La battaglia di Poitiers del 732: tra leggenda e realtà

Per molto tempo la Battaglia di Poitiers del 732 è stata considerata un evento cruciale nella storia europea, al di là del suo reale valore storico e della cifra militare e strategica dispiegata, ed è stata issata per lungo tempo a vero e proprio riferimento culturale europeo.

Da tempo, però, gli storici hanno riconsiderato la reale portata dell’evento, definendolo come uno scontro marginale e decisamente non risolutivo circa il periodo della conquista musulmana della penisola iberica, che effettivamente perdurò ancora a lungo nei territori continentali.

Nonostante, quindi, il ruolo pressoché secondario dell’evento, lo scontro tra l’esercito di Carlo Martello e quello guidato da Abd al-Raḥmān anticamente è stato considerato come evento cruciale, in quanto ritenuto funzionale alla formazione di un’identità europea, prestando il fianco ad interpretazioni speculative e certamente poco storiche ma, al contempo, ispirando arte e letteratura.

Resta però utile un’attenta disamina dell’episodio, in modo da capirne a fondo le premesse, storiche e militari, che costituiscono invece la pietra angolare dell’intera comprensione dell’evento e che ci offrono l’opportunità di avere comunque preziose testimonianze su una fase storica, nonostante l'importanza relativa dello scontro.

Contesto storico

Nel cuore dell’Europa dell’VIII secolo, infatti, i musulmani iniziarono a diventare una presenza importante nel continente, frutto di una campagna di conquista iniziata sul finire del secolo precedente prima dalle incursioni perpetrate dal condottiero berbero Arif ibn Malik (invitato da Giuliano di Ceuta per vendicarsi dei Visigoti1), e poi da Tariq ibn Ziyad, primo wali della conquista musulmana della penisola iberica. La presenza musulmana in terra iberica si strutturava sulla forma di una specie di governatorato alle dipendenze formali della dinastia omayyade, al cui vertice vi era appunto un wali che godeva di una sostanziale libertà amministrativa e d’azione. Il governatorato iberico veniva chiamato al-Andalus, toponimo arabo che molto probabilmente deriva dalla storpiatura del nome greco di Atlas, a suffragio della credenza che voleva nello stretto di Gibilterra la fine del mondo conosciuto.

L’Andalusia, come è noto, è una regione meridionale della Spagna e tutt’oggi rappresenta, nelle proprie architetture e nelle proprie tradizioni, uno dei più bei esempi di commistione tra cultura araba e retaggio europeo.

L’ambizione araba di voler vedere nei territori iberici una florida opportunità di conquista ben presto si scontrò con la forza catalizzatrice dei Franchi, che già da tempo rappresentavano una potenza organizzata e politicamente attenta, capace di intessere relazioni e rapporti di forza con le variegate anime dello scacchiere europeo. La storia riserverà, successivamente agli eventi della battaglia, un ruolo di prestigio a Carlo Magno, nipote di Carlo Martello, capo dello schieramento opposto ai musulmani: il futuro Re dei Franchi, Carlo Magno appunto, viene considerato una figura importante nella storia occidentale, ma è nelle trame di questa battaglia che si delineeranno forma ed equilibri del suo Impero.

Il casus belli

Come sempre la storia attende delle opportunità per compiersi, ed in questo caso il pretesto per la battaglia, che in realtà già covava nelle ambizioni di entrambi gli schieramenti2, fu dato dalla sconfitta di Oddone d’Aquitania nella battaglia della Garonna, subita per mano dei musulmani guidati da Ab al-Rahman: l’esercito dei Mori sconfisse le truppe di Oddone in prossimità di Bordeaux e si preparava ad avanzare a nord, verso la basilica di S. Martino di Tours per farne razzia. Gli storiografi moderni concordano nel riconoscere ad Oddone (che pure in passato aveva proficuamente collaborato con i musulmani) il merito di aver comunque rallentato un’improvvisa avanzata araba in terra iberica, anche se a costo di una sonora sconfitta.

A seguito delle vicende e della richiesta di aiuto di Oddone, i merovingi si trovarono a dover preparare un esercito eterogeneo e colorito, composto da alemanni, da soldati di Assia e Franconia, di Bavari, tutti dotati di lunghe lance, di contadini gallo-latini, di gente proveniente dalla Borgogna, ma anche di cavalleria leggera visigota, di un folto gruppo di volontari della Sassonia armati di enormi spadoni a due mani, di un nutrito gruppo di gepidi, vestiti di pelle dorso ed armati in maniera non uniforme e di popoli della Foresta nera che combattevano col corpo totalmente dipinto di nero e privi di protezione: tutti popoli che nel passato recente o più lontano avevano combattuto su fronti opposti.

Gli schieramenti

battaglia di Poitiers
La battaglia di Poitiers nelle Grandes Chroniques de France (1356), BNF, FR2813. Gallica Digital Library, immagine in pubblico dominio

La data convenzionalmente indicata per l’inizio della battaglia è il 25 ottobre del 7323.

L’esercito di Carlo si presentava con uno schieramento compatto e quadrato. La scelta non fu casuale e fu stabilita sulla base della morfologia del campo: Carlo, in prossimità di Poitiers, a metà strada tra Tours e Bordeaux, decise di usufruire di una piana creata dall’intersezione di due fiumi, il Clain ed il Vienne, in modo da poter sfruttare una prima linea di fanteria armata di francisca, utile per il corpo a corpo con la fanteria nemica, seguita da linee composte da fanti dotati di giavellotti e picche per l’eventuale avanzata della cavalleria leggera, che per la prima volta montava sui propri animali staffe per permettere un maggiore dinamismo durante la cavalcata4. Carlo, inoltre, scelse l’incrocio dei due fiumi in modo che il suo schieramento quadrato non fosse esposto sui fianchi a ipotetiche incursioni della cavalleria; in più intervallò le file di fanteria con file di cavalleria e rafforzò i lati con altrettanti cavalieri, così da prevenire aggiramenti durante lo scontro.

Infine, Oddone si nascose in una foresta alla sinistra dello schieramento, pronto a venire in soccorso in caso di un eventuale sfondamento della cavalleria pesante musulmana e per razziare il campo nemico durante le fasi di scontro, in modo da compromettere eventuali ritirate e obbligare così il nemico a combattere su due fronti. Le fonti dell’epoca stimano in circa 15-20.000 unità i combattenti dello schieramento cristiano.

D’altro canto, forti di circa 25-30.000 unità, i musulmani si presentavano con la classica forma a mezzaluna, lasciando i reparti di cavalleria leggermente più avanti sui lati rispetto alle linee di fanteria. Infatti, l’ala sinistra, composta principalmente da cavalleria leggera (kurdos), era a ridosso del fiume Clain, l’ala destra vedeva la presenza di altra cavalleria e si dislocava lungo un basso colle, infine il centro era composto principalmente da fanti ed arcieri, ed occupava la carreggiata dell’antica via Romana. Vi è una piccola curiosità: a dispetto dell’ostilità dei luoghi, i musulmani avevano portato con loro anche dei dromedari, dispiegati nel corso della battaglia nonostante il loro utilizzo fosse prettamente per fini logistici, e questo perché vi era la credenza che l’olezzo pungente di questi inusuali animali potesse far imbestialire i cavalli e quindi rompere le file dell’esercito nemico.

La battaglia

La battaglia di Poitiers nelle Grandes Chroniques de France (circa 1415), f.166 British Library Cotton MS Nero E II. Immagine in pubblico dominio

Le schermaglie andarono avanti per quasi una settimana, ma il giorno del 25 ottobre si consumarono le fasi di scontro vero e proprio: gli storici ritengono che la battaglia si sia protratta dal mattino fino a sera, ed ebbe inizio per mano dell’esercito musulmano, che ebbe a schiantarsi con le fila di fanteria merovinge con incessante utilizzo di picche e giavellotti. A fondamento dell’azione musulmana vi era una precisa strategia, chiamata al-qarr wa al-farr, consistente in una rapida avanzata seguita da un’improvvisa ritirata che facesse intendere al nemico la possibilità di guadagnar terreno a scapito dei soldati in fuga, salvo poi sferrare l’attacco finale ai danni di un esercito a quel punto spaesato e ormai disunito: la loro strategia, quindi, si basava su una dissimulazione.

Carlo però era preparato a questa evenienza, e diede ordini precisi di rispondere agli attacchi dei Mori solo col corpo a corpo, evitando inseguimenti e non cedendo alla trappola di una fuga fittizia. Anche qui vi è una curiosità particolare: gli equipaggiamenti dell’esercito di Carlo erano pesanti e solidi, utili appunto per una battaglia di posizione e certamente non dediti ad una condotta dinamica delle fasi di scontro; al contrario, invece, i Mori viaggiavano leggeri ma, costretti ad un estenuante corpo a corpo, si trovarono maggiormente esposti ai colpi d’arma dei cristiani, che invece reggevano efficacemente. Per i Mori, quella di combattere senza significative protezioni era comunque una scelta ben precisa: combattere con l’armatura era visto come un segno di debolezza e di viltà, tant’è che proprio sulla scia della contrapposizione con la civiltà occidentale nacque la celebre imprecazione beduina “Possa tu essere maledetto come il franco che indossa una corazza poiché teme la morte”.

Questo impegno massiccio favorì la distrazione di parte della cavalleria musulmana lanciata in inseguimento della cavalleria aquitana, lasciando così scoperte le file centrali composte da arcieri e fanti, che furono letteralmente massacrate dalle picche e dai giavellotti dell’esercito merovingio.

A Carlo non restò che dare il segnale ad Oddone, il quale, mimetizzato nel bosco alla sua sinistra, mise in fuga tutto il fianco destro dello schieramento dei Mori.

battaglia di Poitiers
Charles de Steuben, Bataille de Poitiers, en octobre 732; olio su tela (1837). Mostra in modo romantico il momento cruciale dello scontro, la morte di Abd al-Raḥmān. Pubblico dominio

L’esercito musulmano fu letteralmente spazzato via. Lo stesso Abd al-Raḥmān morì per un colpo d’ascia, ma è a questo punto che la storia incontra la leggenda: fonti dell’epoca ritengono che il colpo mortale fu inferto al comandante moro da Carlo Martello in persona.
Infine, vi è discordanza tra la storiografia araba e quella occidentale sugli avvenimenti immediatamente successivi alle fasi finali della battaglia, difatti secondo la versione degli storici europei l’accampamento arabo, lasciato sguarnito dai pochi sopravvissuti in fuga, fu razziato con conseguente rinvenimento di tutta la refurtiva frutto delle campagne d’Aquitania; per gli storiografi del mondo arabo, invece, i Mori, pur riuscendo a sfondare le fila cristiane, scelsero di ripiegare quando videro minacciati i proventi delle proprie scorrerie e, quindi, tornarono all’accampamento per salvare quanto possibile, salvo poi disperdersi in maniera confusa.

***

Tomba di Carlo Martello a St. Denis. Foto di J. Patrick Fischer, CC BY 2.5

Nonostante la limitatezza degli eventi, fu evidente la portata del successo di Carlo Martello e della misura della sconfitta araba, tanto che nella tradizione araba tale evento è tutt’ora ricordato come balāt al-shuhadā, ovvero il “lastricato di morti”.

Probabilmente una vittoria netta e riportata sotto l’attenta guida militare di un solo comandante ha fagocitato l’alone di leggenda che per secoli ha caratterizzato lo scontro, nonostante la dimensione marginale che gli eventi hanno avuto nella conquista araba della penisola iberica che, anche in seguito alla battaglia, non si arrestò per nulla ma, anzi, vide più feroci e più alti momenti di scontro.

Comprendere questa battaglia resta comunque un’utile esercizio per indagare sui motivi di tanta fama, nonché un’opportunità per avere uno spaccato di tecnica militare frutto dell’esperienza e delle capacità di uno dei padri dei casati più importanti della storia europea la cui testimonianza, forse, senza la suddetta interpretazione degli eventi, non sarebbe arrivata in maniera così dettagliata.

Bibliografia:

W. Blanc, C. Naudin, Que s' est-il vraiment passé à Poitiers en 732?, in «L'Histoire» 429, 2016, pp. 22-23.

E. Percivaldi, Grandi Battaglie/Poitiers, 732, in Storie di guerre e guerrieri, 7, 2016, pp- 66-71.

A. C. L. F. Silva, A Batalha de Poitiers (732) por um cronista árabe anônimo, in «Revista Brasileira de História Militar», 1, 2010

J. Wilson, Poitiers 732 CE: Interpretation and Remembrance, oral presentation in MARCUS Conference, Sweet Briar College, October 12, 2013.

Note:

1Giuliano fu Governatore della città di Ceuta; la leggenda vuole che Roderigo, Re dei Visigoti in Spagna, rapì e violentò la figlia di Giuliano.

2Già dopo le incursioni in Aquitania del 717-18, gli arabi iniziarono a definire il territorio della Gallia e più in generale tutta l’Europa come la “Grande Terra”.

3 Gli storici non sono concordi sulla data: altri indicano il 7 ottobre, altri il 10 o l’11. Il 25 è la data convenzionale che tiene conto anche delle schermaglie iniziali e dell’effettiva fase conclusiva del conflitto.

4Tale pratica era già in uso presso Bizantini, Visigoti e Longobardi, ma fino ad allora sconosciuta al disorganizzato esercito merovingio.


I primi agricoltori europei dall'Egeo

6 Giugno 2016

Scheletro dal nord della Grecia alla base dello studio. Foto ©: K. Kotsakis and P. Halstead, Paliambela Excavation Project Archive
Scheletro dal nord della Grecia alla base dello studio. Foto ©: K. Kotsakis and P. Halstead, Paliambela Excavation Project Archive

L'agricoltura e la sedentarietà apparvero per la prima volta nell'Asia sud occidentale all'inizio dell'Olocene, per poi diffondersi in Europa attraverso vie multiple di dispersione. L'Europa degli ultimi 45 mila anni è stata insomma abitata per la maggior parte del tempo da cacciatori raccoglitori. Questo avvenne fino all'inizio della diffusione dell'agricoltura, a partire da 8.500 anni fa circa: l'attività giunse poi nell'Europa Centrale attorno ai 7.500 anni fa e nelle isole britanniche attorno a 6.100 anni fa.

Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, dimostra ora che i primi agricoltori lungo l'Europa possiedono tracce della loro provenienza genetica dall'Egeo. Gli studiosi hanno difatti analizzato DNA dei primi agricoltori da Grecia e Turchia: i coloni neolitici avrebbero raggiunto l'Europa Centrale attraverso i Balcani, e la penisola iberica attraverso il Mar Mediterraneo. Durante l'espansione incontrarono i cacciatori raccoglitori che vivevano in Europa sin dall'Era Glaciale, ma i due gruppi si mescolarono molto limitatamente.

Lo studio ha insomma effettuato l'analisi del genoma per chiarire l'origine dei primi agricoltori europei, che per l'Europa Centrale e Sud Occidentale può essere fatta risalire direttamente alla Grecia e all'Anatolia nord occidentale. Non è ancora chiaro invece se i primi agricoltori provenissero in ultima analisi dalla Mezzaluna fertile.

Il laboratorio. Foto ©: AG Palaeogenetik, JGU
Il laboratorio. Foto ©: AG Palaeogenetik, JGU

Leggere di più


Dieta variabile e mobilità delle donne nella Cultura della ceramica cordata

25 Maggio 2016

I siti menzionati nello studio. Credit: cartina di K-G Sjögren, utilizzando dati in pubblico dominio.
I siti menzionati nello studio. Credit: cartina di K-G Sjögren, utilizzando dati in pubblico dominio.

Un nuovo studio, pubblicato su PLOS One, ha preso in esame la dieta di donne provenienti dalla Germania meridionale e appartenenti alla Cultura della ceramica cordata. Ne è risultato che queste erano assai mobili e che probabilmente si sposavano anche al di là del proprio gruppo sociale.
Questa cultura è stata finora caratterizzata sulla base delle sepolture, tumuli nei quali i morti erano collocati insieme alla caratteristica ceramica cordata. Questa cultura si ebbe in gran parte dell'Europa, dal 2800 al 2200 a. C. (anni calibrati). Il nuovo studio ha preso in esame i resti (ossa e denti) da sette siti della Germania meridionale, utilizzandoli per la datazione al radiocarbonio e l'analisi degli isotopi per la dieta. Ne è risultato che gli appartenenti a questa cultura potevano alimentarsi in maniere diverse, sia all'interno dello stesso sito che con riguardo agli appartenenti di diversi siti. Si consumavano sia alimenti di origine animale che vegetale, e almeno in alcuni siti si praticavano agricoltura e attività casearie.
Una percentuale molto elevata - attorno al 42% - di individui in uno dei cimiteri principali non era locale, con le donne che provenivano dall'esterno del gruppo sociale: il che ne indica pure la mobilità. Questi dati potrebbero supportare l'idea di un'esogamia femminile, con le donne che si sposavano al di fuori del loro gruppo e si spostavano negli insediamenti del marito.
Leggere di più


Materiali e metodi dei ritratti di mummie nell'Egitto romano

14 Febbraio 2016

Ritratti di mummie egizie di epoca romana dal sito di Tebtunis, Egitto. I ricercatori della Northwestern University hanno scoperto che tutti e tre condividono uno stile simile, materiali e struttura della stratificazione dell pitture, portandoli alla conclusione che i tre dipinti siano opera di una singola mano. Da sinistra: 'Ritratto di ragazzo,'; & 'Ritratto di giovane uomo,' e ;'Ritratto di uomo barbuto.' Credit: Phoebe A. Hearst Museum of Anthropology, University of California, Berkeley
Ritratti di mummie egizie di epoca romana dal sito di Tebtunis, in Egitto. I ricercatori della Northwestern University hanno scoperto che tutti e tre condividono uno stile simile, materiali e struttura della stratificazione delle pitture. Sono così giunti alla conclusione che i tre dipinti siano opera di una singola mano. Da sinistra: 'Ritratto di ragazzo', 'Ritratto di giovane uomo' e 'Ritratto di uomo barbuto.' Credit: Phoebe A. Hearst Museum of Anthropology, University of California, Berkeley

I ritratti delle mummie di oltre duemila anni fa, dipinti dagli dagli artisti dell'Egitto nel periodo romano, sono oggi considerati tra i precursori della ritrattistica occidentale.
I ricercatori dell'Università Northwestern utilizzano vari strumenti scientifici e tecniche non distruttive e non invasive per lo studio di materiali e metodi impiegati in questi dipinti. Vengono così raccolti indizi su forme e colori che si celano al di sotto della superficie, oltre a varie altre informazioni.

I ricercatori hanno identificato i pigmenti utilizzati e le fonti dei materiali impiegati; l'ordine, la collocazione e lo stile delle pennellate. Si è giunti alla conclusione che tre dei dipinti provengono dallo stesso laboratorio e forse addirittura dalla stessa mano.
Queste conoscenze potranno pure risultare utili nel comprendere l'evoluzione delle tecniche pittoriche nell'Impero Bizantino e oltre, e forniscono un ricco contesto archeologico per i ritratti da Tebtunis. Si è scoperto che i pigmenti di ferro e terra provengono da Ceo, in Grecia, mentre il minio (rosso ricavato da un ossido del piombo) proveniva dalla Spagna. Il substrato in legno veniva invece dall'Europa Centrale. Il blu egizio era invece utilizzato in maniera inusuale.
I ritratti costituiscono assai vivide rappresentazioni dei defunti, e provengono da Tebtunis (oggi Umm el-Breigat), nel Governatorato di Al Fayyum. Venivano incorporati nelle bende e direttamente sul volto.
Leggere di più


Cosa ci raccontano i pozzi dei nostri antenati?

8 Febbraio 2016

Cosa i pozzi ci raccontano dei nostri antenati

Uno dei pozzi studiati a Kwiatków. Foto di E. Schellner
Uno dei pozzi studiati a Kwiatków. Foto di E. Schellner
Un vero e proprio raggruppamento di pozzi risalenti approssimativamente a 1800 anni fa è stato scoperto dagli archeologi a Kwiatków, vicino Koło, nella Grande Polonia. In un insediamento preistorico hanno contato esattamente 101 pozzi. Un simile addensamento è unico nell'Europa Centrale.
"È un vero mistero" - ha riferito a PAP Magdalena Piotrowska dell'Istituto di Preistoria dell'Università Adam Mickiewicz University a Poznań, che ha ricevuto un finanziamento dal Centro Nazionale della Scienza per la risoluzione dell'enigma. "L'insediamento era collocato molto opportunamente vicino a sorgenti d'acqua, incluso il fiume Warta che scorre nelle vicinanze" - ha aggiunto. Ha riferito che in anni recenti il numero di pozzi scoperti presso siti archeologici è molto aumentato, il che è da associarsi a una ricerca su larga scala e a operazioni di recupero. Ad ogni modo, uno studio che ordini e aggiorni la conoscenza sui pozzi non è stato ancora pubblicato. Come parte del finanziamento dal Centro Nazionale della Scienza, la ricercatrice guarderà al problema in maniera esaustiva, ma concentrandosi principalmente sull'esempio di Kwiatków.
Kwiatków è situato nella valle del Warta, nella Valle Kolska, attraverso la quale, secondo alcuni ricercatori, poteva condurre una delle varianti della "via dell'ambra". Si trattava di una presunta via mercantile che collegava l'Impero Romano al Barbaricum - termine col quale i Romani chiamavano le terre al di là dei loro confini. Gli Archeologi sono stati in grado di identificare gli abitanti del villaggio; in termini tassonomici (sula base di manufatti specifici e costumi relativi alla sepoltura) la comunità si definisce come relativa alla cultura Przeworsk. Secondo alcuni ricercatori, i suoi rappresentanti dovrebbero essere identificati coi Germani.
Scavi a Kwiatków. Foto di E. Schellner
Scavi a Kwiatków. Foto di E. Schellner

"Un numero di oggetti dedicati senza precedenti, e si tratta di una categoria di ritrovamenti unica - in aggiunta a numerosi frammenti di ceramiche - che comprendono monete, gettoni, frammenti di oggetti esclusivi in terra sigillata e numerose decorazioni nella forma di fermagli, mostrano che quello localizzato a  Kwiatków era un vasto e ricco insediamento che operò per diversi secoli" - ha affermato la dott.ssa Piotrowska.
Gli Archeologi credono che i pozzi siano fonti di conoscenza molto preziose per quanto riguarda le antiche popolazioni. I rivestimenti preservati dei pozzi permetteranno di ottenere datazioni degli alberi abbattuti, che a loro volta permetteranno di determinare il periodo di operatività dell'intero insediamento. Queste analisi sono ancora di là da venire per i ricercatori. "A causa dell'assenza di siti simili in Polonia avremo bisogno di confrontarlo con le fonti dal Barbaricum Centrale" - ha aggiunto la dott.ssa Piotrowska. La ricercatrice non limiterà il suo progetto all'analisi dei pozzi e del loro interno - per comprendere pienamente le loro funzioni proverà a ricostruire il funzionamento dell'insediamento e il suo carattere.
Non è chiaro per quanto ciascuno dei pozzi sia stato in uso. Ma gli scienziati hanno notato che i pozzi sono stati creati utilizzando vari metodi; questo potrebbe indicare diverse tempistiche di costruzione, o diverse funzioni. Ci sono molte domande simili. In molti pozzi gli archeologi hanno ritrovato macine e resti animali.
"Crediamo che queste pratiche possano essere associate con la +chiusura+ simbolica di queste strutture una volta cessato il funzionamento. Ulteriori analisi dei reperti ritrovati nei pozzi potrà rivelare di più sulle credenze degli abitanti del villaggio" - ha aggiunto la ricercatrice.
È sua opinione che sia possibile che alcuni degli oggetti identificati come pozzi a Kwiatków, in realtà non siano affatto pozzi. "Sembra che l'analisi geochimica contribuirà a rispondere alla domanda: se, nel caso degli oggetti dal sito presso Kwiatków, l'acqua dai pozzi fosse sicura da bere, o utilizzata solo per scopi +industriali+" - ha aggiunto. Questo è un altro indizio da investigare per gli scienziati. I risultati preliminari indicano che i pozzi erano necessari per le attività estensive di produzione. All'interno dell'insediamento, gli archeologi hanno ritrovato numerosi reperti associati alla tessitura - fino a 160 fusi, molti pesi e strumenti in legno che assomigliano a remi - l'ultima categoria di oggetti non è comune nell'archeologia polacca.
"Lo scopo economico dei pozzi potrebbe, ma non deve necessariamente essere associato alla tessitura" - ha affermato prudentemente la dott.ssa Piotrowska. Ha anche attirato l'attenzione sul fatto che l'acqua potrebbe aver avuto proprietà speciali a causa della presenza di una foresta fossile al di sotto dell'insediamento. Questo è un altro argomento delle analisi peritali in corso.
È già noto che alcuni dei pozzi scoperti erano collocati nei pressi di piccoli edifici costruiti con pali e lievemente incassati, che si crede fossero laboratori, il che potrebbe indicare la loro associazione con una produzione specializzata.
La dott.ssa Piotrowska ha enfatizzato l'eccellente stato di conservazione dei rivestimenti dei pozzi che permetteranno lo studio delle abilità nella carpenteria da parte degli abitanti dell'insediamento, analizzeranno le modalità della progettazione e delle preferenze nella selezione delle materie prime. "Finora, nessun sito presenta così tante soluzioni di progettazione diverse come Kwiatków" - ha notato.
Gli Scienziati programmano di ricostruire l'ambiente dell'insediamento in dettaglio - effettueranno pure analisi palinologiche (dei pollini), analisi della carbonella (per determinare la specie degli alberi). Guarderanno pure ai resti di semi ritrovati nei pozzi. L'età dei pozzi sarà determinata dalla datazione dell'isotopo del carbonio C14 e da analisi dendrocronologiche. Gli Archeozoologi, a loro volta, determineranno le specie animali sulla base delle ossa.
L'antico insediamento a Kwiatków è stato scoperto nel 1996. Gli scavi cominciarono nel 2012 e sono proseguiti per alcuni anni, perché il luogo era minacciato dall'espansione programmata della vicina miniera di carbone a cielo aperto.
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.

I Neanderthal di Saccopastore, i primi ad arrivare in Italia

3 - 4 Novembre 2015
National_Museum_of_Natural_History_(8587341141)
Nuova datazione per i resti di due Neanderthal ritrovati a Saccopastore, nella valle del fiume Aniene, e attualmente nella parte nord-orientale di Roma. Sulla base di una nuova analisi dei depositi sedimentari nei quali si trovavano i resti, questi ultimi risalirebbero a 250 mila anni fa: oltre 100 mila in più di quanto ritenuto finora.
È conseguentemente a quell'epoca che bisogna riferire l'arrivo dei primi Neanderthal in Italia, un arrivo che risulta ora contemporaneo a quello nell'Europa Centrale e Settentrionale. D'altra parte, per Fabrizio Marra gli utensili ritrovati presenterebbero caratteristiche ben più antiche di una datazione a 125 mila anni fa. I Neanderthal furono ritrovati nella cava di ghiaia di Saccopastore tra il 1929 e il 1935. Fino a pochi mesi fa, il Neanderthal più antico in Italia era quello dell'Uomo di Altamura, dalla caverna di origine carsica di Lamalunga, nell’Alta Murgia pugliese.
Leggere di più


Polonia: strutture monumentali in pietra nei Carpazi

14 Settembre 2015

Gli Archeologi dissotterrano strutture monumentali in pietra nei Carpazi

Vista della parte settentrionale degli scavi archeologici, alla metà di Agosto. Il muro conservatosi dalla Prima Età del Bronzo è visibile sullo spaccato del fossato, nel fondo del fossato una linea di rocce che forma lo strato più basso del muro. Foto di M.S. Przybyła.
Vista della parte settentrionale degli scavi archeologici, nella metà di Agosto. Il muro di contenimento dalla prima Età del Bronzo è visibile sullo spaccato del fossato, nel fondo del fossato una linea di rocce che forma lo strato più basso del muro. Foto di M.S. Przybyła.
Il più antico esempio di muro in pietra della storia delle costruzioni nelle terre polacche, più vecchio di oltre due millenni e mezzo dell'architettura romanica, è stato scoperto dagli archeologi di Cracovia sulla Collina di Zyndram a Maszkowice (Voivodato della Piccola Polonia o Małopolska).
Una scoperta di tale importanza era inaspettata perché gli archeologi hanno studiato il sito a Maszkowice a partire dagli inizi del ventesimo secolo. Come conseguenza di quegli scavi scoprirono principalmente i resti dell'insediamento abitato dall'anno 1000 al 50 a. C. Gli Archeologi dell'Università Jagellonica, guidati dal dott. Marcin S. Przybyła, apparvero a Maszkowice nel 2010. Una sorpresa li attendeva al di sotto dei resti dell'insediamento della Tarda Età del Bronzo e dell'Età del Ferro - risultarono esserci resti di un insediamento più antico di oltre mezzo millennio.
Disegnando la documentazione dei grandi blocchi che formano la facciata esterna del muro. Foto di M.S. Przybyła.
Archeologa disegna la documentazione dei grandi blocchi che formano la facciata esterna del muro. Foto di M.S. Przybyła.

Leggere di più

Recuperato il genoma di uno dei primissimi agricoltori europei

2 Settembre 2015
800px-Vas_amb_decoració_cardial_impresa,_Museu_de_Prehistòria_de_València
Il genoma di uno dei primissimi agricoltori europei è stato recuperato in Spagna: si tratta di una scoperta di grande importanza perché ci permette di comprendere meglio un importante momento di transizione della storia europea.
La diffusione dell'agricoltura a partire dai Balcani seguì due strade distinte. Da una parte vi fu un'espansione iniziale, testimoniata dalla Cultura della ceramica cardiale, che seguì la costa settentrionale del Mediterraneo. Dall'altra si seguì il corso del Danubio nell'Europa Centrale, con la Cultura della ceramica lineare. A causa delle condizioni climatiche che ostacolano la conservazione, il genoma di un individuo appartenente alla prima tradizione non era mai stato recuperato. La cultura della ceramica cardiale (o impressa) prende questo nome dalla pratica di imprimere le conchiglie del mollusco edibile Cerastoderma edule (in precedenza Cardium edulis) sulla stessa.
800px-Barcelona_in_Spain.svg
Il genoma è stato ottenuto da un dente del 7400 a. C., appartenuto a una donna vissuta nel Neolitico a Cova Bonica, presso il comune di Vallirana nella provincia spagnola di Barcellona. Si è potuto concludere che gli agricoltori dell'Europa Centrale e quelli del Mediterraneo sarebbero molto omogenei: avrebbero un'origine comune da una popolazione collocata all'incirca nella Penisola Balcanica. La donna di Cova Bonica avrebbe avuto pelle chiara e occhi e capelli scuri. Anche se i moderni Spagnoli derivano in gran parte da quelle popolazioni, coloro che hanno massimamente preservato questa componente genetica sarebbero gli abitanti dei Paesi Baschi e della Sardegna. Vi sarebbe anche una firma genetica che non fu acquisita dal mescolarsi coi locali cacciatori raccoglitori iberici.
Leggere di più


Germania, Neolitico: il terribile massacro di Schöneck-Kilianstädten

17 - 18 Agosto 2015
592px-Deutschland_Lage_von_Hessen.svg
Nell'Europa Centrale del Neolitico i conflitti erano molto più violenti e brutali di quanto si potesse ritenere. Queste le conclusioni alle quali è giunto un nuovo studio, in considerazione di quanto presente in alcuni siti della Cultura della ceramica lineare (abbreviata in LBK, da Linearbandkeramik).
Si tratta dei siti degli antichi massacri di Asparn/Schletz, in Austria, Talheim in Germania, a cui si è fatto riferimento in passato per ipotesi riguardanti una crisi finale della suddetta Cultura; in particolare, lo studio prende però in esame il sito di Schöneck-Kilianstädten, 20 km a nord est di Francoforte. Qui vi sarebbero prove conclusive e incontestabili in merito.
Leggere di più


Dalla discarica al museo

17 Luglio 2015

Dalla discarica al museo

Foto: Museo del Distretto a Sandomierz
Foto: Museo Distrettuale a Sandomierz
Un manufatto unico è stato donato alle collezioni archeologiche del Museo Distrettuale a Sandomierz, da colui che ha effettuato il ritrovamento accidentale. Un bracciale in bronzo ha più di tremila anni.
La storia moderna dell'ornamento millenario cominciò trent'anni fa, quando Stanisław Kwiatkowski da Opatów lo scoprì nel deposito di rottami di Jasice presso Ożarów, nella provincia di Świętokrzyskie. Negli ultimi anni, negli anni '80, l'oggetto era in mostra nel percorso turistico metropolitano di  Opatów. Dopo la liquidazione della mostra ritornò a colui che effettuò il ritrovamento, che dopo pochi giorni donò il manufatto al Museo Distrettuale di Sandomierz.
"Subito dopo la fase di conservazione i visitatori saranno in grado di ammirarlo in una mostra archeologica permanente al Castello di Sandomierz" - ha spiegato Monika Bajka, archeologa del museo. "Faremo domanda tramite l'Ufficio Provinciale per la Protezione dei Monumenti a Kielce al Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale per un premio previsto in questi casi per chi ha effettuato il ritrovamento, che ha salvato l'oggetto dalla distruzione e lo ha consegnato per l'analisi scientifica al museo" - ha aggiunto.
Secondo i curatori, lo stile e la forma dell'oggetto e la sua decorazione possono essere attribuiti alla comunità della cultura di Trzciniec e datati agli anni attorno al 1300-1100 a. C. Nell'altopiano di Sandomierz tali ritrovamenti sono estremamente rari, presumibilmente vennero da produttori in Slesia e Wielkopolska, ma gli scienziati non escludono la produzione locale di tali oggetti. Gli archeologi si rammaricano che l'ornamento da Jasice sia privo di contesto - non sappiamo da dove venga esattamente e come finì nella discarica. Presumono, tuttavia, che sia stato scoperto nell'area.
Non solo l'origine del manufatto è enigmatica. "Abbiamo poche informazioni su come questi ornamenti fossero portati, perché di solito sono noti come tesori o ritrovamenti autonomi. Solo una scoperta in una tomba può chiarire questo punto" - ha aggiunto Bajka. Gli archeologi speculano sul fatto che queste decorazioni fossero portate sia da uomini che da donne. Potevano essere portati sulla spalla o - come indicato nelle scoperte nelle tombe in Germania, dove simili ornamenti sono stati ritrovati sulle ossa della parte inferiore della gamba - sulla gamba.

Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.