Egitto: nuove scoperte a Matareyya

5 Maggio 2016

Nuova scoperta a Matareyya

————————————————————————————————————
13178667_489569601248189_8349049677300479495_n
La missione archeologica Egiziana e Tedesca a Matareyya (Ministero delle Antichità della Repubblica Araba d'Egitto, Museo Egizio dell'Università di Lipsia, Università di Scienze Applicate di Mainz) ha scoperto le prove di un santuario di Nectanebo I (380-363 a. C.) nel distretto del tempio di Eliopoli. Così il dott. Mahmoud Afify, Direttore del Settore delle Antichità Egiziane.
13179275_489569471248202_8277409258034826239_n

Il dott. Aiman Ashmawy, Direttore del team Egizio presso la Missione ha affermato che il numero di blocchi da un'area limitata prova che in effetti l'area di scavo è il sito dell'edificio originale costruito da rilievi su calcare e colonne, con le parti inferiori del muro in basalto nero. Una porta orientale fu costruita in arenaria marrone silicizzata e decorata con iscrizioni e scene rituali.
13173924_489568641248285_7698001777038498123_n
Inoltre, sono state ritrovate prove ulteriori della rappresentazione di processioni geografiche che consistevano in dèi del Nilo con testi di accompagnamento. Un gruppo di stele di basalto dimostra la processione del sesto nomo dell'Alto Egitto. In aggiunta a ciò, reperti come frammenti relativi alla pratica scultorea e una figurina in bronzo della dea Bastet sono stati ritrovati nella stessa area. In aggiunta a ciò, il dott. Dietrich Raue dal Museo Egizio dell'Università di Lipsia (Germania) si è concentrato sugli scavi in una seconda area a sud est del tempio, dove si sono scoperti un laboratorio del quarto secolo a. C. e uno strato tolemaico sostitutivo. “Questo è adeguato rispetto alle prove crescenti dell'enorme attività dei sovrani della Trentesima Dinastia in questo santuario." Inoltre, un nuovo sito relativo a un tempio di Ramesse II è stato scoperto tra il luogo del vecchio sito del tempio di Ramesse II a Suq el-Khamis e l'area del tempio di Nectanebo. Frammenti di statue colossali oltre a grandi blocchi con bassorilievi sono stati ritrovati.
13094239_489568654581617_2444856864290395102_n
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities, Ufficio Stampa. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto dal Ministero delle Antichità Egizie.
13133362_489570041248145_5713850212822495767_n 13174180_489569987914817_2458472205284293200_n
13102750_489569811248168_4321059425601731921_n 13174213_489570181248131_3812445196860430669_n 13151654_489569824581500_2482254876720685952_n 13166074_489571497914666_8572808346225975429_n 13179105_489571517914664_258660982939285421_n
 

Egitto: nuove scoperte presso al-Matareyya (Eliopoli)

6 Ottobre 2015

Il Ministero delle Antichità annuncia una nuova scoperta a Matareyya

—————————————————————————————————

12122704_429258910612592_6426713742986047936_n
La Missione Archeologica Egiziana e Tedesca, al lavoro nell'area di al-Matareyya (Eliopoli) ha dissotterrato blocchi di uno dei santuari di Nectanebo I della Trentesima Dinastia. La scoperta è stata effettuata durante gli scavi in corso, da parte della missione nell'area dell'antica città Iunu - Ain Shams. Così ha annunciato il dott. Mamdouh Eldamaty, Ministro delle Antichità.
La Missione è riuscita anche a scoprire piccoli resti calcarei delle antiche colonne, così come quelli del soffitto del Tempio di Nectanebo I, che ancora portano la forma delle stelle - ha aggiunto Eldamaty.
12112368_429258940612589_1863637848948402944_n
Leggere di più