9 Settembre 2015

Tecnologie aerospaziali e difesa dei beni culturali. Workshop ASI e MiBACT a Roma

c6eddfab2ff7b8a25319ef7fcbac1dce82da646

L’incontro realizzato con la collaborazione di ASA e ISCR si terrà nella sala dell’ex Consiglio Nazionale dei Beni Culturali il 15 settembre. Villa Adriana come caso di studio esemplare.

I Beni Culturali rappresentano per il nostro Paese una straordinaria ricchezza da tutelare e salvaguardare, anche attraverso un più coraggioso utilizzo delle tecnologie innovative.
Lo scopo del workshop è di favorire il confronto tra operatori del mondo dei Beni Culturali e delle Tecnologie Spaziali – due settori in cui l’Italia detiene una consolidata posizione di riferimento – per evidenziare le potenzialità ed i vantaggi che tale sinergia sarà in grado di apportare per una migliore conservazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio artistico e per una più forte presenza del Sistema Nazionale negli scenari europei e internazionali.
Il workshop Tecnologie Applicative e servizi AeroSpaziali a supporto del Patrimonio Culturale si terrà a Roma nella sala dell’ex Consiglio Nazionale dei Beni Culturali presso il Collegio Romano il prossimo 15 settembre. É promosso da ASI e MIBACT e realizzato con la collaborazione di ASAS e ISCR.
Il sito di Villa Adriana sarà richiamato durante il workshop come caso “pilota”. Il territorio del Comune di Tivoli e l’Area Archeologica di Villa Adriana sono infatti il tema di studio centrale del progetto VIDEOR presentato da NAIS Lazio e ISCR, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico che prevede l’integrazione dei dati satellitari con i dati in situ per la valutazione del risk assessment.
25 posti del workshop Tecnologie Applicative e servizi AeroSpaziali
a supporto del Patrimonio Culturale sono riservati ad architetti MiBACT; l’iniziativa proposta come credito formativo per l’aggiornamento professionale degli iscritti all’Ordine degli Architetti.
Le modalità di iscrizione.
Le richieste dovranno essere inviate entro e non oltre il 12 settembre 2015 all’indirizzo mail:
[email protected] e saranno accolte secondo la precedenza nell’ordine d’arrivo.
L’iniziativa sarà proposta all’Ordine degli Architetti quale credito formativo.
(Riferimento circolare 47 della Direzione Generale Educazione e Ricerca del MiBACT)

Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone