Ritrovato il tesoro del Galeone San José

7 Dicembre 2015
800px-Samuel_Scott_3
Si sarebbe ritrovato il relitto del galeone spagnolo San José, costruito nel 1696 e affondato nel 1708 durante la Battaglia di Barú, al largo della costa di Cartagena, in Colombia.
La Battaglia di Barú ebbe luogo l'8 Giugno 1708, nell'ambito della Guerra di Successione Spagnola (1701-1714). Lo squadrone di quattro vascelli inglesi, guidati da Charles Wager, si scontrò con la flotta spagnola, composta da quattordici navi mercantili, una urca e tre navi da guerra. Il San José era guidato dal Comandante della flotta, il Capitano José Fernández de Santillán. Il Galeone affondò improvvisamente, dopo l'abbordaggio: solo 11 dei 600 membri dell'equipaggio sopravvissero. Gran parte del tesoro trasportato dalla flotta spagnola era concentrato sulle tre navi maggiori, tra le quali proprio il San José.
E si tratta di uno straordinario tesoro: oltre 11 milioni di dobloni d'oro, pietre preziose e gioielli. Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha parlato del più grande tesoro della storia. Non si fatica a comprendere il sorgere di una complessa disputa internazionale che vede da una parte la Spagna, dall'altra la Colombia, e dall'altra la società americana Sea Search Armada (Ssa) che individuò l'area del relitto nel 1981.
Il relitto sarebbe stato identificato grazie ai cannoni in bronzo dalla caratteristica forma a delfino, da esperti dell'Istituto Colombiano di Antropologia e Storia (Icanh), coadiuvati dalla Marina Militare. La scoperta sarebbe stata effettuata il 27 Novembre, secondo quanto nel comunicato del Presidente Santos. Secondo un comunicato successivo, il galeone non sarebbe inoltre esploso, come finora ritenuto.
Ci vorranno diversi anni per recuperare i reperti dal relitto. Del galeone si parla anche nel romanzo di Gabriel Garcia Marquez, L'amore ai tempi del colera.
https://twitter.com/JuanManSantos/status/673177850732609536
Link: Presidencia de la República - Colombia 1, 2ANSA; Live Science 1, 2EuronewsCNN; The Guardian; NPRRepubblica.it; La Stampa; Huffington PostGiornalettismo; TG COMScience Daily via Newsy
Combattimento navale a largo di Cartagena, 1708, dipinto di Samuel Scott (Source=David Cordingly et autres, Pirates, terror on the High Seas - from the Caribbean to the South China Sea), da WikipediaPublic Domain, caricata da Sir Ignel.
 


VI° Seminario Internazionale sulle Mura Poligonali di Alatri

La Porta Maggiore nel tratto sudorientale dell'Acropoli
La Porta Maggiore nel tratto sudorientale dell'Acropoli

La Fondazione Dià Cultura e il Museo Civico di Alatri organizzano, nelle giornate del 28 e 29 novembre, il VI° Seminario Internazionale sulle Mura Poligonali, promosso dal Comune di Alatri, dalla Provincia di Frosinone e dalla Regione Lazio.
Il convegno, la cui partecipazione è gratuita e aperta a tutti, è articolato in sessioni durante le quali gli studiosi si confronteranno su diversi casi di studio e sullo stato delle ricerche riguardanti queste particolari opere difensive.
Particolare delle Mura Poligonali di Alatri
Particolare delle Mura Poligonali di Alatri

Le mura poligonali - dette anche pelasgiche o ciclopiche per via della loro presunta origine da popolazioni preelleniche - sono opere difensive (ma anche sostruttive) caratterizzate dalla messa in posa, senza calce, di grandi massi lavorati a forma di poligoni irregolari, che vanno a costituire le cinte murarie di insediamenti che giungono fino all’età romana. Nonostante questa tipologia di cinte murarie sia molto diffusa nell’Italia centro-meridionale, e oggetto di indagine storica e archeologica da circa un secolo, sono molti gli interrogativi ancora aperti su cui si intende dibattere in occasione del Seminario. Il convegno, giunto alla sesta edizione, si propone dunque come momento di aggiornamento sullo stato della ricerca.
locandina alatri
Leggere di più


Nuova Zelanda: un pā dal Sud di Taranaki

13 Novembre 2015
800px-Model_Of_Maori_Pa_On_Headland
Un pā, un villaggio fortificato Maori, potrebbe essere stato ritrovato nella parte meridionale di Taranaki, in Nuova Zelanda. Il villaggio sarebbe stato saccheggiato dal Generale Trevor Chute, durante le guerre avvenute attorno al 1860. Potrebbe trattarsi di Ketemarae, caratterizzato da quattro palizzate.
Link: Radio New Zealand; Taranaki Daily News
Modello di un , da WikipediaPubblico Dominio, caricata da e di Ingolfson (Ingolfson at English Wikipedia Later versions were uploaded by Kahuroa at en.wikipedia. (Original text: en::User:Ingolfson.) - Transferred from en.wikipedia to Commons. (Original text: en::User:Ingolfson).
 


Turchia: scoperta la collocazione della terza isola nella Battaglia delle Anginuse

11 - 13 Novembre 2015
Izmir_in_Turkey.svg
La Battaglia navale delle Anginuse ebbe luogo presso l'antica città di Kane: la collocazione geografica della terza isola ove si verificò lo scontro si era però persa nei secoli.
Secondo nuovi studi che hanno coinvolto studiosi di diverse discipline, la penisola di Karadağ, presso il villaggio di Bademli sarebbe infatti stata in passato un'isola.
La Battaglia delle Anginuse, che avvenne nel 406 a. C., nell'ambito della Guerra del Peloponneso, risultò essere per Atene una vittoria di Pirro contro Sparta. Le isole Anginuse corrispondono alle odierne isole turche Alibey, e Kane risulta collocata nel distretto di Dikili della Provincia turca di İzmir. Le altre due isole ove avvenne lo scontro sono oggi note come isole Garip.

La Provincia turca di İzmir, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Turkey location map.svg (by NordNordWest)).
 


Israele: scoperta la Fortezza di Acra a Gerusalemme?

3 Novembre 2015
Excavation_in_City_of_David,_Givaty_parking_lot_Jerusalem_12.10.2011,_panoramic_pic_(4)
È stata probabilmente scoperta la fortezza di Acra (o Akra, dal greco ἀκρόπολις), costruita dal sovrano Antioco IV Epifane dell'Impero Seleucide per controllare il Monte del Tempio a Gerusalemme. Così nell'annuncio dell'Autorità delle Antichità Israeliane.
800px-Antiokhos_IV
Della fortezza ci parlano anche la Bibbia, nel Primo Libro dei Maccabei (1 Maccabei 1:35 - 38), e Flavio Giuseppe (Antichità Giudaiche 12:252-253). La fortezza era vista come una spina nella carne della città. Qui avvenne un episodio importante nella Rivolta dei Maccabei, nel 167 a. C., che condusse alla fondazione della Dinastia degli Asmonei. Il luogo corrisponde a uno di quelli precedentemente proposti, e cioè il Parcheggio Givati a Gerusalemme. Si risolverebbe così uno dei più importanti enigmi dell'archeologia israeliana.
800px-Excavation_in_City_of_David,_Givaty_parking_lot_Jerusalem_12.10_(33)
A fornire un definitivo elemento di prova in tal senso è stato il ritrovamento, negli ultimi mesi, di impressionanti fortificazioni: una sezione di muro difensivo, una torre e un glacis (o spalto, un pendio artificiale della fortificazione, il cui fine è quello di esporre gli assalitori).
Presso il sito si sono ritrovate anche munizioni per fionda, punte di frecce in bronzo e pietre di balista, probabile resto della battaglia incorsa tra Maccabei e Milizie Seleucidi. Sulle armi era impresso un tridente, simbolo di Antioco IV Epifane. Ritrovati anche vasi per vino provenienti dall'Egeo.


Leggere di più


Polonia: ritrovata spada di più di 1500 anni fa

22 Ottobre 2015

Esperto di Storia da Susz trova una spada risalente a più di 1,5 migliaia di anni

Tombstones_of_Rome_horsemen_in_Germany

Vicino Jerzwałd, un esperto di storia ha ritrovato e donato al museo una spada antica, probabilmente del quarto secolo d. C. Secondo gli archeologi, potrebbe essere una spatha del tardo periodo romano, unica nella terra degli antichi Balti.

Inghilterra: resti della nave Holigost presso il fiume Hamble

12 Ottobre 2015
Enricolancaster
Il relitto della nave Holigost (Inglese moderno Holy Ghost, Spirito Santo), sarebbe stato ritrovato nel fiume Hamble, presso Southampton, in Inghilterra.
Si tratta della seconda delle quattro "grandi navi" che accompagnarono Enrico V d'Inghilterra nel suo piano di rottura del potere navale francese, e nella seguente fase di conquista. La Holigost si unì alla flotta inglese il 17 Novembre 1415, costruita a partire dalla nave spagnola Santa Clara, nave catturata tra il 1413 e 1414. Fu la nave ammiraglia del Duca di Bedford e servì in due battaglie importanti della Guerra dei Cent'anni.
Oltre a sette cannoni e varie armi, la nave portava 200 uomini di equipaggio, in aggiunta ai soldati: ci doveva essere dello spiacevole sovraffollamento.
La scoperta sarebbe attribuibile allo storico dott. Ian Friel, il cui libro è stato appena pubblicato. Ad essa è seguito l'interessamento di Historic England che ha proceduto a proteggere il sito per ulteriori studi.
Link: Historic England; Archaeology News Network.
Enrico V Lancaster, opera di ignoto, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da MaiDireLollo~commonswiki.
 


Cina: identificato il relitto dell'incrociatore Zhiyuan

25 Settembre - 5 Ottobre 2015
Chinese_cruiser_Chih_Yuen_1894
Proseguono i lavori al largo del porto di Dandong (nella provincia cinese di Liaoning) per il relitto dell'incrociatore Zhiyuan, chiamato prima dell'identificazione Dandong No 1. Le prove maggiori dell'identificazione provengono dalle porcellane ritrovate, confrontate con quelle della nave gemella Jingyuen.

I ricercatori continueranno ora con le ricerche sottomarine, per cercare di recuperare altri reperti.

La nave apparteneva alla Flotta Beiyang e fu affondata 121 anni fa (il 17 Settembre 1894), durante la Battaglia del fiume Yalu, avvenuta nell'ambito della Prima Guerra Sino-Giapponese.
800px-Liaoning_in_China_(+all_claims_hatched).svg
Link: CCTV 1, 2; Xinhua 1, 2, 3, 4, 5, 6; Archaeology News Network.
L'incrociatore cinese Zhiyuen (o Chih Yuen) attorno al 1894, foto di Ignoto da The Century Magazine, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Straitgate.
La provincia cinese di Liaoning, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  China edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).
 


Tre cannoni della Guerra Civile Americana dal Fiume Pee Dee

29 - 30 Settembre 2015
6441298987_c8416ba0ab_o
Tre cannoni risalenti all'epoca della Guerra Civile Americana sono stati ritrovati presso il fiume Pee Dee, nella Carolina del Sud. I cannoni erano sulla C.S.S. Pee Dee, affondata per evitare che cadessero nelle mani dell'Unione. Dei tre, due erano cannoni confederati a canna rigata Brooke, mentre l'altro era un cannone Dahlgren dell'Unione, che era stato catturato.
Sarebbero stati buttati in mare prima di dar fuoco all'imbarcazione.
https://twitter.com/UofSC/status/648873562351120384
Link: CNN; The History Blog; The StateUSA TodayABC News; KCTV 5 via Associated Press e WIS; The New York TimesArchaeology News Network via Associated Press
Il fiume Pee Dee, foto di [email protected], da Flickr, CC BY-SA 2.0.
 


Germania: 200 soldati in ritirata dalla Russia a Francoforte

17 Settembre 2015
800px-Night_Bivouac_of_Great_Army
Gli scheletri di quelli che si stimano essere 200 soldati in ritirata, in seguito alla  Campagna di Russia del 1813, sono stati ritrovati a Francoforte sul Meno, in Germania. Le truppe sarebbero morte a causa del tifo o delle ferite in battaglia. Nell'Ottobre di quell'anno ci sarebbero stati quindicimila morti in seguito alle battaglie, nell'area di Francoforte.
592px-Deutschland_Lage_von_Hessen.svg
Link: The GuardianDaily MailPhys.org via AFP
Il Bivouac notturno dell’esercito napoleonico durante la ritirata di Russia del 1812. Olio su tela, Museo Storico di Mosca. Di Vasily Vereshchagin (http://www.picture.art-catalog.ru/picture.php?id_picture=11061, http://www.abcgallery.com/V/vereshchagin/vereshchagin32.html), da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Hohum.
Lo stato di Hesse in Germania, da WikipediaCC BY-SA 2.0 de, caricata da e di David Liuzzo (David LiuzzoErstellt aus Material des gemeinsamen Datenangebotes aus dem gemeinsamen Portal der statistischen Ämter des Bundes und der Länder (DeStatis). [1]).