10 Aprile 2016

Nuove scoperte sull’Isola di Elefantina – Assuan ————————————————————————————————————

12961661_481475768724239_2858553762995207249_n
La missione svizzera al lavoro presso l’Isola di Elefantina, sotto la guida del dott. C. von Pilgrim, è riuscita a ritrovare due statue, una per il principe “Heqaib” dell’Antico Regno, e l’altra da una persona anonima, oltre a una stele votiva che data al Nuovo Regno (18esima Dinastia). Così ha dichiarato il dott. Mahmoud Afify, Direttore del Settore delle Antichità Egiziane presso il Ministero delle Antichità.
12993413_481475758724240_1878850781780578615_n

Afify ha chiarito che la scoperta della statua del principe “Heqaib”, governatore dell’Isola di Elefantina durante l’Antico Regno – dopo 80 anni dalla scoperta della sua cappella – enfatizza la grande santità di questa persona, che è nota come difensore delle spedizioni meridionali.
12976891_481475732057576_1577365733429918286_o
Afify ha evidenziato che queste due statue sono state scoperte vicino il tempio di “Khnum”, che suggerirebbe che la venerazione di “Heqaib” fu effettuata non solo alla sua cappella che fu costruita per ordine del Faraone “Intef III” durante il Medio Regno, ma la sua adorazione si estese fino a raggiungere il tempio di “Khnum”.
Nasr Salama, direttore generale per le Antichità di Assuan e della Nubia ha affermato che le due statue mancavano della parte superiore, una di esse rappresenta “Heqaib” assiso con un’iscrizione del suo nome, mentre l’altra è priva di iscrizioni. Salama ha enfatizzato che la stele in arenaria scoperta è da considerarsi come una delle migliori stele scoperte negli ultimi 30 anni, e che presenta offerte.
Il dott. Pilgrim ha espresso il suo alto apprezzamento per il grande supporto del Ministero delle Antichità per la missione, esprimendo la speranza di nuove scoperte per le prossime stagioni di scavo.
Link: Ministry of Antiquities – Egypt
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities, Ufficio Stampa: scritto da Asmaa Mostafa, tradotto da Hend Monir. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto dal Ministero delle Antichità Egizie.

Write A Comment

Pin It