11 Novembre 2015
800px-Gilgal_Refa'im_-_Rujm_el-Hiri
Si sta rivelando fonte di dubbi e perplessità, l’enorme struttura preistorica sulle Alture del Golan. Il nome arabo è Rujm el-Hiri, “cumulo di pietra del gatto selvatico”, mentre in Ebraico ci si riferisce ad essa chiamandola Gilgal Refaim, “le ruote dei giganti”.
Gli archeologi si sono detti perplessi da questa creazione, che copre un’area di 152 metri circa, e che è costituita da 100 megaliti con architrave, in pietra basaltica, per un peso di oltre 40 tonnellate. La si data a cinquemila anni fa (grazie a frammenti ceramici e strumenti in selce).
La si relaziona forse a popolazioni nomadi, ma i maggiori dubbi riguardano le funzioni: viene ipotizzata la funzione calendariale/astronomica, e vi è pure una tomba, che sarebbe però di epoca successiva. 

Link: The Daily MailThe Jerusalem PostReuters
Rujm al-Hīrī/Gilgal Refā’īmfoto dello Hebrew Wikipedia user אסף.צ, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Shii.