22 Dicembre 2015
srep17765-f2
Amuleti magici in antichità erano prodotti su papiri, ma anche ferro e piombo erano utilizzati per ragioni apotropaiche. Ci sono pervenuti diversi di esemplari di questo tipo, ma data la loro fragilità, srotolarli può danneggiarli. Grazie alla tomografia computerizzata e al modellamento 3D, una nuova ricerca è riuscita per la prima volta a consegnarci il contenuto di uno di questi papiri metallici.
srep17765-f1
Si tratta di papiro in argento da Jerash in Giordania, risalente alla metà dell’ottavo secolo d. C. Il papiro in argento era a sua volta conservato in un involucro in piombo, spaccato e corroso, dal quale è stato delicatamente estratto. Contiene simboli e 17 righe di testo in una lingua non nota, che si ritiene sia una sorta di script pseudo-Arabo che non si è stati ancora in grado di decifrare. Come ha spiegato l’autrice Rubina Raja, non si pretendeva di rileggere il rotolo, per cui non aveva molta importanza che quanto scritto avesse senso.
srep17765-f5
Il papiro in argento sarebbe infatti opera di un mago ebreo, che a causa della supposta potenza e antichità della sua magia, fu all’epoca accolto dalla popolazione musulmana locale. Attorno al 749 d. C. Jerash fu colpita da un violento terremoto, ed è perciò giunta fino a noi come una capsula temporale intatta.

Lo studio “Revealing text in a complexly rolled silver scroll from Jerash with computed tomography and advanced imaging software”, di Gry Hoffmann Barfod, John Møller Larsen, Achim Lichtenberger & Rubina Raja, è stato pubblicato su Nature – Scientific Reports.
Link: Nature – Scientific Reports; ScienceNordic via Videnskab; Daily Mail
Fig. 2 sezione del papiro in argento arrotolato, da Nature – Scientific Reports; CC BY 4.0.
Fig. 1 il rotolo in argento nel suo involucro in piombo, da Nature – Scientific Reports; CC BY 4.0.
Fig. 5 Le prime otto righe del papiro, da Nature – Scientific Reports; CC BY 4.0.