30 Novembre – 7 Dicembre 2015
800px-Agrigento-Tempio_della_Concordia01
È dalla fine del diciannovesimo secolo che l’orientamento dei Templi Greci costituisce oggetto di dibattito. Pur verificando una tendenza all’orientamento rispetto all’arco del “sole nascente”, significati e schemi rimangono ancora oscuri.
Un nuovo studio ha preso in esame i templi dalla città di Agrigento, relazionandone l’orientamento alla rete cittadina, e ai punti cardinali. In particolare, il tempio della Concordia e quello di Eracle sarebbero ben orientati sulla base dei punti cardinali. Per due templi in particolare, poi, l’orientamento anomalo ha determinato due proposte, una di carattere lunare e l’altra stellare.
La prima riguarda il tempio di Demetra e Persefone, sul quale sorge oggi la chiesa medievale (tredicesimo secolo) di San Biagio, in stile arabo-normanno. Demetra e Persefone erano figure centrali nei misteri eleusini. La proposta vorrebbe il tempio allineato alla luna piena più prossima al solstizio d’inverno. Il carattere acquatico del culto si sposa poi con la dedicazione della Chiesa  a San Biagio, che benediceva animali e acque.
800px-Agrigent_BW_2012-10-07_12-24-45
La seconda proposta riguarderebbe invece il tempio di Giunone (anche noto come tempio di Era Lacinia), da correlarsi con la flebile costellazione del Delfino, a sua volta da vedersi in connessione con Apollo e i pellegrinaggi a Delfi.

 

Dall’interno del Tempio della Concordia insieme al Prof. Giulio Magli (Politecnico di Milano), al Prof. Robert Hannah…
Posted by Argimusco – Archeoastronomia on Mercoledì 12 agosto 2015

Lo studio “Understanding the meaning of Greek temples’ orientations. Akragas Valley of the Temples as a case study”, di Robert Hannah, Giulio Magli, Andrea Orlando, è stato pubblicato su arXiv.
Link: arXiv; Discovery News; Archaeology.wiki
Il Tempio della Concordia ad Agrigento, foto di Evan Erickson, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da KurtK9.
 
Il Tempio di Giunone ad Agrigento, foto di Berthold Werner, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Jebulon.