10 Agosto 2015

Gli archeologi scavano nelle misteriose cantine al di sotto della piazza del paese di Muszyna

Foto: Fotolia
Foto da Fotolia

Gli archaeologi scavano nelle misteriose cantine  al di sotto del mercato del paese reso celebre dalla sua spa – Muszyna (nel Voivodato della Piccola Polonia). Le cantine, come l’intera città, appartenevano ai vescovi di Cracovia ed erano probabilmente utilizzati per immagazzinare vini importati dall’Ungheria.
I ricercatori contano su ritrovamenti di valore, che arricchirebbero la collezione del Museo Regionale dello Stato di Muszyna, ed espanderebbero la conoscenza degli storici. “Non dobbiamo dimenticare che Muszyna è una città con un’eredità medievale. La piazza del paese di Muszyna nasconde molti segreti. Sembra che i nostri ritrovamenti saranno significativi almeno per la regione” – ha spiegato a PAP l’archeologo Artur Ginter della società Sekcja Archeo, che conduce gli scavi.

Il lavoro sulla piazza del paese di Muszyna cominciarono quattro settimane fa. Sarà utile determinare la disposizione dei vecchi edifici in quella parte del paese. Col completamento dei lavori di scavo, Muszyna vorrebbe rivitalizzare le cantine e renderle disponibili al pubblico. A questo punto dipende dalla condizione delle camere sotterranee, se permetteranno di esporre tutti gli oggetti ritrovati. Nelle prossime settimane, gli archeologi proveranno a determinare la dimensione delle cantine e la loro estensione. Già sappiamo che sono alte circa 3 metri e che la loro area totale supera i 100 metri quadri.
Le cantine, già scavate dagli archeologi, erano sotto la giurisdizione dei Vescovi di Cracovia. Le prime informazioni su di loro compaiono nelle fonti storiche del diciassettesimo secolo. Ma – come notano gli archeologi – le cantine potrebbero essere state costruite prima del diciassettesimo secolo.
Le tracce delle cantine all’interno della piazza del paese – spiegano gli archeologi – furono ritrovate in diverse occasioni durante lavori di costruzione portati avanti nello scorso secolo. A causa di finanziamenti insufficienti e mancanza di un’idea coerente per l’utilizzo delle cantine, queste furono nuovamente sepolte.
Gli archeologi al lavoro a Muszyna, scoprirono i primi oggetti durante gli scavi attraverso gli strati di storia. “Ci sono ceramiche, interessanti piastrelle del focolare, un sigillo in piombo per tessuti (NdT: lead cloth seal) e monete dal diciannovesimo secolo, da un periodo in cui l’area era sotto il dominio austriaco” – ha spiegato l’archeologo, aggiungendo che i resti degli edifici in mattone potevano anche essere collocati sottoterra – e uno di essi probabilmente era utilizzato come prigione.
I ricercatori sperano di imbattersi nei resti degli edifici del municipio, del quale a Muszyna se ne trovano un paio sin dal Medio Evo. L’ultimo municipio fu demolito durante la Prima Guerra Mondiale, e il suo aspetto è parzialmente noto dalle poche fotografie preservate. Poco è noto di almeno due edifici più antichi che servirono da municipio. Uno di essi fu probabilmente costruito nel Medio Evo, il secondo – nella seconda metà del diciassettesimo secolo.
Il lavoro archeologico prenderà almeno tre mesi. È un preludio a un lavoro di restauri completi della piazza. Il fatto che l’ulteriore rivitalizzazione possa cominciare subito dopo il completamento del lavoro degli archeologi, dipenderà da diversi fattori – inclusi i risultati di ricerca condotti dagli archeologi, dalle decisioni del Conservatore, dalla quantità di fondi dell’Unione Europea, che la città acquisirà.
“Vogliamo restaurare la piazza per renderla ancora più attraente per i turisti che riposano qui e che ricevono trattamenti nelle spa, e di modo che possa meglio servire i residenti” – ha riferito a PAP Arkadiusz Cycoń dal Consiglio Comunale di Muszyna.
Il progetto implica cambiamenti rilevanti nell’organizzazione del traffico. Ci saranno nuove passerelle, e la principale correrà diagonalmente per la piazza. Secondo il progetto, la superficie principale della piazza del paese sarà abbassata in vicinanza delle cantine storiche, che saranno elevate per la vista dall’alto attraverso i vetri. Ci saranno caffè, con il principale collocato presso l’incrocio tra la Strada Kościelna e la piazza del paese. Ci saranno nuove lampade, panchine, sedie da salotto, bidoni dell’immondizia, rastrelliere per le biciclette. L’attuale zona alberata rimarrà in piedi per la maggior parte.
Un rappresentante del consiglio comunale ha annunciato che il traffico nella città ha luogo senza interruzioni. I luoghi di studio sono principalmente piazze senza traffico, la sola parte del lavoro condotta in un’area di parcheggio dedicata della piazza.
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.