10 Novembre 2015
800px-Selinonte_Temple_E2
L’antica città greca di Selinunte, sulla costa sud-occidentale della Sicilia (e attualmente presso Castelvetrano), fu fondata nel 570 a. C. Ebbe vita breve: si schierò dalla parte di Siracusa nel conflitto contro Cartagine, e fu da questa saccheggiata e distrutta nel 409 a. C., con parte della popolazione massacrata o resa schiava. Gli sviluppi successivi e alterni condussero poi al suo abbandono e all’evacuazione durante la Prima Guerra Punica.
Le sue sfortunate vicende l’hanno resa però la città greca la cui metropoli è interamente conservata, grazie alla sabbia e alla terra che l’hanno ricoperta. E questo, nonostante terremoti e spoliazioni nei secoli.
Selinunte si sta quindi rivelando una capsula temporale che ci permette di gettare luce sulla vita dell’epoca: gli archeologi hanno ritrovato i resti dei pranzi lasciati a metà dagli abitanti terrorizzati e in fuga, e le ceramiche ancora non passate dalla fornace. Si producevano così svariati oggetti, dai contenitori ai contrappesi dei telai alle statuine. E proprio le ceramiche costituivano un’attività fondamentale dell’antica città, essendo una parte importante delle esportazioni: si sono ritrovate circa 80 strutture, tra fornaci e laboratori. Lo studio intrapreso delle ceramiche nel Mediterraneo permetterà di comprendere quali provenivano dal sito.
 
Nel frattempo, è partito dalla Regione Sicilia un programma di interventi e promozione del distretto turistico “Selinunte, il Belìce e Sciacca Terme”.
Link: ANSA; Independent; Daily Mail; International Business Times.
Il Tempio di Era (anche Tempio E) a Selinunte, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Urban~commonswiki.
 
 
 

Write A Comment

Pin It