Due secoli di stampa cattolica in Campania

eba3c5fb48ac3254d5d88e9a574495d147b45
Settimanali diocesani, bollettini ufficiali delle circoscrizioni vescovili, riviste teologiche, pubblicazioni di basiliche e santuari, dalle più antiche alle più recenti, dall’Ottocento ai giorni nostri, offrono un interessante spaccato  della storia delle venticinque diocesi campane, e documentano  la vivacità di un’editoria che persiste nel tempo, rinnovandosi graficamente e spesso trasformandosi nei titoli e nelle forme editoriali. La mostra promossa dall’Ucsi Campania e dalla Diocesi di  Napoli, d’intesa con l’Ordine dei Giornalisti, è ospitata dalla storica Emeroteca-Biblioteca Tucci di Napoli: l’inaugurazione  mercoledì 10 febbraio alle ore 11 con il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli.
f9f287627cf146fbeb7e7c34482ed273bc5526
Tra le rarità il primo numero de “La Croce”, antenato del settimanale della curia napoletana, “Nuova Stagione”, datato 1898, la collezione unica e completa delle riviste dell’Accademia Ecclesiastica di Napoli, da cui discende l’attuale Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, il primo numero del Bollettino della Diocesi di Napoli, poi diventato “Ianuarius”, ed i Bollettini delle Diocesi di Acerra (1934) e di Aversa (1932). Le antiche pubblicazioni  spesso testimoniano  la radicata tradizione nella Campania di alcune devozioni religiose: risale al 1920 il periodico “Madonna dell’Arco”, dell’omonimo santuario nell’hinterland napoletano, ed è del 1941 la  pubblicazione “Madonna del Carpinello” del santuario di Visciano (Diocesi di Nola). Molte testate sono conosciute in tutto il mondo,  legate al nome di importanti luoghi di culto e di tradizione dall’antichissima Abbazia di Cava dei Tirreni, nel salernitano, ai santuari  dedicati alla Vergine Maria, da quello del Rosario di Pompei, a quello di Montevergine nell’avellinese, a quello dal Carmine Maggiore di Napoli, fulcro della devozione partenopea verso la Madonna Bruna.
La mostra  allestita nelle sale della Biblioteca-Emeroteca Tucci, aderente al polo sbn di Napoli, è visitabile tutto il mese  di febbraio.

Come da MiBACT, Redattrice Lidia Tarsitano

Write A Comment

Pin It