L'ebola dietro la Peste di Atene del 430 a. C.?

15 Settembre 2015
Myrtis_reconstruction
Nel 430 a. C., secondo anno della Guerra del Peloponneso, Atene fu colpita da una terribile epidemia. Nota come Peste di Atene, durò cinque anni facendo un gran numero di vittime.

L'unico resoconto pervenutoci è dal testo della Guerra del Peloponneso di Tucidide, che sopravvisse all'epidemia. Oltre a una descrizione dei sintomi, lo storico ci indica anche la provenienza, l'Africa. Negli ultimi decenni gli studiosi si sono molto interrogati sulla malattia, indicandone diverse come probabili: a partire dal 1988 è stata anche avanzata l'ipotesi dell'ebola o di qualche febbre emorragica correlata. L'ultimo studio in tal senso è del Giugno di quest'anno.

Tuttavia, la discussione è più aperta che mai, sia perché l'epidemia durò ben 5 anni, mentre le epidemie note di ebola sono durate un anno circa al massimo, sia perché non vi sarebbero altri casi noti in seguito. Neppure la scoperta del grande cimitero di Kerameikos, nel 1994, è riuscita a fornire indicazioni univoche.
Leggere di più


Scozia: il più antico caso di rachitismo dall'isola di Tiree

10 Settembre 2015
Tiree,_Balephuil_Bay
Il più antico caso noto di rachitismo è stato individuato in uno scheletro di una donna tra i 25 e i 30 anni, vissuta nel Neolitico (e precisamente tra il 3340 e il 3090 a. C.), e ritrovato nel 1912 presso l'isola scozzese di Tiree, nell'arcipelago delle Ebridi.
Al di là di questo, il caso presenta diversi elementi poco chiari: ci si interroga innanzitutto sullo status della donna, ritrovata in una semplice sepoltura, e non di una tomba a camera. A causa della deformità indotta dalla malattia, potrebbe essere stata isolata dal gruppo.
Rimane poi il dubbio: com'è possibile che la donna abbia contratto una malattia causata dalla mancanza di vitamina D (possibilmente determinata dalla mancanza di luce e cibo dal mare), in un contesto rurale e costiero? Gli studiosi ritengono possibile che la comunità la confinasse al chiuso, che fosse una schiava, che soffrisse di altre malattie o, al contrario, che ricoprisse un ruolo religioso.
Quella sull'isola era una comunità agricola, che coltivava orzo e allevava ovini e bovini, ma aveva smesso di pescare per motivi ignoti, situazione comune nelle società neolitiche: forse vi erano motivi religiosi o tabù in merito.
Leggere di più


Dublino: fossa comune di vittime del colera (1832)

23 - 26 Agosto 2015
800px-Island_of_Ireland_location_map_Dublin.svg
I lavori a Broadstone, presso Dublino, hanno permesso di portare alla luce una fossa comune di vittime del colera. Si ritiene che queste siano relative alla Grande epidemia di colera che toccò l'area nei primissimi anni trenta dell'Ottocento. All'epoca lo spazio presso il cimitero di Bully’s Acre non sarebbe stato sufficiente per fronteggiare l'afflusso di vittime.
Link: The Irish Times; Irish Central
La Contea di Dublino nel Leinster, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Mabuska (Island_of_Ireland_location_map.svg: *Ireland_location_map.svg: NordNordWest Northern_Ireland_location_map.svg: NordNordWest Northern_Ireland_-_Counties.png: Maximilian Dörrbecker (Chumwa) derivative work: Rannpháirtí anaithnid (talk) derivative work: Mabuska (talk) - Island_of_Ireland_location_map.svg).
 


Cina: un antico disastro preistorico presso Hamin Mangha

27 - 28 Luglio 2015
800px-Inner_Mongolia_in_China_(+all_claims_hatched).svg
Una terribile scoperta è avvenuta nell'antica città di Hamin Mangha, l'insediamento preistorico più grande e meglio preservato della Cina, situato nella regione della Mongolia Interna.
Leggere di più


L'origine e l'evoluzione della peste polmonare

30 Giugno 2015
Burying_Plague_Victims_of_Tournai
Un solo cambiamento genetico sarebbe bastato allo Yersinia Pestis, il batterio responsabile della peste, per la sua trasformazione da infezione gastrointestinale a letale malattia che colpisce le vie respiratorie. Modificazioni successive avrebbero potenziato le sue capacità.
Il batterio responsabile della peste, Yersinia Pestis, nasce da un'evoluzione recente dell'agente patogeno gastrointestinale Yersinia pseudotubercolosis. Anche se non è noto quando il primo guadagnò la capacità di indurre una polmonite fulminante, sarebbe bastata l'acquisizione di un singolo gene in grado di codificare la proteasi Pla per determinare la capacità di causare peste polmonare già nei ceppi più ancestrali dello Yersinia Pestis.
Leggere di più


Un ceppo della tubercolosi si sarebbe originato 30 mila anni fa

16 Giugno 2015
Mycobacterium_tuberculosis_Bacteria_(16843981465)
Il ceppo di Pechino della tubercolosi (Mycobacterium tuberculosis) è quello di maggior "successo", responsabile di più di un quarto delle epidemie di tubercolosi al mondo, e il principale genotipo in Asia.
Un nuovo studio avrebbe messo in luce la diffusione geografica e la diversità genetica, indicandone l'origine nella parte meridionale dell'Asia Orientale di 30 mila anni fa. La sua attuale dominanza sarebbe stata determinata dalle massicce densità di popolazione determinatesi durante la dinastia Han.
Leggere di più


Caso di lebbra e possibile diffusione dalla Scandinavia alla Gran Bretagna

12 Maggio 2015
journal.pone.0124282.g002
Un team internazionale di ricercatori ha esaminato una sepoltura a Great Chesterford, nell'Essex, in Gran Bretagna. Lo scheletro ha mostrato condizioni coerenti con i danni derivanti dal morbo di Hansen, altrimenti noto come lebbra, e cioè il restringimento delle ossa delle dita dei piedi e danni alle articolazioni. Non tutti i casi di lebbra sono identificabili attraverso danni alle ossa, ma altre analisi in questo caso hanno permesso di confermare. L'individuo era un giovane maschio tra i 20 e i 35 anni vissuto tra il quinto e il sesto secolo d. C., e da altre analisi risulterebbe la sua probabile provenienza dalla Scandinavia meridionale, permettendo di supporre che questo caso fosse tra i primi di una diffusione della malattia da quelle regioni nel Regno Unito.
journal.pone.0124282.g003
[Dall'Abstract: ] Si è esaminata un'inumazione datata dal quinto al sesto secolo, e proveniente da Great Chesterford, nell'Essex, nel Regno Unito. I resti incompleti sono quelli di un giovane machio, di età tra i 21 e i 35 anni al momento della morte. I resti mostrano prove osteologiche di lebbra lepromatosa (lepromatous leprosy, LL), [...] ulteriormente confermate da altre analisi. È importante notare che alcune analisi hanno evidenziato una probabile origine dell'individuo al di fuori della Gran Bretagna, gettando potenzialmente luce sulle origini della malattia nel Paese e sulla conseguente diffusione in altre parti del mondo, incluse le Americhe.
Leggere di più


Un ventenne, le ossa e il mercurio ad Antigua

8 Maggio 2015
Il cimitero del Royal Naval Hospital ad Antigua è poco noto, e con poco più che le ossa a disposizione, i ricercatori stanno utilizzando l'imaging al sincrotrone per raccogliere informazioni. Nel caso di un individuo morto attorno ai vent'anni, si sono rilevati tassi molto alti di mercurio, che veniva utilizzato allora per combattere sifilide e febbre gialla.
L'Ospedale serviva il personale navale, lavoratori schiavizzati e un pubblico generico nel periodo 1793-1822.
Leggere di più


Una nuova ricerca sull'impatto dell'industrializzazione sui Londinesi

24 - 29 Aprile 2015
Dore_London
Un nuovo progetto di ricerca, annunciato dal Museo di Londra, esplorerà gli effetti dell'industrializzazione sui Londinesi. Gli effetti, visibili ad esempio in termini di malattie, sono rimasti scritti nelle ossa degli individui: si esamineranno perciò i resti di mille individui adulti dell'età industriale a Londra, e cinquecento dalla metropoli medievale.
Le tendenze per la salute hanno visto un incremento dell'aspettativa di vita, ma si vuole rivisitare condizioni considerate come indotte dall'uomo, come obesità e cancro, oltre che le conseguenze dello stile di vita sedentario.Leggere di più


La resistenza agli antibiotici presso tribù remote dell'America Meridionale

17 Aprile 2015
ShabanoYanomami
Ricercatori hanno analizzato la flora batterica di un ramo della tribù Venezuelana degli Yanomami, verificando nei batteri l'esistenza di una resistenza agli antibiotici che poteva essere inaspettata. Difatti, il fenomeno lo si ricollega alle moderne società.
Leggere di più