22 – 23 Febbraio 2016
Lattes_-_Musée_Henri-Prades_-_Vue_du_site_archéologique_de_Lattara
Una taverna di 2.100 anni fa circa è stata dissotterrata presso l’antica città romana di Lattara, nella parte meridionale della Francia. Questa era una città di agricoltori, prima che i Romani conquistassero la Gallia mediterranea (nel secondo secolo a. C.). Da quel momento, probabilmente, si svilupparono poi qui nuove occupazioni.
L’edificio è stato interpretato come una taverna sulla base degli elementi ritrovati: innanzitutto tre mulini e tre forni. Nessuna abitazione possedeva allora attrezzature su questa scala. Attraversato il cortile, in un’altra stanza ci sono panche allineate ai muri e un focolare. Ritrovati resti di pesci, pecore e bestiame, che indicano una dieta variegata. Tra i frammenti ceramici ve ne sono di importati dall’Italia, assieme al vino. In antichità, i Celti erano famosi per il loro amore per la bevanda.
Anche se le taverne erano luoghi di una certa importanza nel mondo romano, da un punto di vista archeologico la nostra comprensione di questi edifici non è sufficiente. Si tratta della prima taverna di questo tipo nella regione, e pure di un indicatore dei cambiamenti socioeconomici avvenuti nell’area in quel periodo.
Menzionata già da autori antichi, la città portuale corrisponde all’odierna Lattes, nel regione francese della Linguadoca-Rossiglione.

Lo studio “Communal eating and drinking in early Roman Mediterranean France: a possible tavern at Lattara, c. 125–75 BC”, di Benjamin P. Luley & Gaël Piquès, è stato pubblicato su Antiquity.
Link: AntiquityUSA TodaySputnik; Suddeutsche Zeitung; Live Science 1, 2International Business Times.
Lattara. Vista sul sito dalle finestre del Museo Henri-Prades, foto di Arnaud Fafournoux, da WikipediaCC BY-SA 3.0.