13 Maggio 2016

Figura a colori dal Digitized Sky Survey. Credit: NASA/ESA/AURA/Caltech
Figura a colori dal Digitized Sky Survey. Credit: NASA/ESA/AURA/Caltech

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Astronomical History and Heritage, ha utilizzato il software di astronomia Starry Night per individuare la notte della quale ci racconta la poetessa greca Saffo, nel testo noto come frammento 168 B Voigt (in Inglese, Midnight Poem, Ippolito Nievo lo chiamò “Notte Solitaria”).
Il testo fu tradotto da molti autori (in questo caso si è scelto Pavese): “Tramontata è la luna / E le Pleiadi, è mezza / Notte, è passata l’ora: / giaccio sola nel letto”.
Si è dunque cercata la stagione nel 570 a. C., corrispondente a quella descrizione del cielo stellato a mezzanotte, dall’isola di Lesbo. Si è così dimostrato che le Pleiadi sarebbero tramontate a quell’ora del 25 Gennaio di quell’anno. Sarebbe la prima data a partire dalla quale riferire il testo. L’autore Manfred Cuntz aggiunge che non molti autori antichi commentano le osservazioni astronomiche con altrettanta chiarezza.

Lo studio “Seasonal dating of Sappho’s ‘Midnight Poem’ revisited”, di Manfred Cuntz, Levent Gurdemir e Martin George, è stato pubblicato sul Journal of Astronomical History and Heritage.
Link: Journal of Astronomical History and Heritage (PDF)EurekAlert! via University of Texas at Arlington