21 Maggio 2015

EXPERIENCE ETRURIA EXPO 2015.
Percorsi sensoriali per 17 comuni

5f7e83ca77a843fb02752591d20bac6a99d33c1

L’antica Etruria sbarca all’Expo di Milano e si presenta al mondo grazie a Experience Etruria, l’iniziativa nata dalla volonta’ di 17 Comuni tra Lazio, Toscana e Umbria che hanno messo a punto un programma ‘multisensoriale’ fatto di itinerari, mostre, film di animazione 3D e carte interattive.

Viterbo e Orvieto le citta’ capofila che con la Soprintendenza archeologica del Lazio e dell’Etruria meridionale hanno dato vita a un accordo di valorizzazione promosso dal ministero dei Beni e delle Attivita’ culturali che coinvolge altri 15 centri: Cerveteri, Tarquinia, Tuscania, Bolsena, Montalto di Castro, Canino, Grosseto, Manciano, Scansano, Castiglione della Pescaia, Chiusi, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Montepulciano e Murlo.
Una collaborazione che diventa una nuova destinazione turistica, un percorso inedito sulle tracce degli Etruschi e dei loro segreti, tra la bellezza dei paesaggi, la scoperta dei siti archeologici e mostre diffuse nei musei statali e civici del territorio.
Experience Etruria coglie l’occasione dell’Expo, ma “ci auguriamo che questo sia l’inizio di un percorso e di una collaborazione che proseguira’ e che sara’ aperta anche ad altre realta’ che hanno gia’ dimostrato un interesse, come l’Etruria campana”, ha detto la soprintendente Alfonsina Russo presentando l’iniziativa al Collegio Romano insieme al ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ai sindaci di Orvieto e Viterbo, Giuseppe Germani e Leonardo Michelini, e all’assessore al Turismo di Grosseto, Luca Ceccarelli. “Questo progetto mette insieme 17 Comuni- ha detto Michelini- alcuni toscani, altri dell’Umbria e molti del Lazio. Si tratta della valorizzazione di un territorio che ancora permette di assaporare una autenticita’ che diventa un valore aggiunto, un motivo per cui venire a visitare questi itinerari”. Gli etruschi “meritano uno spazio all’Expo”, ha aggiunto Ceccarelli che ha esortato i turisti: “Venite a conoscerci- ha detto- non importa quale sia la regione o il comune”.
E in effetti anche per Franceschini e’ la collaborazione tra le diverse realta’ la forza di Experience Etruria: “E’ un bellissimo progetto per una zona straordinaria con potenzialita’ enormi- ha detto- il fatto che tanti Comuni si siano messi insieme per cercare di affrontare insieme il mercato del turismo globale non da soli ma uniti e’ una prova di forza. Perche’ da sole le citta’ faticano, ma insieme potete essere una potenza mondiale e un modello per tenere insieme i territori”.
Quattro gli itinerari multisensoriali legati anche alle eccellenze agroalimentari del territorio: le vie dell’acqua, le vie del vino e del sale, le vie dell’olio e del grano e le vie dei boschi. Non una visita come tutte le altre, ma “un’esperienza
che vede i turisti protagonisti” grazie a degustazioni che coinvolgono tutti i sensi: profumi realizzati con antiche ricette,cibi e bevande della tradizione etrusca e creazioni artistiche. Tra le mostre diffuse lungo gli itinerari, il Museo
Nazionale Etrusco di Villa Giulia, a Roma, dal 13 maggio al 31 ottobre presenta ‘Nettare e ambrosia. Il cibo degli Dei’, mentre a Viterbo dal 12 giugno il Museo Civico Luigi Rossi Danielli ospitera’ ‘In alto i kantharoi. Gli Etruschi dal volto di
pietra’. E ancora, a Grosseto dal 13 giugno al Museo Archeologico e d’Arte della Maremma e’ in programma ‘La giusta misura: il simposio, l’aristocrazia, il vino in Etruria’.
Ma Experience Etruria e’ anche un film di animazione 3D che a fine maggio verra’ presentato nel padiglione Italia dell’Expo di Milano. Realizzato in collaborazione con il Cineca, il film raccontera’ le meraviglie dei percorsi sensoriali in compagnia di Ati, la ragazza etrusca gia’ protagonista di un cartoon di successo.
Infine, la piattaforma multimediale www.experiencetruria.it permettera’, grazie a una carta interattiva, di conoscere le citta’ del territorio e esplorare i percorsi, scoprire le mostre e le sensory experiences, viaggiare nel video 3D o, infine, scaricare una carta stradale speciale, che tutti i visitatori potranno portare con se’ nelle loro avventure in terra etrusca.

Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone