Tecnologia e archeologia. Internet e mare. Tablet, droni e robot che dialogano non in terra ma immersi in acqua. È stata definita come una vera e propria rivoluzione l’Internet of Underwater Things, l’ “Internet sottomarina” che renderà sempre più efficace la trasmissione di dati e immagini in mare attraverso lo sfruttamento delle onde acustiche, proprio quelle utilizzate dai delfini per comunicare, senza fili, senza onde radio e a profondità sempre maggiori.

Il progetto è tutto italiano perché  Wsense Srl è uno spin-off dell’Università La Sapienza di Roma che ha già prodotto eccellenti risultati nell’ambito del progetto MUSAS-Musei di Archeologia Subacquea coordinato dalla Dott.ssa Barbara Davide dell’Istituto Superiore per la Conservazione e Restauro. Il team capitolino ha avuto un campo di prova d’eccellenza, il Parco Archeologico di Baia, dove sono stati misurati i parametri di CO2 disciolti nell’acqua, importanti per monitorare e prevenire eventuali degradi del patrimonio archeologico sommerso.

L’Internet del mare permette infatti una connessione e una interconnessione tra persone senza cavi e tramite tablet subacquei, droni e robot sottomarini sia sotto che sopra la superficie del mare, rivoluzionando completamente il mondo dell’archeologia subacquea nello specifico ma in generale l’intero mondo delle immersioni. In tempo reale e senza la necessità di risalire in superficie, i divers potranno comunicare scambiandosi dati ed immagini ad alta risoluzione e nel caso di Baia, oltre all’importante tutela dei resti archeologici sarà possibile monitorare e misurare parametri essenziali dell’attività vulcanica della caldera dei Campi Flegrei.

L’obiettivo sarà quello di raccogliere dati e studiare l’impatto delle attività vulcaniche sul sito archeologico che comprende uno dei parchi sommersi più belli al mondo e meta privilegiata per molti turisti e studiosi del settore e non. Il test effettuato da archeologi e membri dell’ISCR tra il 23 e il 24 ottobre ha infine dato la possibilità ai divers di comunicare via chat in tempo reale, una sorta di WhatsApp sottomarino installato su speciali tablet che ha permesso così lo scambio di dati, immagini e informazioni varie.

Questa soluzione tecnologica è stata messa a punto e testata da WSENSE all’interno di un altro grande progetto europeo finanziato da EASME: ARCHEOSUb (Autonomous under water Robotic and sensing systems for Cultural Heritage discovery Conservation and in situ valorization) che ha come finalità lo sviluppo di prodotti e servizi per supportare la scoperta di nuovi siti archeologici subacquei e tutelare quelli già esistenti. Anche qui il campo di prova è stato d’eccellenza, il porto romano di Cesarea in Israele. Il progetto ha visto in campo l’Università di Firenze e il suo spin-off MDM, sviluppatori del robot  Zeno che equipaggiato di sensori, videocamera e geolocalizzatore e insieme ad alcuni studiosi ha scandagliato lo storico porto con l’intento di capire se il suo rapido declino sia da attribuire ad un cataclisma o ad una cattiva manutenzione delle strutture.

Researchers from University of Rome La Sapienza Department of Computer Science are deploying a sensor-node with a buoy in the sea of Marzamemi (Siracusa, Sicily). Through nodes like this (which can ‘translate’ acoustioc signals in radio signlas) LAUV’s can communicate with floating work station

I divers che si sono calati ad una profondità di circa otto metri potevano scambiarsi comunicazioni in tempo reale prima d’ora impensabile, perchè la comunicazione poteva avvenire solo gesticolando. Adesso in real time il sistema di messaggistica offrirà possibilità fino ad ora impensabili.

Ma questa rivoluzione non si fermerà solo all’archeologia. Il servizio sarà esteso anche al controllo dei fondali tramite un monitoraggio ambientale, così come alla prevenzione di incidenti in mare o alla prevenzione di tsunami. Non ultimo l’incentivo turistico nei siti sommersi con la creazione di percorsi sempre più tecnologi e rivoluzionari.

Prossima sfida? La conquista degli abissi.

Info: http://www.archeosub.eu/index.php/it/