ARS AEDIFICANDI. Il cantiere nel mondo classico

PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE E CAVE DI CUSA

4 luglio 2022 -23 luglio 2023

«Questa città [Selinunte] ha tre antichissime cave di pietra donde furono cavate le pietre per edificare et abbellire detta terra … La terza è verso ponente sei miglia discosto in un luogo chiamato saracinescamente Ramussara [l’odierna Cava di Cusa], d’onde si cavarono quei grandissimi sassi, e quelle stupende colonne poi per sostenere i Tempij e gli altri edifici per ornamento della città. E si vedono ancora quivi molte rovine et anticaglie di colonne grandissime, le quali non sono ancora state cavate, e non danno minor maraviglia ai riguardanti che si dia la città stessa».
Tommaso Fazello, Le due deche dell’historia di Sicilia

Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico. Foto © Gianluca Baronchelli

Tutto parte da Vitruvio e dal suo De Architectura: l’unico grande trattato – scritto alla fine del I a.C. giunto fino noi pressoché integro – che spieghi stili, decorazioni, sistemi di costruzione di basiliche, terme, teatri. Dalle preziose notizie racchiuse nei dieci libri, affiorano materiali e tecniche costruttive e si scopre l’uso dei colori nei templi greci, che appaiono ai nostri occhi monocromatici, ma che erano in origine riccamente decorati.  Questo ed altro, molto altro, si scopre leggendo Vitruvio. Ma quali erano le reali tecniche di costruzione dei templi, quali le macchine impiegate per spostare gli enormi blocchi di pietra, quanti gli operai coinvolti e quanto a lungo durava una costruzione? Sembrerebbe che vere e proprie carovane (officine) di esperti costruttori, cavatori, scalpellini, decoratori, seguissero le “commissioni” spostandosi da un luogo all’altro. Molto probabilmente successe anche per gli artefici selinuntini che si spostarono verso Agrigento per innalzare i templi dorici della città.

La mostra “ARS AEDIFICANDI. Il cantiere nel mondo classico” –  prodotta e organizzata da MondoMostre in collaborazione con il Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, diretto da Felice Crescente, promossa dalla Regione Siciliana, Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana – si srotola tra Cave di Cusa e il Parco archeologico di Selinunte, e sarà visitabile per oltre un anno. Forte di un comitato scientifico di grande rilievo, la mostra è curata dagli architetti Alessandro Carlino, storico dell’architettura che da anni studia i templi dorici siciliani, e Bernardo Agrò, già direttore del Parco.

Conoscere macchine, tecniche e sistemi costruttivi usati nell’antichità per realizzare i templi è una grande opportunità per meglio comprendere l’origine del patrimonio monumentale che ci è stato consegnato dal passato e che i nostri parchi archeologici custodiscono. La mostra di Selinunte – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – ci fa comprendere, con il supporto di ricostruzioni fedeli di macchinari, come sono sorti i grandi templi, avvicinando i visitatori e soprattutto i giovani alla scoperta e alla comprensione delle tecniche e dei procedimenti costruttivi del passato”.

Una mostra dall’alto valore didattico che speriamo possa essere visitata da moltissime scuole – dice il direttore del Parco archeologico di Selinunte, Felice Crescente -, un modo per scoprire come nacquero i templi ma soprattutto l’enorme lavoro di chi ci lavorò”.

Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico
Foto © Gianluca Baronchelli

La mostra ARS AEDIFICANDI. Il cantiere nel mondo classico è dunque un passo avanti e nello stesso tempo un salto all’indietro rispetto al precedente capitolo alla Valle dei Templi: oggi si va veramente al cuore del processo costruttivo, là dove venivano estratti i materiali da costruzione con cui saranno realizzati i templi, a quelle Cave di Cusa (dal nome del barone, antico proprietario dell’area) attive sin dal VI secolo avanti Cristo, abbandonate in fretta e furia quando fu avvistato l’esercito di Annibale.

I cantieri del mondo antico erano delle vere e proprie piccole città prolifiche formate da maestranze specializzate – spiega il curatore Alessandro Carlino – e noi abbiamo ricostruito il  percorso dei cosiddetti “rocchi” dalle cave, a 11 chilometri da Selinunte, fino al Parco archeologico, dove sono posizionate le macchine in scala 1:1”.

Un’esposizione dal grande valore didattico e documentario che ricostruisce i cantieri allestiti per edificare i grandi santuari dorici di Selinunte. Ripercorrendo le descrizioni delle fonti antiche, e quelle iconografiche dei viaggiatori del Gran Tour, come Houel che nel 1784 documentò l’attività alle Cave di Cusa.

Foto © Gianluca Baronchelli
Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico
Foto © Gianluca Baronchelli

Del comitato scientifico fanno parte alcuni dei più importanti studiosi del settore, da Stefano De Caro, esperto archeologo di fama internazionale, a Heinz Jurgen Beste responsabile scientifico dell’Istituto Archeologico Germanico di Roma, che con Umberto Baruffaldi ha ricostruito con esattezza filologica il prototipo di uno dei 28 montacarichi per il sollevamento delle belve nel Colosseo; Federico Rausa, docente di archeologia classica alla Federico II di Napoli, Carmelo Bennardo, dirigente del Servizio di coordinamento  delle attività progettuali del Dipartimento regionale dei Beni culturali; Giuseppe Parello, dirigente del Servizio gestione parchi e siti Unesco del Dipartimento regionale dei Beni culturali; e Clemente Marconi che dirige cantieri di scavo a Selinunte della New York University e dell’Università Statale di Milano.

La mostra nasce con l’obiettivo dichiarato di coinvolgere il pubblico nella comprensione delle tecniche e dei processi che furono compiuti anticamente per erigere i templi di Selinunte attraverso la ricostruzione in scala 1:1 di un vero e proprio cantiere. Sulla collina orientale e sull’Acropoli sono state ricostruite – a grandezza naturale – dieci “macchine” tra cui una gru (alta 12 metri, riprodotta in scala reale), carri e slitte per il trasporto del materiale lapideo; strumenti di misura come il corobate (strumento romano usato per misurare la pendenza del terreno).

Il percorso della mostra parte da Cave di Cusa da dove vennero estratti i materiali per la costruzione dei templi selinuntini: le cave sono un vero manuale dei sistemi di scavo, la brusca interruzione dei lavori di estrazione – al sopraggiungere dell’esercito cartaginese – ha fatto sì che venissero abbandonati persino i rocchi finiti, pronti per essere trasportati.  Accanto agli enormi blocchi del Tempio G, è stata posizionata la riproduzione della “slitta” che serviva al trasporto, scivolava su rulli di legno e veniva trasportata dai buoi; vicino, ecco la Macchina di Chersifrone (usata per il trasporto dei rocchi più imponenti tramite rotolamento, intelaiato con travi di legno connesse all’asse di rotazione del tamburo) e della Macchina di Metagene (dal nome del figlio di Chersifrone) utilizzata invece per il trasporto degli architravi: una ruota lignea dentro la quale inserire i blocchi che potevano così rotolare trainati da animali da soma dalla cava fino alla fabbrica.

Le descrizioni vitruviane, soprattutto in questo secondo capitolo, sono un vero tesoro: Ars Edificandi nasce interamente dalle descrizioni puntigliose del trattato De Architectura: lo spostamento dei blocchi, una volta cavati, avveniva tramite carri e macchine che li trasportavano fino all’attuale parco archeologico.

Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico
Foto © Gianluca Baronchelli

Dal Tempio E di Selinunte provengono tre blocchi architettonici (geison, taenia e triglifo) con ampie porzioni di intonaco policromo, che spiegano appunto come in epoca greca i templi fossero riccamente decorati. La querelle sul colore dei templi coinvolse, sin dagli inizi dell’Ottocento e in concomitanza dei sempre più numerosi viaggi nel sud Italia e in Grecia, intere generazioni di studiosi. Ad Agrigento e Selinunte, questi moderni “architetti-archeologi” scoprirono i resti dell’originaria policromia e, sulla base di precisi rilievi e approfonditi studi, ipotizzarono l’aspetto delle architetture classiche così come dovevano apparire all’apice del loro splendore.

Le macchine e i reperti della mostra ARS AEDIFICANDI permettono di avanzare ipotesi accreditate e scientifiche, sui metodi di costruzione dei templi, utilizzati in tutto il Mediterraneo. Per scoprire sostanzialmente che i metodi erano simili ad oggi, anche se meno raffinati e senza l’uso, ovviamente, della tecnologia. Si progrediva empiricamente, provando e riprovando fino a che non si raggiungevano i risultati desiderati.

La grande CASA DEGLI DEI era sempre orientata verso il sorgere del sole e doveva poggiare su basi solidissime, per cui si scavava il terreno fino a trovare un compatto piano di roccia. Intorno ai templi vi era un portico ombroso (peristasi) per le cerimonie sacre. La statua della divinità era celata all’interno del naos (o cella) – dove potevano accedere solo i sacerdoti -, preceduta da un vestibolo (pronao) e conclusa dalla parte della fronte posteriore (opistòdomo), dove si conservavano gli arredi rituali e i preziosi doni votivi.

Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico
Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico. Foto © Gianluca Baronchelli

LA CAVA. Nelle cave, i banchi di calcarenite venivano intaccati tramite piccoli utensili metallici (scalpelli e mazzette, scalpelline, piccozze, asce …) per formare un taglio in cui si inserivano i cunei (in legno che, bagnati, si gonfiavano e spezzavano la pietra), battuti fino al distacco del blocco. Per le colonne, si scavava una trincea attorno al perimetro del tamburo da cavare e successivamente si procedeva al distacco dal banco roccioso: una tecnica che proveniva dall’antico Egitto e che rimase inalterata fino in epoca romana. Gli elementi da costruzione estratti dalle cave, già sbozzati, erano pronti per il viaggio verso il cantiere che avveniva tramite slitte, carri o, se di grandi dimensioni, con macchine costruite per l’occasione.

LA SLITTA. Un mezzo funzionale e versatile, già utilizzato nelle civiltà egizie e mesopotamiche, era la slitta, composta da assi di legno incastrate tra loro, con le estremità rivolte all’insù per agevolare il movimento. Un mezzo estremamente leggero, progettato per essere smontato e trasportato su carri dal cantiere alla cava, dove veniva rimontata e riutilizzata per i trasporti successivi. Le slitte, una volta caricate del materiale da costruzione da trasportare, venivano trainate da buoi e scivolavano su rulli o assi di legno, a seconda del tipo di carico. Per governare la slitta, la si imbrigliava con funi collegate ad argani che ne regolavano la velocità o a perni di legno incastrati ai lati per frenare lo scivolamento e aumentare la stabilità.

Foto © Gianluca Baronchelli

IL CARRO. Siamo proprio all’inizio del percorso, nel cosiddetto Tridente, e qui è visibile il “carro”, il mezzo di trasporto meccanico più usato nella civiltà greca; solido e funzionale, si prestava ai più disparati utilizzi, dal trasporto delle merci a quello degli elementi costruttivi di medie dimensioni. Nonostante la sua robustezza e affidabilità, era però difficilmente governabile nei tratti in pendenza; trainato da buoi, veniva quindi usato soprattutto su percorsi pianeggianti. Nel corso degli anni, è stato però dotato di diversi accorgimenti che lo hanno reso più funzionale: l’innovazione più importante è stata l’avantreno semovente da utilizzare sui percorsi più impervi.

IL CANTIERE. Il cantiere greco è sempre stato un luogo di sperimentazione ingegneristica e meccanica. I blocchi di calcarenite, estratti nelle cave, arrivavano in cantiere su slitte o carri, ma rimaneva da risolvere il problema del sollevamento. Venne così inventata una macchina formata da lunghe travi di legno fissate al terreno e unite alle estremità a formare un triangolo. In testa a questa struttura erano fissate carrucole che mediante delle corde, consentivano di sollevare elementi molto pesanti fino alla quota desiderata. Nasceva così la gru (o capra) adiacente al Tempio A, il cui funzionamento era semplice ma ingegnoso perché, non solo consentiva di sollevare elementi assai pesanti, ma permetteva, mediante un sistema di pulegge, di diminuire lo sforzo necessario. Un’altra macchina utilizzata per il sollevamento dei blocchi in cantiere, descritta da Vitruvio come “assai ingegnosa e comoda”, era il “polyspastos”, gru fissa composta da una singola trave lignea fissata al terreno.

Foto © Gianluca Baronchelli

LE COLONNE. Le colonne e le loro porzioni cilindriche (rocchi o tamburi) erano collocate sullo stilòbate (dal greco: stilos = colonna e batis = base). Le scanalature (di norma 16 o 20) che ornavano la superficie esterna, venivano eseguite dopo che tutti gli elementi erano stati assemblati alla perfezione. Al di sopra dei capitelli delle colonne veniva poggiato l’architrave, costituito da grandi parallelepipedi. I perni di giunzione erano in legno o in piombo e servivano per allineare le colonne ed evitare che i rocchi ruotassero sul proprio asse.

LA GRANDE GRU. La grande gru non veniva utilizzata fissandola direttamente al terreno come avveniva per le più macchine piccole, ma era collocata su grossi tronchi, che avevano la funzione di veri e propri binari, su cui la macchina poteva scorrere, in modo tale da non dover essere smontata continuamente. Il sistema di sollevamento utilizzava un argano che era collocato in orizzontale tra le travi principali della gru, ed era azionato da lunghe leve (manovelle). La gru, riprodotta in scala reale per la mostra, è composta da aste convergenti realizzate con travi di legno che misurano 12 metri e hanno una sezione di 35 x 45 cm. Il modello deriva dalle fonti letterarie classiche, Vitruvio in particolare, e dalle fonti iconografiche note, ma è anche debitore delle varie ipotesi ricostruttive dell’architetto greco Manolis Korres.

LE MAESTRANZE E I TEMPI. Alla realizzazione dei templi lavoravano un numero considerevole di persone con specifici compiti, che formavano delle vere e proprie squadre specializzate nella costruzione di edifici monumentali. Questi gruppi detti “officine“, si spostavano di città in città per innalzare i grandi santuari degli dei olimpici. Ci volevano anche decenni per completare un tempio.

Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico
Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico. Foto © Gianluca Baronchelli

COME NASCEVA IL TEMPIO           

In architettura i greci distinguevano tre caratteri costruttivi, e altrettanti stili: il dorico, forte come un atleta o un guerriero; lo ionico, bello come una matrona; il corinzio, prezioso e gracile come una fanciulla. Sopra i geometrici capitelli dorici posava la trabeazione col fregio a trìglifi e mètope. Mentre i due ordini “femminili” presentavano basi sotto i fusti delle colonne, il dorico “maschile” era l’unico a esserne privo: scalzo come i ginnasti o i combattenti.

La fondazione

Una volta stabilito il progetto del tempio, veniva creato il piano di appoggio più profondo, perfettamente orizzontale e collaudato con il sistema egizio: venivano scavati dei canaletti nella roccia e, se il lavoro era stato eseguito a regola d’arte, l’acqua doveva restare in equilibrio.

Il colonnato

Le porzioni cilindriche (rocchi o tamburi) delle colonne venivano rifinite con precisione in cantiere, poste le une sulle altre ed assicurate tramite perni. Le scanalature venivano eseguite solo dopo che gli elementi erano stati assemblati alla perfezione.

La copertura

Se la pietra era il materiale principale nella costruzione del tempio, gran parte della copertura era in legno, sotto il manto di tegole laterizie. Le grandi travi erano composte da più strati che venivano assemblati con chiodi e funi. Le fornaci per i laterizi si trovavano vicino al tempio e seguivano le necessità del cantiere.

La decorazione

Il fregio e il cornicione erano le parti più decorate della trabeazione. I trìglifi rettangolari erano blu, alternati alle mètope dipinte di rosso. Al di sopra dei trìglifi, nel cornicione, venivano intagliati i mùtuli e le gocce, che venivano dorate per evidenziarne la forma che ricordava gli antichi chiodi lignei. Infine, le tegole in terracotta verniciata della copertura.

UNITÀ DI MISURA

Le unità di misura utilizzate in Grecia derivano dai sistemi in uso nel vicino Oriente e in Egitto già nel secondo millennio a.C. e come questi erano basate su misure naturali, facevano riferimento alle parti del corpo umano: il piede, il braccio o la falange di un dito. Lo stesso criterio valeva per le misure di superficie: l’estensione di un terreno veniva calcolata in funzione della quantità di frumento occorrente per la sua semina.

 

Il modulo

Il modulo era l’unità di base utilizzata per la costruzione del tempio e corrispondeva al raggio della colonna. Tutte le parti del tempio erano proporzionate in base a questa unità. L’architrave, il fregio e tutte le altre parti del tempio rispondono a questo sistema di misura, che guidava i costruttori durante tutte le fasi di realizzazione.

Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico. Foto © Gianluca Baronchelli

———————————————————————————————————————————————————-

SCHEDA TECNICA

Titolo: Ars Aedificandi.

Il cantiere nel mondo classico

Curata da: Alessandro Carlino e Bernardo Agrò

Prodotta e organizzata da: MondoMostre

In collaborazione con: Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria

Date: Dal 4 luglio 2022 al 23 luglio 2023

Orari: Parco archeologico di Selinunte
dal 1 maggio al 30 settembre 09.00 – 20.00

dal 1 al 31 ottobre 09.00 – 18.00

dal 1 gennaio al 28 febbraio 09.00 – 17.00

dal 1 al 26 marzo 09.00 – 18.00

dal 27 marzo al 30 aprile 09.00 – 19.00

(ultimo ingresso un’ora prima della chiusura del sito)

Cave di Cusa

Visitabili su prenotazione

Biglietti: Parco archeologico di Selinunte

Piazzale Iole Bovio Marconi, 1 – Marinella di Selinunte Castelvetrano (TP)

2 + biglietto ordinario di ingresso al Parco, consente l’accesso a tutte le aree della mostra

Biglietteria: CoopCulture

Prenotazioni telefonica: tel: +39 09231990030

Prenotazioni online: https://www.coopculture.it/it/prodotti/biglietto-parco-archeologico-di-selinunte-cave-di-cusa-e-pantelleria.-area-archeologica-di-selinunte/

 

 

Testi, video e foto dall’Ufficio Stampa Mondomostre. Tutte le foto © Gianluca Baronchelli

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo

Write A Comment

Pin It