Cereali domestici nei Balcani già nel 6.600 a. C.

29 Agosto 2016

Scavi a Vlasac. Credit: Dušan Borić
Scavi a Vlasac. Credit: Dušan Borić

Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, ha preso in esame il tartaro dai denti degli antichi foraggieri balcanici che vissero presso il sito di Vlasac in Serbia. Il sito fu oggetto di scavi dal 2006 al 2009.

L’amido ritrovato permette di fornire prove dirette del consumo di cereali domestici attorno al 6.600 a. C. circa, e cioè mezzo millennio prima di quanto ritenuto finora. Il punto di vista ad oggi accettato era quello di un’introduzione dei cereali domestici nei Balcani attorno al 6.200 a. C. I microfossili studiati sono dunque quelli intrappolati nel tartaro, e relativi a 9 individui del Tardo Mesolitico (6.600-6.450 a. C.) e della transizione tra Mesolitico e Neolitico (circa 6.200-5.900 a. C.). Sono stati presi in esame anche tre sepolture femminili dalla vicina Lepenski Vir e relative agli esordi del Neolitico (circa 5.900-5.700 a. C.).

Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić
Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić

La scoperta è importante non solo perché evidenzia l’importanza dei vegetali nella dieta di questi abitanti dei Balcani, ma pure perché rivela l’introduzione degli stessi vegetali qui in maniera indipendente rispetto alle altre novità del Neolitico. L’idea di un “pacchetto neolitico”, nozione che indica gli elementi che appaiono nei primi insediamenti dell’epoca (ceramiche, asce levigate, domesticazioni, case in legno, ecc.), deve perciò essere riconsiderata.

Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić
Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić

Le specie ritrovate dagli studiosi sono quelle del frumento (Triticum monococcum, Triticum dicoccum) e dell’orzo (Hordeum distichon) presenti negli altri insediamenti delle prime comunità neolitiche dell’Europa sud orientale. Le specie domestiche erano consumate insieme ad altre selvatiche e relative alle tribù Aveneae, Paniceae, Fabaeae (fave, piselli). Gli studiosi concludono che la familiarità di questi antichi abitanti dei Balcani per i cereali domestici almeno a partire dal 6.500 a. C. può aver semplificato l’adozione delle altre pratiche agricole.

Continue reading Cereali domestici nei Balcani già nel 6.600 a. C.

Consumo di pesce nella dieta dei primi abitanti dell’Alaska

29 Agosto 2016

Braided_Stream_FairbanksTananaRiver

Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, ha evidenziato come il consumo di pesci d’acqua dolce fosse importante per i primi abitanti dell’Alaska, nella Beringia dell’Era Glaciale.

Lo studio ha preso in considerazione 17 focolari presso il fiume Tanana, in Alaska. Lo studio ha quindi ritrovato le prime prove di utilizzo di salmone anadromo nelle Americhe, almeno 11.800 anni fa, e che il pesce fosse parte delle diete indigene 11.500 anni fa.

Continue reading Consumo di pesce nella dieta dei primi abitanti dell’Alaska

Milano, teatro: Premio Enriques a Dettori e Lazzarini

Cultura

Del Corno: “Milano orgogliosa per premio Enriques a Dettori e Lazzarini”

dettori_lazzarini_350.jpg

Milano, 29 agosto 2016 – “Milano è orgogliosa e felice che il prestigioso Premio Enriquez, intitolato alla memoria del grande regista, premi quest’anno Giulia Lazzarini e Giancarlo Dettori, due attori milanesi cresciuti alla scuola strehleriana a cui vanno le nostre più vive congratulazioni. Protagonisti di molti spettacoli andati in scena al Piccolo Teatro, Lazzarini e Dettori sono un pezzo importante della storia del teatro italiano e non solo, e rappresentano al meglio la grande professionalità e quell’amore per l’arte antica e sempre viva dell’interpretazione che ha portato la nostra città ad essere il cuore di tante produzioni di successo internazionale”.

Lo dichiara l’assessore alla Cultura Filippo del Corno.

Testo e immagine dal Comune di Milano.

Sonetti d’Amore di Shakespeare al Silvano Toti Globe Theatre di Roma

SILVANO TOTI GLOBE THEATRE

Direzione artistica Gigi Proietti

lunedì 29 agosto, 5, 19 e 26 settembre ore 21

dall’1 al 4 settembre e dall’8 all’11 settembre ore 18

SONETTI D’AMORE

Viaggio tra i più bei versi di William Shakespeare

Ideazione e regia Melania Giglio

Traduzione Alfonso Veneroso, Melania Giglio

Prodotto da Politeama srl

unnamed (9)

Dopo il successo della scorsa stagione tornano al Silvano Toti Globe Theatre i SONETTI D’AMORE con l’ideazione e la regia di Melania Giglio (traduzione di Alfonso Veneroso e Melania Giglio).

Quattro personaggi daranno voce e corpo ai più bei sonetti shakespeariani: Alfonso Veneroso (William Shakespeare), Melania Giglio (la sua Musa), Sebastian Gimelli (il Conte di Southampton), Francesca Mària (la dark lady). E’ prevista una ricca contaminazione musicale: da Marvin Gaye a Amy Winehouse, da Leonard Cohen ad Alanis Morissette.

I Sonetti d’amore andranno in scena lunedì 29 agosto, lunedì 5, 19 e 26 settembre ore 21 e dall’1 al 4 settembre e dall’8 all’11 settembre ore 18

Continue reading Sonetti d’Amore di Shakespeare al Silvano Toti Globe Theatre di Roma

Milano, Cimitero Monumentale: domenica torna il “Museo a cielo aperto”

Monumentale

Domenica torna il “Museo a cielo aperto”

La rassegna del 28 agosto prevede visite guidate, spettacoli teatrali e musicali

Cimitero_monumentale_(famedio).JPG

Milano, 26 agosto 2016 – Domenica torna “Monumentale: museo a cielo aperto”, la rassegna ideata dal Comune di Milano e dalla Fondazione Milano – Scuole civiche per far scoprire uno dei luoghi storici più suggestivi della città.

museo_cielo_aperto_630.jpg

Continue reading Milano, Cimitero Monumentale: domenica torna il “Museo a cielo aperto”

Dove i Classici si incontrano