Hohle Fels. Photo: Copyright University of Tübingen

Nella Grotta di Hohle Fels, nella Germania meridionale, si è ora ritrovato uno strumento in avorio di mammuth che potrebbe riscrivere la storia delle funi. Il reperto, intagliato con precisione e ben conservatosi, è lungo 20,4 cm e presenta quattro fori aventi diametro tra 7 e 9 cm.

Dettaglio dello strumento. Photo: Copyright University of Tübingen
Dettaglio dello strumento. Photo: Copyright University of Tübingen

Simili ritrovamenti sono stati in precedenza interpretati nei modi più vari, ma un nuovo studio dimostrerebbe come lo strumento possa essere stato utilizzato per ricavare funi a partire dalle fibre presenti nelle piante nei pressi della Grotta. Hohle Fels è già un sito celebre e di grande importanza, e con quelli vicini è stato nominato per la lista UNESCO dei siti patrimonio dell’umanità.

Il contesto dello strumento. Agosto 2015. Photo: Copyright University of Tübingen
Il contesto dello strumento. Agosto 2015. Photo: Copyright University of Tübingen

Lo studio “Außergewöhnliche neue Funde aus den aurignacienzeitlichen Schichten vom Hohle Fels bei Schelklingen”, di Nicholas J. Conard, Maria Malina, è stato pubblicato su Archäologische Ausgrabungen in Baden-Württemberg, S. 61-66, 22 July 2016.

Link: AlphaGalileo via Universitaet Tübingen