14 Ottobre 2015
journal.pone.0140091.g003
Il dente proveniente dal sito “La Pineta” presso Isernia, in Molise, in base alla datazione di 580 mila anni fa (Pleistocene Medio) sarebbe la più antica testimonianza della presenza umana in Italia.
Si tratta di un fossile di un dente deciduo: un dente da latte, insomma, un incisivo superiore di un bambino tra i 5 e i 7 anni. Il fossile è stato ritrovato l’anno scorso e molto probabilmente è relativo a un rappresentante della specie Homo heidelbergensis, che era a quel tempo presente in Europa. Più precisamente, la datazione dello strato al quale il dente si riferisce è di circa 583-561 migliaia di anni fa. Considerando la scarsità di fossili per il Pleistocene Medio in Europa, si tratta anche per questo di una scoperta importante.
journal.pone.0140091.g006
Il sito a cielo aperto di Isernia La Pineta è uno dei più importanti in Europa per il Pleistocene Medio, caratterizzato dalla presenza abbondante di strumenti litici e resti della fauna, distribuiti su quattro archeosuperfici. L’ambiente preistorico era umido e caratterizzato dalla vicinanza di piccole cascate e laghi.

Lo studio “A Human Deciduous Tooth and New 40Ar/39Ar Dating Results from the Middle Pleistocene Archaeological Site of Isernia La Pineta, Southern Italy”, di Carlo Peretto, Julie Arnaud, Jacopo Moggi-Cecchi, Giorgio Manzi, Sébastien Nomade, Alison Pereira, Christophe Falguères, Jean-Jacques Bahain, Dominique Grimaud-Hervé, Claudio Berto, Benedetto Sala, Giuseppe Lembo, Brunella Muttillo, Rosalia Gallotti, Ursula Thun Hohenstein, Carmela Vaccaro, Mauro Coltorti, Marta Arzarello, è stato pubblicato su PLOS One.
Link: PLOS One; ANSA 1, 2; Isernia News; RAI News; Il Messaggero; Corriere Bologna.
Fig. 3. Incisivo deciduo da Isernia La Pineta (IS42). Da PLOS One, © 2015 Peretto et al., CC BY 4.0.
Fig. 6 Siti Europei con resti umani datati tra 800-350 migliaia di anni fa circa confrontati con l’assenza o la presenza di contesto Acheuleano (1. Gran Dolina TD6 [6365]; 2. Mauer [18,6668]; 3. Boxgrove [13,6971]; 4. Isernia La Pineta; 5. Caune de l’Arago [10,72]; 6. Sima de los Huesos [7376]; 7. Ceprano [60,61]; 8. Fontana Ranuccio[77,78]; 9. Terra Amata [36,79,80]; 10. Visogliano [8183]; 11. Venosa–Notarchirico [9,84]; 12. Pofi [85,86]; 13. Bilzingsleben [87,88]; 14. Vértesszõlõs [89,90].). Da PLOS One, © 2015 Peretto et al., CC BY 4.0.