23 Gennaio 2015
640px-Bust_Sappho_Musei_Capitolini_MC1164
Segnaliamo un lungo articolo comparso su Live Science, riguardante una delle scoperte più importanti dell’anno scorso: il ritrovamento le due sezioni di due poemi precedentemente non noti di Saffo (uno sui suoi fratelli e l’altro su un amore non corrisposto).
La scoperta, annunciata da Dirk Obbink, papirologo all’Università di Oxford, è stata vista quasi come un miracolo da parte di non pochi studiosi. Non è tuttavia mancato lo scetticismo, riguardo la provenienza dei frammenti e l’autenticità degli stessi.
Per Obbink la storia del papiro sarebbe perfettamente legittima (il testo della presentazione è qui, un’analisi del testo è qui, e poi qui), e la sua storia verrà rivelata nel 2015, al panel del meeting SCS.
Link: Live Science
Busto con iscrizione, letteralmente Sapfo Eresia, (che significa  Sappho di Eresos). Copia Romana di originale greco del quinto secolo a. C. Foto di Marie-Lan Nguyenda WikipediaPubblico Dominio, caricata da Jastrow.