7 Gennaio 2016

Ricostruzione di Kennis © Museo Archeologico dell'Alto Adige, Foto Ochsenreiter
Ricostruzione di Kennis © Museo Archeologico dell’Alto Adige, Foto Ochsenreiter

L’Helicobacter pylori, che solitamente risiede nello stomaco della maggior parte delle persone, è un batterio diffuso a livello globale, grazie al suo ospite umano (è responsabile di gastriti e ulcere peptiche). È perciò possibile utilizzarlo per ricostruire le migrazioni umane tanto recenti quanto antiche: la sua popolazione europea attuale è un ibrido tra il batterio presente in Asia e Africa, ma vi sono diverse ipotesi riguardo luogo e tempo dell’ibridazione. Questo riflette la complessa storia demografica degli Europei.
Un nuovo studio ha ora preso in esame il genoma di un Helicobacter pylori di 5300 anni fa, contenuto nello stomaco di Ötzi, la celebre mummia del Calcolitico. Il batterio è un rappresentante quasi puro della popolazione asiatica dello stesso (e in particolare osservato oggi principalmente nell’Asia Centrale e Meridionale), per cui gli studiosi suggeriscono che la popolazione africana sia giunta in Europa nelle ultime migliaia di anni. Finora si riteneva che gli Europei del Neolitico già portassero questo ceppo del batterio al tempo in cui abbandonarono il loro stile di vita da cacciatori raccoglitori, per diventare agricoltori: evidentemente non è così.
Gli scienziati sono anche riusciti a decodificare quasi interamente il genoma del batterio. Potrebbe pure essere vera la teoria per la quale gli umani erano infettati dal batterio all’inizio della loro storia. Il compito dei ricercatori non è stato peraltro facile, visto che la mucosa di Ötzi è completamente scomparsa: si è riusciti a superare il problema recuperando i contenuti dello stomaco della mummia. Per quanto non sia possibile dire se l’Uomo di Similaun soffrisse di problemi allo stomaco, le precondizioni per questi sussistevano.

Lo studio “The 5300-year-old Helicobacter pylori genome of the Iceman”, di Frank MaixnerBen Krause-KyoraDmitrij TuraevAlexander HerbigMichael R. HoopmannJanice L. HallowsUlrike KusebauchEduard Egarter ViglPeter MalfertheinerFrancis MegraudNiall O’SullivanGiovanna CipolliniValentina CoiaMarco SamadelliLars EngstrandBodo LinzRobert L. MoritzRudolf GrimmJohannes KrauseAlmut NebelYoshan MoodleyThomas RatteiAlbert Zink, è stato pubblicato su Science.
Link: Science; EurekAlert! via European Academy of Bozen/Bolzano (EURAC); Science Daily via Newsy;