29 Aprile 2015

1 MAGGIO TRA I LIBRI: PAGINE DI STORIA, MUSICA, TEATRO…

Apertura straordinaria della Biblioteca Nazionale di Napoli dalle ore 9,30 alle ore 18,30.
703d9bd77afaa3d59faafaf1b30adb3fec9cdc4
Con una serie di suggestive esposizioni di antichi codici, edizioni pregiate, ricchi apparati iconografici, documenti fotografici, la Biblioteca Nazionale aderisce all’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che prevede l’apertura straordinaria dell’Istituto nella ricorrenza del primo maggio.

Il viaggio tra i libri di epoche e provenienze diverse si snoda su piani e temi apparentemente lontani ma convergenti nell’attenzione alle vicende storiche e culturali della città di Napoli.
La rievocazione di un evento cruciale della recente storia napoletana, nel 70esimo anniversario della Liberazione, è il tema della mostra Napoli 1943-1945: dalla Libertà alla Liberazione allestita nella Sala Esposizioni in collaborazione con l’Istituto campano per la storia della resistenza. Attraverso un ampio percorso documentario – foto, giornali, materiale d’archivio – emerge il vissuto collettivo della città dai momenti cruciali dell’insurrezione contro i tedeschi e dell’arrivo degli alleati fino al giorno della Liberazione. Vita istituzionale e scorci di vita privata si intrecciano nel racconto di una quotidianità che passa dalla terribile prova della guerra al tentativo della comunità di riprendere una vita normale, di ricucire il filo della propria vita.
Alle pagine di una storia recente e drammatica, da cui affiorano immagini e volti segnati dalla sofferenza, si affiancano testimonianze di tutt’altro genere in mostra nelle altre sezioni, dove sono esposti documenti e suggestioni della vita musicale e teatrale a Napoli e non solo.
Da pregevolissimi codici trecenteschi agli apparati iconografici che illustrano fonti greche e romane – pitture, mosaici, affreschi – della rappresentazione teatrale e musicale, l’itinerario espositivo conduce infine alla tradizione musicale napoletana tra ottocento e novecento, rievocata attraverso le più famose canzoni napoletane, di cui si espongono   versi, spartiti e anche rare incisioni discografiche.
Come da MIBACT, Redattrice Lidia Tarsitano

Write A Comment

Pin It